Per Minervini, spiritualità secolare e dannazione eterna

'I dannati' - in Concorso a Un certain regard - usa il contesto della guerra di Secessione per arrivare alle più alte riflessioni sulla natura umana. Il film esce nelle sale italiane il 16 maggio distribuito da Lucky Red


CANNES – Sembra un film sulla guerra, è un film sulla spiritualità, una riflessione meditativa sull’esistenza.

Per I dannati (The Damned) di Roberto Minervini – coproduzione Italia, Stati Uniti e Belgio, in Concorso nella sezione Un certain regard – siamo nella guerra di Secessione americana, corre l’anno 1862 quando l’esercito degli Stati Uniti invia nell’Ovest una compagnia di soldati volontari a pattugliare quelle lande inesplorate: qual è per l’essere umano il senso di una missione? Sono in gioco il senso di Patria e il senso della vita.

Due lupi s’avventano su una carcassa, ne arrivano altri: da quell’animale esanime strappano fuori le budella, la creatura viene smembrata; per quanto sia una prassi del ciclo della Natura, per Minervini sembra un simbolo questa prima sequenza, che introduce al lento e introspettivo riflettere degli uomini – lì mandati a mappare il territorio – sulla consistenza del valore dell’impegno e sulla propria libertà. Ricorrono fondamentali discorsi sull’importanza della famiglia, del proprio Paese, di Dio.

Infatti, questa missione è anche l’occasione per un confronto tra generazioni – perché, per esempio, ci sono un padre e i suoi due figli, nemmeno maggiorenni, insomma poco più che bambini potremmo dire -, e a uno di loro, 16enne, un altro soldato insegna a usare la pistola, che quello aveva già utilizzato, sì, ma per sparare a conigli e scoiattoli, non a esseri umani.

Lì, in questo luogo che sembrerebbe dimenticato dal Signore e dagli uomini, succede che il gruppo improvvisamente sia attaccato da forze militare avverse: lo scontro a fuoco è unico e intenso, non fa sconti, così al campo base i sopravvissuti tornano con i cadaveri dei compagni e mentre ci si lava al fiume non si può fare a meno di piangere. Il decano resta con i feriti, mentre quattro compagni partono a dorso di cavallo per una spedizione verso il valico ed è questa parte del “viaggio” a far addentrare nell’aspetto interiore e più profondo della riflessione intima, spirituale appunto: c’è un passaggio parlato del film che restituisce la chiave del pensiero, quando uno di loro dice che “non uccidere è un comandamento – dunque un’indicazione dettata dalla Fede -, eppure affermiamo di far bene facendo la guerra … abbiamo superato la linea”, chiosa l’uomo, con queste parole indicando come si creda… di sapere la differenza tra bene e male, ma è davvero così?

Un altro passaggio di alta riflessione è quando il più piccolo del gruppo ammette di essere “ancora troppo giovane per sapere cosa sia un Uomo”, e l’adulto lo incoraggia: “bisogna saper aspettare, avere pazienza … diventi un Uomo quando perdoni te stesso e gli altri”.

I dannati esce nelle sale italiane dal 16 maggio distribuito da Lucky Red.

16 Maggio 2024

Cannes 2024

Cannes 2024

Il cinema indie americano di Sean Baker conquista Cannes

Le dichiarazioni dei premiati di Cannes 77, dall'autore della Palma d'oro Anora fino al regista dissidente iraniano Mohammad Rasoulof, passando per il Grand Tour di co-produzione italiana di Gomes

Cannes 2024

L’attrice transgender Karla Sofia Gascón: ‘Emilia Pérez, un film contro gli stereotipi’

Quello diretto da Jacques Audiard è stato l’unico titolo a ricevere un doppio premio. L’attrice spagnola ha dichiarato: "ho capito che molta gente potrà cominciare a essere guardata in faccia, persone come me, denigrate, insultate”

Cannes 2024

Per Favino “in un mondo che distrugge il senso di comunità, questa Giuria è un’esperienza da cui prendere esempio”

La presidente Greta Gerwig e i colleghi commentano il palmarès. L’intero parterre, alla fine della tradizionale conferenza di chiusura, s'inchina alla locandina, omaggiando Akira Kurosawa

Cannes 2024

Cannes 77, Palma d’oro per ‘Anora’ di Sean Baker

La storia di una spogliarellista newyorkese che si sposa con il figlio di un oligarca russo: regia di Sean Baker, interpretato da Mikey Madison


Ultimi aggiornamenti