SeeYouSound, l’Asfalto di Delvoi vince il primo Best Italian Movie

La X edizione ha richiamato oltre 8000 presenze e ha avuto un significativo impatto economico sul territorio. Il premio Best Feature Film a 'The Invisible Fight' di Rainer Sarnet e una menzione speciale a 'Fatboy Slim: Right Here, Right Now'


La X edizione di SeeYouSound International Music Film Festival si è conclusa dopo 10 giorni, specchio di un’offerta qualitativa versatile, un’agenda densa e accordi riusciti: la manifestazione si conferma come un’iniziativa di riferimento per un pubblico composto non solo da appassionati di cinema e/o musica, ma anche da molti professionisti, torinesi e non, che si sono uniti agli spettatori di SYS.

L’edizione 2024 ha debuttato puntando in alto, ed è stata ripagata da soddisfazione concreta: sono oltre 8000 le presenze registrate dal 23 febbraio al 3 marzo, trasversalmente ai 70 appuntamenti che hanno incluso le proiezioni di 90 titoli (lungometraggi di finzione, cortometraggi, documentari e videoclip in concorso e non) e 24 tra talk, live, dj set, performance e installazioni in 7 location cittadine, inclusa l’exhibition di Tutto questo sentire che ha visto la partecipazione di circa 300 persone da Recontemporary.

Nel decimo anno del Festival, 10 sono stati anche i Sold Out: Let the canary sing di Alison Ellwood, Fatboy Slim, Right Here, Right Now di Jak Hutchcraft, Crass: the sound of speech di Brandon Spivey, Mutiny in heaven: the birthday party di Ian White, Max Roach: the drum also waltzes di Sam Pollard e Ben Shapiro, Joan Baez: I am noise di Miri Navasky, Maeve O’boyle e Karen O’connor, il best of di Christophe Chassol e le proiezioni di 3 film di Julien Temple che ha ricevuto il nuovo Seeyousound Career Achievement Award. Un numero significativo di persone è stato presente in sala anche per Littlerrichard: I am everything di Lisa Cortés, Sankara di Yohan Malka, e Subotnick: portrait of an electronic music pioneer con live Solar Pulsers di Giorgio Li Calzi, Paolo Dellapiana, Sara Berts con i visual di Giampo Coppa, e la proiezione dedicata ai cortometraggi Ultimi Imperi.

Il budget del Festival ammonta a circa 145.000 euro, di cui 13.000 assegnati da Fondazione CRT e 5.000 da sponsor privati, mentre la copertura della quota rimanente è stata stimata sulla base di fondi derivanti dai bandi pubblici ancora non assegnati e gli incassi da sbigliettamento. Una voce, quest’ultima che, a dieci anni dalla nascita del Festival, è diventata la vera garanzia di Seeyousound. L’impatto economico sul territorio, a fronte del budget ufficiale, sfiora 60.000 euro.

“In un passaggio delicato della nostra storia, la vicinanza del pubblico e di chi ha partecipato al Festival è stato decisivo e ci ha fatto capire che Seeyousound è necessario e che non continuare significherebbe lasciare un vuoto importante nella proposta culturale di Torino. Questo Festival è protetto dal pubblico e non solo; grazie a titoli attesi, a ospiti di spicco, il Festival è partecipato in tutte le sue forme; vedere come sia anche luogo e momento di incontro, con ospiti che hanno vissuto il Festival al di là delle proiezioni che li hanno visti protagonisti, ma che sono tornati a vedere altri artisti, ci dà fiducia e soprattutto conferma le nostre scelte”, dichiara Carlo Griseri, direttore di SYS.

                                                    I VINCITORI

Cominciando dal premio che debutta proprio nella ricorrenza della X edizione di SYS, espressamente dedicato al cinema italiano, la giuria composta da Benedetta Pallavidino, Sebastiano Pucciarelli e Alberto Spadafora assegna: Best Italian Movie – SysX – Lungometraggio a Asfalto che suona – Un viaggio senza meta di 19’40’’ di Roberto Delvoi. Motivazione: per la volontà di esplorare, attraverso il ritratto dei protagonisti, il valore della cultura della musica, intesa come espressione di curiosità che annulla confini, generi, metodi e regole. Best Italian Movie – SysX – Cortometraggio a Viva la notte di Francesco Zanatta.

