Alfabetizzazione all’immagine: come e perché

La seconda puntata della nostra nuova rubrica curata dalla DGCA del MiC è dedicata ad approfondire le finalità del Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola (CIPS)


Dopo aver raccontato l’avvio della nuova edizione, può essere utile ripercorrere la tappe principali e le finalità del Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola (abbreviato CIPS).

Il Piano CIPS è promosso dal Ministero della Cultura e dal Ministero dell’istruzione e del Merito, in attuazione della Legge del 14 novembre 2016, n.220 “Disciplina del Cinema e dell’Audiovisivo”, che all’articolo 27 prevede di “sostenere, di concerto con il Ministero dell’istruzione, per un importo complessivo pari ad almeno il 3% della dotazione del Fondo, il potenziamento delle competenze nel cinema, nelle tecniche e nei media di produzione e di diffusione delle immagini e dei suoni, nonché l’alfabetizzazione all’arte, alle tecniche e ai media di produzione e diffusione delle immagini”. In linea con quanto previsto dalla Legge, i due Ministeri promotori firmano un Protocollo d’Intesa triennale nel 2018, poi rinnovato nel 2021.

Il Piano CIPS prende esempio da due importanti esperienze pregresse: la riforma del 2015 detta “Buona Scuola” che prevedeva il potenziamento nell’insegnamento del cinema e dei media di produzione e diffusione delle immagini e dei suoni, e la riforma del 1999 che ha dato vita al Piano Nazionale Promozione Didattica Linguaggio Cinematografico e Audiovisivo nella Scuola.

Gli obiettivi del Piano CIPS sono molteplici, innanzitutto si tratta di contrastare l’analfabetismo iconico e contribuire alla creazione di una cultura audiovisiva comune, creando ambienti di apprendimento per competenze che pongano al centro gli studenti e le loro attuali esigenze culturali e formative. In secondo luogo si vuole arrivare alla formazione di un pubblico maturo e consapevole, favorendo la comprensione critica del presente e la capacità di interagire in modo attento con tutte le nuove tecnologie di comunicazione, come i social network, che ogni giorno mettono i giovani a contatto con materiale audiovisivo nella forma di brevi video spesso realizzati dagli stessi ragazzi e ragazze. Si vuole inoltre ristabilire un legame tra la sala cinematografica e i giovani che, soprattutto dopo gli anni del Covid, tendono a consumare prodotti audiovisivi prettamente all’interno delle mura domestiche.

Per rimanere sempre aggiornati visitare il portale web dedicato cinemaperlascuola.istruzione.it

 

 

Bruno Zambardino
03 Febbraio 2024

Cinema@Scuola

Cinema@Scuola

Le iniziative di Montebelluna e Massafra per avvicinare i ragazzi all’audiovisivo

Due progetti di rilevanza territoriale che sottolineano l’importanza di creare un ponte tra il mondo della scuola e il settore audiovisivo

Cinema@Scuola

Behind the Light, coinvolti 7500 studenti in 15 regioni italiane

Il progetto promosso dalla Fondazione Cineteca Italiana di Milano è un ottimo esempio di come la film education possa assumere diverse forme in base alle esigenze e ai destinatari

Cinema@Scuola

Piano CIPS, un catalogo digitale per scoprire le opere di studenti e studentesse

La terza puntata della nostra nuova rubrica curata dalla DGCA del MiC è dedicata ad approfondire le finalità del Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola (CIPS)

Cinema@Scuola

Quarta edizione per il Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola

Parte la nuova rubrica di Cinecittà News a cura della DGCA del MiC dedicata a Cinema@Scuola. In questo primo articolo ci occupiamo del Piano Nazionale per la Scuola del MiC e del Ministero dell'Istruzione e del Merito


Ultimi aggiornamenti