Mixed by Erry, i fratelli Frattasio denunciano Amazon: “ha rubato il nostro marchio”

Enrico e Beppe Frattasio, tra fine anni '70 e inizio '90 re indiscussi della pirateria (una vicenda narrata da Mixed by Erry di Sydney Sibilia) accusano Amazon di vendere capi di abbigliamento legati al loro marchio e per cui scontarono anni di carcere


Tra fine anni ’70 e inizio ’90, i fratelli Frattasio sono stati i re indiscussi della pirateria in audiocassetta per questo la loro storia è stata raccontata dal film di Sydney Sibilia dal titolo Mixed by ErryProprio quest’ultimo, prodotto da Amazon, è ora sotto accusa per l’utilizzo improprio del marchio coniato dai fratelli, per anni al centro di magliette e indumenti brandizzati. “Abbiamo denunciato Amazon per l’utilizzo del nostro marchio Mixed by Erry su una linea di abbigliamento in vendita sulla piattaforma – hanno spiegato i Frattasio a La Stampa – è come se un milionario prendesse il reddito di cittadinanza…”.

Qualcuno avrebbe avvertito Beppe e Enrico “Erry” Frattasio su Instagram, segnalando la presenza di articoli brandizzati “Mixed by Erry” – marchio a cui si legano vicende che costarono ai fratelli anni di carcere – su Amazon.

“Fosse stato un piccolo negozio, un ragazzo o un poveretto avremmo lasciato perdere, ci poteva anche stare, ma con Amazon è diverso. Se ce ne avessero parlato avremmo potuto magari accordarci, così ci avremmo guadagnato anche noi, ma così no: noi veniamo da disgrazie legate al nostro marchio, è come se si falsificassero Dolce e Gabbana e Armani”. Prosegue Erry: “Per noi è stato un fulmine a ciel sereno, la vendita di Amazon è andata avanti per mesi. Ora come si permette un colosso del genere di comportarsi così? È come se a loro fosse tutto concesso, perché un piccolo imprenditore non si sarebbe azzardato a fare una cosa del genere”. Come spiega La Stampa, Mixed by Erry potrebbe ricevere una tutela legale dalle stesse sedi giudiziarie che processò e condannò i fratelli ideatori del marchio.

autore
28 Settembre 2023

Pirateria

Pirateria

FAPAV plaude all’operazione antipirateria audiovisiva

Federico Bagnoli Rossi: “Non bisogna abbassare la guardia, il fenomeno colpisce tutte le industrie culturali e incide sullo sviluppo dell'economia del nostro Paese”

Pirateria

Pirateria, perdita stimata 2 miliardi di euro di fatturato: a rischio 11mila posti di lavoro

I dati dall’indagine Ipsos per Fapav, riferita all’anno 2023. I pareri del presidente Federico Bagnoli Rossi, di Rutelli (Anica), Alberto Barachini (sottosegretario con delega all'informazione e all'editoria), Capitanio (Agcom) e De Siervo (Lega Serie A)

Pirateria

‘Il cinema siete voi’, al via la campagna contro il camcording

Da oggi nelle sale cinematografiche sei spot promossi da FAPAV in collaborazione con ANEC, ANICA ed MPA e con il supporto di Deluxe per sensibilizzare il pubblico e contrastare la pirateria

Pirateria

FAPAV lancia LABS, società per promuovere la legalità e tutelare le industrie audiovisive

L'anno della Federazione per la Tutela delle Industrie dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali si chiude con la nascita del "Learn Antipiracy Best Skills", che si occuperà di progetti di alta formazione per contrastare la pirateria


Ultimi aggiornamenti