La giuria di Long Play Feature – Concorso Lungometraggi di Finzione composta da Roberto Angelini, Linda Messerklinger e Gianni Santoro assegna il premio Best Feature Film Lp Feature Francesca Evangelisti (1000€ assegnati col supporto di BTM banca territori del Monviso) a The invisible fight di Rainer Sarnet; menzione speciale: After di Anthony Lapia.

La giuria di Long Play Doc – Concorso Documentari composta da Carlo Massarini, Marco Philopat e Virginia Eleuteri Serpieri assegna all’unanimità il premio Best Documentary Lp Doc (1.000€ assegnati grazie al supporto di BTM banca territori del Monviso) a Elis & Tom di Roberto De Oliveira; menzione speciale ex-aequo: Even hell has its heroes di Clyde Petersen; Fatboy Slim: Right Here, Right Now di Jak Hutchcraft.

La giuria di 7inch – Concorso Cortometraggi composta da Lara Casirati, Cateno Piazza e Maria Teresa Soldani assegna il premio Best Short Film – 7inch (500 €) a I thought the world of you di kurt walker; menzione speciale: Echo di Ross McClean.

La giuria di Soundies – Concorso Videoclip composta da Camilla Colibazzi, Francesco Stella e Marco Santi assegna il premio Best Music Video – Soundies (500€), col supporto di Machiavelli Music, a A barely lit path diretto da Freeka Tet per Opn Oneohtrix Point Never; menzione speciale: Absolve diretto da Paul Trillo per Jacques.

La giuria di Frequencies – Concorso Sonorizzazioni Originali composta da Ginevra Nervi, Camilla Battaglia e Simone Blasioli assegna il Best Silent Movie Ost – Frequencies (500€  assegnato col supporto di Denmark Street Torino) a Manuel Sirotti e Ettore Mancuso; menzione speciale: Jolanda Moletta.

La giuria composta dai lettori di “Torinosette” – Cristina Disavino, Marco Nicolai e Violetta Zannino – assegna il premio Audience Award – Torinosette a The cord of life di Oiao Sixue.

SeeYouSound International Music Film Festival è organizzato da associazione Seeyousound con la collaborazione di Museo Nazionale del Cinema, il patrocinio di MiC – Ministero della Cultura e Città di Torino, il contributo di Regione Piemonte, Fondazione CRT e Camera di Commercio di Torino.

Nicole Bianchi
03 Marzo 2024

SEEYOUSOUND

SEEYOUSOUND

I favolosi ‘Swinging 60s’, il ‘Blow Up’ del leggendario Antonioni

Il giornalista e critico cinematografico Franco Dassisti, voce de La rosa purpurea di “Radio 24”, con il co-autore, Michelangelo Iossa, ospiti di SeeYouTalk, format di SeeYouSound, per presentare il loro libro dedicato alla Swinging London, tra cinema e musica

SEEYOUSOUND

Quando Claudio Galuzzi disse a Sepúlveda che sarebbe diventato un grande autore

Gregory Fusaro ha scritto e diretto Se il cielo è tradito, biografia dell’artista underground la cui impronta ancora vive e la cui essenza ancora contamina di poesia le Arti: “nelle fabbriche facevano proteste distribuendo volantini in versi, attraverso la poesia diffondevano il malessere del lavoratore”

SEEYOUSOUND

‘Ultimo Impero’, la caduta della giovinezza dell’Occidente in un western postatomico

Il regista Danilo Monte racconta una storia d’identità umana, tra miseria e solitudine, in cui quella che fu la discoteca più grande d’Europa, evocata nel titolo, si fa ventre per due anime erranti. Solo un inatteso gesto d’umanità dà un colpo di ossigeno al presente

SEEYOUSOUND

Roberto Delvoi e l’asfalto che suona

Parola al regista di un doc on the road, nelle tappe mai immobili della sperimentazione e dell’audacia musicali della Collana discografica di musica anti-classica 19'40'': la crew dal vivo dopo l’anteprima


Ultimi aggiornamenti