‘Profondo Argento’, alla Festa del Cinema il docufilm coprodotto da Luce Cinecittà

Il 21 ottobre la prima mondiale del documentario sul maestro dell’horror


Sarà presentato in prima mondiale alla diciottesima Festa del Cinema di Roma, nella sezione Storia del Cinema, Profondo Argento, il film documentario di Giancarlo Rolandi e Steve Della Casa, prodotto da Baires Produzioni Luce Cinecittà, che racconta la parte meno nota e più intima del maestro internazionale del brivido, Dario Argento.

In una conversazione densa e complice, il regista, accompagnato da testimoni d’eccezione tra cui la figlia Asia, l’autore bestseller e regista Donato Carrisi, il grande direttore della fotografia Luciano Tovoli e altri, e preziosi materiali filmici e d’archivio, squaderna una serie di temi personali che hanno costruito una personalità di autore unica, e amata in tutto il mondo.

Profondo Argento sarà presentato in prima assoluta alla Festa del Cinema di Roma Sabato 21 ottobre alle 21.30 alla Casa del Cinema, in un appuntamento speciale che vedrà a seguire la proiezione del suo capolavoro più noto, Profondo rosso, nella versione restaurata in 4K.

 

Dario Argento, uno dei più acclamati registi italiani nel mondo, oggetto di un culto trasversale che abbatte le barriere generazionali, quasi fosse una rockstar, è in realtà una persona che ha sempre difeso e protetto la sua sfera privata. Una vita ricca di soddisfazioni, eventi, incontri clamorosi, una faccia inconfondibile per chiunque, non solo nell’ambiente del cinema, una presenza costante nel mondo dello spettacolo dal suo esordio, più cinquant’anni fa, con un titolo quasi mitologico, L’uccello dalle piume di cristallo. I suoi fan elencano i titoli dei suoi film nemmeno fosse una formazione di calcio: Il gatto a nove code, 4 mosche di velluto grigio, Le cinque giornate, Profondo rosso, Suspiria, Inferno, Tenebre, Phenomena, Opera, Due occhi diabolici (con George Romero), Trauma, La sindrome di Stendhal, Il fantasma dell’opera, Non ho sonno, Il cartaio, La terza madre, Giallo, Dracula 3D, Occhiali neri. e gli episo di Jenifer e Pelts della serie tv americana Masters of horror. Titoli argentiani doc, per quanto imitati da una schiera di registi assurti a giallisti sulla sua scia trionfale. Eppure chi conosce realmente Dario Argento? Nelle interviste si è sempre concesso con generosità, forse ricordando quando era lui il giovane cronista di ‘Paese Sera’ al cospetto di star come John Wayne, offrendo spunti interessanti sulla nascita dei suoi film o sulla costruzione di una scena ed esponendosi anche su fatti personali, ma riuscendo sempre a salvaguardare se stesso, i suoi pensieri più profondi, le scelte più intime.

Senza avere la pretesa di raccontare la sua vita e nemmeno la sua lunghissima carriera, il documentario prodotto da Baires Produzioni e Luce Cinecittà procede come una rapsodia, in cui sono privilegiati, tra i tanti spunti, una decina di temi: la madre appartenente alla famosa famiglia di fotografi Luxardo, il padre produttore, gli inizi come critico e sceneggiatore, l’esordio alla regia, il rapporto con la musica e l’architettura-elementi fondamentali della sua opera-i maestri, gli amici e gli imitatori, i suoi gusti letterari e cinematografici, l’evoluzione dei generi e della sua carriera, le figlie Fiore e Asia. Infine il suo vero lato oscuro: la comicità, che affiora spesso nella sua vita quotidiana e persino tra i suoi incubi cinematografici.

Argento è il protagonista assoluto: nell’intimità della sua casa, con le persone che ama o apprezza, tra le location dei suoi film, inseguendo il sogno di un’ideale città argentiana, con misteriose porte aperte verso altri universi come accade nella serie televisiva Stranger Things. In questo viaggio è accompagnato dagli spezzoni delle sue opere, che riemergono dal passato per dialogare con il presente, insieme a foto e documenti del suo archivio personale. A comporre un puzzle color Argento.

autore
11 Ottobre 2023

Luce Cinecittà

Luce Cinecittà

Luce Cinecittà a Locarno 77 con Sara Fgaier e Adele Tulli

Per il Concorso Internazionale è in lizza ‘Sulla terra leggeri’, l’opera prima di Sara Fgaier, mentreReal, il nuovo film di Adele Tulli, concorre nella sezione Cineasti del Presente

Luce Cinecittà

‘Bellezza, addio’, su Sky Arte il documentario dedicato al poeta, co-prodotto da Luce Cinecittà

Il ritratto di Dario Bellezza attraverso i racconti di chi ha vissuto con lui una stagione culturale irripetibile. In esclusiva sabato 29 giugno sul canale tematico, in streaming solo su NOW e disponibile anche on demand

Luce Cinecittà

‘La Storia: il romanzo dello scandalo’, su Rai 5 il documentario coprodotto da Luce Cinecittà

In anteprima al Biografilm Festival di Bologna il documentario di Silvia Luzi su La Storia di Elsa Morante

Luce Cinecittà

‘La tartaruga’, in sala il film di Fabrizio Nardocci distribuito da Luce Cinecittà

Dopo la selezione all’ultimo Bif&st – Festival di Bari, da giovedì 6 giugno al cinema la commedia con Antonello Fassari e Nello Mascia prodotta da Damiano Andriano per Dalex Film, in collaborazione con Rai Cinema


Ultimi aggiornamenti