‘Wonka’, in vetta, è già il film delle feste, Ficarra e Picone, al secondo posto, non sfondano

Wonka, in vetta, è già il film delle feste, Ficarra e Picone, al secondo posto, non sfondano

‘Wonka’, in vetta, è già il film delle feste, Ficarra e Picone, al secondo posto, non sfondano

È un fine settimana pre-natalizio di debutti importanti che inizia già a dare qualche indicazione su come andranno le feste al cinema. In vetta alla classifica è arrivato subito Wonka di Paul King che, in quattro giorni, ha ottenuto più di 3,1 milioni di euro. Il film con il divo del momento, Timothée Chalamet, che racconta le origini del personaggio del romanzo di Roald Dahl La fabbrica di cioccolato, conquista il pubblico italiano (411mila spettatori), ottenendo la migliore media per cinema (6.148 euro) e candidandosi a film delle feste.

Al secondo posto, pur con un risultato importante, di più di 1,2 milioni di euro e la seconda media per cinema di 2.493 euro (uno dei migliori esordi di una commedia italiana nel periodo postpandemico), Santocielo di Francesco Amato con Ficarra e Picone non ottiene i risultati del precedente film del duo comico. Il primo Natale infatti (un discorso a parte andrebbe fatto per La stranezza di Roberto Andò partito con 1,1 milioni di euro perché non rientra nei loro film ‘comici’), nello stesso identico fine settimana, aveva esordito con 3,2 milioni di euro. Eravamo nel 2019, quindi prima della pandemia, quando ancora la commedia nazionale non aveva subito una battuta d’arresto come genere più amato dal pubblico italiano. A questo proposito il fenomeno Cortellesi continua a macinare numeri e C’è ancora domani, al suo ottavo fine settimana, è quarto con altri 610mila euro e un totale che ha superato i 30,5 milioni di euro. L’obiettivo, non più irraggiungibile, sono i 32,1 milioni di euro di Barbie che in realtà è stato già superato per numero di spettatori.

Buon debutto per Ferrari di Michael Mann al terzo posto con quasi un milione di euro contando anche le anteprime. Brutte notizie invece per Adagio di Stefano Sollima che, pur con un cast d’eccezione formato da Pierfrancesco Favino, Valerio Mastandrea e Toni Servillo, ottiene al suo debutto solo la quinta posizione con 389mila euro. Un risultato sideralmente lontano dal precedente film girato in Italia dal regista romano, Suburra che, nell’ottobre del 2015, debuttava con quasi due milioni di euro. 

Continua ad avere il favore del pubblico italiano Woody Allen che, con Un colpo di fortuna al settimo posto, supera 1,6 milioni totali mentre subito dopo Napoleon di Ridley Scott raggiunge i 7,5 milioni e supera il milione di spettatori con uno dei risultati mondiali più importanti per il film con Joaquin Phoenix. 

E se gli altri debutti del fine settimana finiscono molto distanti dalla Top Ten, Il maestro giardiniere di Paul Schrader è 22esimo e 20.000 specie di api di Estibaliz Urresola Solaguren è 26esimo, c’è da segnalare l’ottimo risultato dell’evento sulla band sudcoreana  Seventeen Tour Follow to Japan all’11esimo posto in soli due unici giorni di uscita, ma anche lo straordinario risultato di La chimera di Alice Rohrwacher al suo quarto fine settimana  al nono posto con la quinta media per cinema e una perdita, rispetto a quello scorso, di solo -37 per cento (la più bassa dei film della Top Ten). A dimostrazione che il passaparola è ancora una delle componenti fondamentali per la formazione del pubblico, soprattutto per un certo tipo di film.

I dati generali del weekend segnano un +1,5 per cento su quello precedente, un -22 su quello del 2022 (ma debuttava Avatar 2) e un +11,1 su quello della media degli anni 2017-2019.

Ecco la Top Ten con in grassetto gli esordi del fine settimana. Dati Cinetel

1. Wonka [Warner Bros]: 3.116.832 euro/411.517 spettatori; 507 schermi/6.148 euro di media per cinema; totale 3.123.269 euro [4 giorni]

2. Santocielo [Medusa Film]: 1.274.118 euro/181.819 spettatori; 511/2.493; tot. 1.298.766 [4 giorni]

3. Ferrari [01 Distribution]: 823.776 euro/110.125 spettatori; 385/2.140; tot. 987.747 [4 giorni]

4. C’è ancora domani [Vision/Universal]: 610.628 euro/92.109 spettatori; 398/1.534; tot. 30.591.971 [8 settimane]

5. Adagio [Vision/Universal]: 382.678 euro/54.128 spettatori; 321/1.192; tot. 389.864 [4 giorni]

6. Prendi il volo [Universal]: 350.826 euro/51.570 spettatori; 462/759; tot. 2.143.091 [2 settimane]

7. Un colpo di fortuna [Lucky Red]: 328.735 euro/47.233 spettatori; 339/970; tot. 1.635.340 [2 settimane]

8. Napoleon [Eagle Pictures]: 254.586 euro/33.055 spettatori; 249/1.022; tot. 7.533.438 [4 settimane]

9. La chimera [01 Distribution]: 103.206 euro/14.472 spettatori; 71/1.454; tot. 615.027 [4 settimane]

10. Hunger Games – La ballata dell’usignolo e del serpente [Medusa/Notorious]: 67.225 euro/8.510 spettatori; 77/873; tot. 5.548.345 [5 settimane]

autore
18 Dicembre 2023

Box Office. L'analisi

Box Office. L'analisi

‘Inside Out 2’, ancora in vetta a un mese dall’uscita, è il sesto incasso dal 2000 ad oggi

Appaiati, al secondo e al terzo posto, Immaculate - La prescelta e Fly Me to the Moon - Le due facce della luna. Non funziona Dostoevskij, la prima serie dei fratelli D'Innocenzo al sesto posto

Box Office. L'analisi

‘Inside Out 2’, sempre in vetta alla terza settimana, è già uno dei maggiori incassi degli ultimi 25 anni

Al secondo posto la riedizione, nel ventennale, di Harry Potter e il prigioniero di Azkaban che beneficia di Cinema Revolution

INSIDE OUT 2
Box Office. L'analisi

‘Inside Out 2’ miglior incasso di sempre per un film d’animazione

Avendo occupato più dell’83% dell’intero mercato, Inside Out 2 lascia al resto della Top Ten le briciole con l’esordiente A Quiet Place - Giorno 1 al secondo posto con 411mila euro


Ultimi aggiornamenti