‘Monkey man’, standing ovation al SXSW per il film di Dev Patel

In occasione del festival South By Southwest di Austin, Dev Patel ha presentato in anteprima mondiale il suo nuovo progetto girato durante la pandemia. Il pubblico commosso si è lasciato andare a un lunghissimo applauso

‘Monkey man’, standing ovation al SXSW per il film di Dev Patel

All’SXSW di Austin, di solito, non si assiste a delle standing ovation ma, alla fine della proiezione dell’anteprima del nuovo film Monkey Man diretto da Dev Patel (The millionare, Lion), il Paramount Theatre è esploso di entusiasmo. Come riporta Deadline, Jordan Peele, produttore del film, presente alla convention per presentare la proiezione della prima fatica da regista di Patel ha dichiarato: “Questo è un film che semplicemente esige di essere visto in un cinema con un enorme pubblico di fan”. “Non ho mai visto qualcuno riversare cuore, anima, corpo, mente ed energia in un film, in una storia, come ha fatto questo uomo”, ha continuato Peele parlando a Patel.

Durante lo showcase festival conosciuto a livello internazionale, che quest’anno si tiene dall’11 al 16 marzo, l’attore, sceneggiatore, produttore e, questa volta anche regista, presentando la sua opera prima ha ricevuto un caloroso e, a quanto pare, meritatissimo applauso per la sua interpretazione in Monkey Man. Patel in questo suo primo progetto veste i panni di Kid, un giovane in cerca vendetta per la morte della madre causata da un poliziotto corrotto. Il film ambientato in India si ispira alla leggenda della divinità induista Hanuman, un’icona che incarna forza e coraggio.  “Quello che vedrete è un ragazzo che non ha una battuta pronta per ogni scenario, non è il tipo più grosso della stanza e non sembra che vincerà. Perché è un underdog. Ed è quello che ho sempre sentito di essere per tutta la mia fottuta vita”, ha detto il regista.

Patel, parlando del suo nuovo film ha dichiarato di essere stato ispirato dall’ amore che ha sempre provato per i film di Bruce Lee, i film coreani, i titoli di Bollywood e le storie che gli raccontava suo nonno quando era bambino. “Sono sceso di nascosto quando ero piccolo e ho guardato Bruce Lee sullo schermo attraverso il corrimano in Enter the Dragon. Non avevo mai visto nessuno che assomigliasse vagamente a me e questo ragazzo aveva lo stesso pigmento della mia pelle, e da quel giorno in poi mi sono innamorato dei film d’azione”, ha raccontato Patel. “Penso che il genere d’azione sia stato a volte abusato dal sistema” (…) “volevo dare al film una vera anima, un vero trauma, un vero dolore e voi meritate questo. E volevo infondere un po’ di cultura.”

Monkey man è il frutto di un duro percorso di realizzazione in quanto è stato girato con ogni tipo di avversità durante la pandemia; tra cui la perdita del suo elettricista a causa di un attacco di cuore, il piede di Patel rotto due settimane prima dell’inizio delle riprese e, durante la fase di produzione, anche la rottura della mano. Patel, raccontando delle sventure sul set ammesso: “La gente pensava che fossi impazzito. Sono stato lontano per un po’. Leggevo tutte queste cose su internet, ‘Dove sono finiti?’ ‘Cosa gli è successo?'”. L’attore ha poi continuato dicendo: “Ho messo tutto in questo film, l’ho girato nel più grande slum dell’India, è arrivata la pandemia, e il film è andato giù. Tutto ciò che poteva andare storto è andato storto. E poi Jordan è arrivato alla fine, l’ha raccolto da terra, ha spazzato via la polvere e l’ha messo sul caminetto.”

autore
12 Marzo 2024

Festival

Festival

Al Guerre&Pace FilmFest un focus sul conflitto Israelo-Palestinese

Lunedì 22 luglio il festival apre con il film I bambini di Gaza - Sulle onde della libertà di Loris Lai. Tutte le sere in collaborazione con l’Archivio Luce sono presentate anche le pillole “100 anni Luce”

Festival

‘Lucca Film Festival for Future’, la sostenibilità al cinema

All’interno del Lucca Film Festival, è il concorso riservato ai cortometraggi che trattano temi legati alla salvaguardia del futuro, sia dal punto di vista ambientale che sociale

Festival

Torna la Festa del Gemellaggio, il cinema fra Parigi e Roma

Al via Dolcevita-sur-Seine e Nouvelle Vague sul Tevere. In apertura l’omaggio del Festival a Marcello Mastroianni a 100 anni dalla nascita, realizzato in collaborazione con Cinecittà

Festival

San Quentin, il primo festival del cinema in un carcere americano

Jeffrey Wright, Billy Crudup, Mary Louise Parker e Kathy Najimy tra gli attori che fanno parte della giuria della prima manifestazione cinematografica che si tiene all’interno di un istituto di pena degli Stati Uniti


Ultimi aggiornamenti