Nasce a Bologna la prima sala in un carcere

Giovedì 24 ottobre apre i battenti a Bologna il cinema AtmospHera, prima sala cinematografica in Italia all’interno di una casa circondariale, aperta a tutti


Giovedì 24 ottobre apre i battenti a Bologna il cinema AtmospHera, prima sala cinematografica in Italia all’interno di una casa circondariale, aperta a tutti. A portare il grande schermo all’interno della Casa Circondariale Rocco D’Amato di Bologna è l’Associazione Cinevasioni in collaborazione con la direzione della Casa Circondariale, grazie al contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Gruppo Hera, Comune di Bologna, Legacoop Bologna, con il sostegno di Rai Cinema e con il patrocinio dell’Università di Bologna – CITEM.

Il taglio del nastro è previsto giovedì 24 ottobre alle 9.30, alla presenza delle istituzioni cittadine con la proiezione di Ammore e malavita dei Manetti Bros, presenti in sala per incontrare il pubblico al termine del film.

Il cinema AtmospHera è a tutti gli effetti una nuova sala cinematografica di Bologna e non solo del carcere, in controtendenza alla media nazionale dove le sale di città tendono a sparire. Nata dalla ristrutturazione della Sala polivalente della Rocco D’Amato finanziata dal Gruppo Hera, la sala è dotata di circa 150 posti, con uno schermo fisso, un impianto audio-video professionale e pannelli fonoassorbenti. Secondo la formula già sperimentata nelle prime due edizioni di Cinevasioni – il primo festival del cinema organizzato e proiettato all’interno di un carcere – le proiezioni saranno aperte anche al pubblico esterno, con particolare attenzione alle scuole superiori e Università, al fine di creare una rete di condivisione culturale tra varie realtà. L’obiettivo è quello di avviare una programmazione regolare, dando la possibilità anche ai detenuti di guardare i film appena usciti al cinema.

 

redazione
23 Ottobre 2019

Esercenti

Esercenti

“Cinemini: al cinema con i bebè!” alla Sala Troisi di Roma

L'annuncio sul sito: "speciali proiezioni a misura di neonato con luci soffuse, audio ridotto e pianto libero"

Esercenti

Anac: “Inaccettabile la chiusura dell’Odeon di Milano”

In un comunicato ufficiale, l’Associazione Nazionale Autori Cinematografici e il Premio Carlo Lizzani hanno considerato di “estrema gravità” la chiusura della storica sala cinematografica Odeon, avvenuta pochi giorni fa a Milano

Esercenti

Chiude il cinema Odeon a Milano, è la fine di un’epoca

Scampato anche ai bombardamenti del 1943, al suo posto nascerà un centro commerciale, a poca distanza da 'La Rinascente'.

Esercenti

Cinema in Festa, cinque giorni di biglietti scontati

Torna il Cinema in Festa, cinque giorni di film in sala a prezzo agevolato. Un progetto nato nel 2022 e che proseguirà fino al 2026


Ultimi aggiornamenti