‘L’anello ritrovato’, il corto Rai Kids che racconta ai più piccoli il ricatto dell’oro

Diretto in tecnica mista, tra fiction e animazione, il progetto ripercorre i tragici momenti del settembre 1943 attraverso gli occhi di due giovani protagonisti.

‘L’anello ritrovato’, il corto Rai Kids che racconta ai più piccoli il ricatto dell’oro

Tra fiction e animazione, dedicato ai più giovani ma con uno sguardo – e una missione – che non ha età, L’anello ritrovato è il cortometraggio Rai Kids diretto da Alessandro Celli in ricordo del tragico “Ricatto dell’oro”, gesto efferato compiuto dai nazisti nella Roma occupata del 1943. Una storia in tecnica mista e tratta da un fatto realmente accaduto, una testimonianza che mantiene viva la memoria di una delle pagine più drammatiche della storia dell’umanità.

Prodotto da Stand By Me in collaborazione con Rai Kids e il patrocinio della Comunità ebraica di Roma, L’anello ritrovato racconta la storia vera di Giacomo Moscati – adolescente all’epoca del rastrellamento del ghetto di Roma – attraverso lo sguardo di due giovani amici nel tempo presente, CeciliaDavid. L’anello ritrovato sarà in onda venerdì 26 gennaio alle ore 16 su Rai 3, sabato 27 alle 17:50 su Rai Gulp e sarà poi disponibile in streaming su RaiPlay.

“Questo è il modo per far vivere la memoria”, ha dichiarato Antonella Di Castro in rappresentanza della Comunità Ebraica di Roma in occasione della presentazione del cortometraggio nella sede Rai di Viale Mazzini. In sala anche alcune classi della Scuola Vittorio Alfieri di Roma. “Bisogna far vedere le immagini, che per i ragazzi sono il modo più semplice per cogliere il racconto. La memoria della Shoah è fatta di numeri immensi, in cui è facile perdere l’individuo. Quando penso a mio nonno, venduto per 5000 lire dal suo barbiere, un suo amico, penso che non mi aspetterei mai una cosa così da una vicina di casa, per cui soltanto comprendendo ciò che è stato possiamo impedire che accada di nuovo”.

I fatti storici da cui il cortometraggio prende spunto partono dal settembre del 1943 quando – all’indomani dell’occupazione nazista di Roma – il comandante della Gestapo a Roma Herbert Kappler ordinò ai vertici della Comunità Ebraica di consegnare, in trentasei ore, cinquanta chilogrammi d’oro, pena la deportazione di 200 ebrei. Gli ebrei di Roma si mobilitarono per tentare di salvarsi: tra loro c’era anche Giacomo Moscati, allora adolescente, che volle contribuire con un anello d’oro ricevuto per il suo Bar Mitzvah sui cui erano incise le sue iniziali, G.M.

Nonostante i 50 kg d’oro fossero stati consegnati in tempo, i nazisti entrarono nel ghetto all’alba del 16 ottobre 1943, arrestando 1259 persone. Di questi, dopo alcuni rilasci, 1022 tra adulti e bambini vennero deportati direttamente ai campi di sterminio. Nel 1945, alla fine della guerra, di quel convoglio tornarono vivi solo in sedici, quindici uomini e una donna.

“È stato fatto un lavoro prezioso di ricostruzione di com’era la Comunità Ebraica, allora. Tutti i riferimenti e tutti i luoghi presenti nel cortometraggio sono veri. Abbiamo unito più storie vere”, ha dichiarato Simona Ercolani, produttrice. La storia è stata adattata dai fatti realmente accaduti da Simona Ercolani, Tancredi Maria AnzaloneFilippo Gentili, Angelo Pastore. Protagonisti della vicenda due giovanissimi interpreti, Mariandrea Cesari, già al centro dello speciale La Cartolina di Elena, presentato l’anno scorso, e Liam Mario Nicolosi (Di4ri).

autore
22 Gennaio 2024

Cortometraggi

Cortometraggi

‘House of Terror’, Dario Argento nel cortometraggio contro la violenza domestica sui bambini

Nella Giornata Internazionale dei Bambini Innocenti Vittime di Aggressioni l’UNICEF Italia lancia il cortometraggio House of Terror, diretto dal regista Francesco Calabrese e prodotto da Think Cattleya e Saatchi & Saatchi

Cortometraggi

‘Camplus Short Movie Contest’, dietro la telecamera gli studenti

Vince la commedia The Bottle Project, prodotta dal team ‘Giovani Portici’ di Camplus San Felice. Palomar e Indigo in giuria

Cortometraggi

‘È stato un sogno’: al via le riprese del corto dei ragazzi di FilmLab

Promosso dal Salone del Mobile, con il sostegno del corpo docenti di FilmLab, OffiCine-Ied annuncia l'inizio delle riprese del nuovo cortometraggio dell'edizione 2024

Cortometraggi

‘Piccoli passi’, l’inizio delle riprese del nuovo corto con Anna Ferzetti

Dal 7 maggio il via ufficiale al secondo cortometraggio realizzato dai ragazzi di FilmLab di OffiCine-IED in collaborazione con Cosmetica Italia per raccontare una storia universale: l'accettazione di sé


Ultimi aggiornamenti