Alex Garland si prende una pausa dopo ‘Civil war’

Il regista di 'Ex machina' e 'Annientamento' è atteso nei cinema italiani dal 18 aprile con un film che segnerà l'inizio di uno stop al suo impegno dietro la macchina da presa


Arriva in sala il 18 aprile il nuovo film di Alex Garland Civil War, dopo il quale il regista ha annunciato di volersi prendere una lunga pausa. Garland ha ancora in cantiere la co-regia di Warfare, diretto con Ray Mendoza, ma in seguito, come ripetuto in numerose e recenti interviste, si fermerà per un po’.  “Non è cambiato nulla – ha dichiarato al The Guardian Garland – la penso sempre in questo modo. Non prevedo di rimettermi alla regia di un film nell’immediato”.

Garland, britannico classe 1970, ha una breve ma apprezzata filmografia perlopiù sci-fi. Il debutto alla regia, dopo aver co-diretto assieme a Pete Travis Dress – il giudice dell’apocalisse nel 2012, avviene nel 2015 con Ex Machina, film di fantascienza dedicato alla robotica e all’intelligenza artificiale. Nel 2018 invece approda su Netflix con Annientamento, adattamento dell’omonima opera letteraria di Jeff VanderMeer, con Natalie Portman protagonista, mentre è del 2022 la prima incursione nell’horror con Men.

La sua ultima opera Civil War, la più grande produzione mai realizzata da A24, è molto attesa e già discussa oltreoceano. Nel film infatti scopriamo che gli USA sono tornati a vivere l’incubo di una guerra civile. Garland è all’opera anche sulla sceneggiatura del sequel di 28 giorni dopo, che verrà diretto, come il cult uscito 22 anni fa, dall’amico e collega Danny Boyle, e interpretato dal premio Oscar Cillian Murphy.

redazione
02 Aprile 2024

Registi

Registi

‘The Movie Critic’, Quentin Tarantino cancella il progetto

Il grande regista ha cambiato idea: il suo decimo e ultimo film non sarà quello annunciato allo scorso Festival di Cannes

Registi

Roberta Torre: “Nel mio prossimo film una Alice nel paese delle meraviglie trans”

Agli Stati generali di Siracusa abbiamo intervistato la regista, che sta progettando un film di finzione basato sui libri di Porpora Marcasciano, già protagonista del suo Le favolose

Registi

150 artisti ebrei firmano una lettera aperta a sostegno di Jonathan Glazer

Anche il regista di May December Todd Haynes si è unito al messaggio di appoggio al cineasta britannico premiato per il miglior film internazionale

Registi

Jonathan Glazer dona poster firmati alla raccolta fondi “Cinema for Gaza”

Il regista premio Oscar con 'La zona d'interesse' ha partecipato all'asta di beneficenza che ha già raggiunto oltre 60mila dollari. Tra i partecipanti anche Ramy Youssef, Ken Loach e Tilda Swinton


Ultimi aggiornamenti