“Visioni Fuori Luogo” da Lecce ad Arezzo

Continuiamo il percorso alla scoperta dei progetti legati al Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola


Proseguiamo la nostra carrellata di esempi progettuali realizzati nell’ambito del Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola, riprendendo da dove ci eravamo lasciati la settimana scorsa con le iniziative proposte dalle scuole.

Accanto alle due linee CinemaScuolaLAB troviamo anche “Visioni Fuori Luogo” indirizzata a scuole secondarie situate in aree a rischio e/o aree periferiche e/o nelle zone più disagiate del Paese e/o scuole interessate dal fenomeno della dispersione scolastica.

I progetti presentati dalle scuole a valere su questa linea specifica dovevano prevedere la realizzazione con il coinvolgimento degli alunni di un prodotto audiovisivo, e nella maggior parte dei casi si è trattato di opere dedicate a tematiche sociali o strettamente legate al territorio di appartenenza.

Un primo esempio è quello del Liceo Scientifico Statale Giulietta Banzi Bazoli situato in un quartiere di Lecce, che ha dato vita al progetto “Torniamo a respirare Cinema: un corto lungo un anno” coinvolgendo 70 tra studenti e studentesse nella realizzazione di un cortometraggio. Ai giovani alunni, provenienti da classi della secondaria di I e II grado, è stata data l’opportunità di provare la vita sul set trasmettendo valori come la collaborazione e il gioco di squadra. L’intero percorso ha formato ragazzi e ragazze sulle varie fasi di produzione di un’opera dalla sceneggiatura al montaggio permettendo loro di mettere a frutto la propria creatività. Sfruttando la città di Lecce come set notturno e metropolitano è nato il corto Rubacuori che vuole essere uno sunto di riflessione sulla comunicazione odierna che avviene prevalentemente online, soprattutto nel caso delle nuove generazioni native digitali.

Per la seconda testimonianza ci spostiamo a Capolona in provincia di Arezzo dove l’I.C. G. Garibaldi ha coinvolto altri 7 istituti scolastici del territorio, condizionato da fenomeni di dispersione scolastica. Con il progetto “Fuori Campo” in ciascuna delle otto scuole è stato proposto un percorso così composto: laboratori finalizzati alla formazione e sensibilizzazione in tema di cinema e audiovisivo, produzione dell’opera filmica, corsi per i docenti e in conclusione una serie di eventi finali di restituzione dei risultati dell’iniziativa.

Studenti e studentesse hanno lavorato alla produzione di un film ad episodi, ognuno ambientato nello specifico territorio dove ha sede la scuola creando così un’opera altamente rappresentativa della realtà territoriale. Il lungometraggio realizzato La nave dei folli: otto storie alla ricerca di un approdo racconta di un uomo che, approdato in una terra sconosciuta, si mette alla ricerca di storie che “abitano” nel territorio circostante. Queste racconti sono spaccati realistici della vita adolescenziale di ragazzi e ragazze, che ne sottolineano disagi ed emozioni mettendo sotto la lente di ingrandimento i problemi quotidiani e le dinamiche sociali.

Ancora una volta, anche questi due nuovi esempi di progettualità ci mostrano come il mezzo audiovisivo possa essere per le nuove generazioni un’occasione unica per entrare in contatto con le loro emozioni e per analizzare in modo critico la realtà che li circonda.

Bruno Zambardino
09 Marzo 2024

Cinema@Scuola

Cinema@Scuola

Cinema giovane e innovazione: il Piccolo Cinema Loach sbarca a Mesagne

Il primo cinema in Italia gestito da ragazzi dagli 11 ai 18 anni

Cinema@Scuola

Scuole e piccole sale di città: due buone pratiche di educazione all’immagine

Alla scoperta del Cinemino di Milano e del Cinema dei Piccoli di Roma, due monosala che hanno meritato il finanziamento del Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola

Cinema@Scuola

David Giovani 2024, la scelta della giuria speciale

La cerimonia di premiazione è in programma per venerdì 3 maggio in prima serata su Rai 1, occasione in cui verrà consegnato anche il David Giovani al film più votato dalla giuria di studenti e studentesse

Cinema@Scuola

Il tour nelle scuole di ‘Un mondo a parte’

La distribuzione in sala del nuovo film di Riccardo Milani è stata preceduta da un tour di anteprime che ha coinvolto circa 1590 studenti e 95 professori di 12 istituti scolastici


Ultimi aggiornamenti