‘Il cinema siete voi’, al via la campagna contro il camcording

Da oggi nelle sale cinematografiche sei spot promossi da FAPAV in collaborazione con ANEC, ANICA ed MPA e con il supporto di Deluxe per sensibilizzare il pubblico e contrastare la pirateria


Arriva in sala da oggi “Il cinema siete voi”, campagna di sensibilizzazione promossa da FAPAV in collaborazione con ANEC, ANICA, MPA ed il supporto di Deluxe. L’iniziativa nasce per diffondere una maggiore consapevolezza dell’impegno civile necessario nel contrasto alla pirateria audiovisiva e nello specifico del camcording. “Il cinema siete voi” mette a disposizione degli esercenti sei spot da trenta secondi declinati per generi cinematografici (Animazione, Cinema d’autore, Fantascienza, Horror, Storico, Supereroi) e con la partecipazione straordinaria di alcune delle più note voci del doppiaggio italiano come Alberto Angrisano, Paola Del Bosco, Christian Iansante, Perla Liberatori, Valentina Mari e Francesco Pezzulli.

La campagna prevede anche un sito dedicato e altri materiali informativi di sensibilizzazione verso il grande pubblico disponibili nell’area riservata del sito

“La pirateria continua a rappresentare una grave minaccia per la nostra comunità audiovisiva globale, danneggiando film e imprese di tutte le dimensioni e nazionalità” – ha dichiarato il Presidente FAPAV. “Il rischio è che in futuro ci saranno sempre meno film da vedere, con gravi conseguenze anche per quanto riguarda il tessuto occupazionale del comparto audiovisivo. Per questo è importante agire ora e coinvolgere lo spettatore, sottolineando l’importanza del suo ruolo e ringraziandolo per aver scelto di vedere il film legalmente”.

Proprio oggi diventerà pienamente operativa anche la piattaforma “Piracy Shield” di AGCOM, che consentirà il blocco entro 30 minuti dell’accesso a nomi di dominio e indirizzi IP che condividono illecitamente contenuti sportivi live protetti da Diritto d’Autore. “Uno strumento fondamentale per il futuro del contrasto alla pirateria online” – ha concluso Bagnoli Rossi. Secondo le statistiche, infatti, 9 film su 10 che escono in sala sono vittime di questa pratica, con ripercussioni e ingenti danni che coinvolgono l’intera filiera dell’audiovisivo, i suoi lavoratori e gli stessi consumatori.

“Un traguardo legislativo importante” – ha sottolineato il Presidente FAPAV Federico Bagnoli Rossi – “Nonostante la modalità prevalente della pirateria audiovisiva sia quella digitale, non bisogna dimenticare che la fonte principale, per quanto riguarda le nuove uscite cinematografiche, è spesso il camcording, ossia l’illecita registrazione in sala dell’audio o del video di film, che viene successivamente immesso online sulle piattaforme illegali”.

 

01 Febbraio 2024

Pirateria

Pirateria

FAPAV lancia LABS, società per promuovere la legalità e tutelare le industrie audiovisive

L'anno della Federazione per la Tutela delle Industrie dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali si chiude con la nascita del "Learn Antipiracy Best Skills", che si occuperà di progetti di alta formazione per contrastare la pirateria

Pirateria

Pirateria tv: l’inchiesta internazionale. 21 indagati e segnale bloccato: plauso della Fapav

Un'operazione di Polizia e Dda di Catania: fermo immediato del flusso illegale delle Iptv e dei siti di live streaming delle più note piattaforme

Pirateria

Fapav, Bagnoli Rossi: “Importante puntare sulle nuove generazioni”

Secondo Federico Bagnoli Rossi, Presidente FAPAV “le nuove generazioni hanno compreso il valore del contenuto audiovisivo e di intrattenimento e ne fruiscono in modo molto più personale rispetto al passato"

Pirateria

Mixed by Erry, i fratelli Frattasio denunciano Amazon: “ha rubato il nostro marchio”

Enrico e Beppe Frattasio, tra fine anni '70 e inizio '90 re indiscussi della pirateria, accusano Amazon di vendere capi di abbigliamento legati al loro marchio


Ultimi aggiornamenti