Addio a Elliot Silverstein, regista di ‘Un uomo chiamato cavallo’

Aveva 96 anni. Esordì nel 1965 con il film 'Cat Ballou' che ottenne 5 candidature all'Oscar e il premio per il Miglior Protagonista a Lee Marvin


Il regista statunitense Elliot Silverstein, noto per aver diretto il film Un uomo chiamato cavallo, è morto venerdì 24 novembre a Los Angeles all’età di 96 anni. L’annuncio della scomparsa è stato dato lunedì sera dalla famiglia.

Iniziò a dirigere film a partire dagli anni ’60, esordendo con Cat Ballou (1965), una commedia ambientata nel vecchio West con protagonista Jane Fonda e che gli fece guadagnare cinque candidature agli Oscar e il premo dell’Academy per il miglior attore protagonista a Lee Marvin. Seguirono altri film che riscossero un notevole successo di pubblico, tra i quali Cominciò per gioco… (1967) e La macchina nera (1977). Ha diretto anche il cult movie Un uomo chiamato cavallo (1970), con Richard Harris nel ruolo principale di un aristocratico inglese che alla fine diventa il capo della tribù di nativi che lo aveva catturato e torturato.

Oltre che in campo cinematografico, Elliot Silverstein diresse anche numerosi episodi di serie televisive, quali La parola alla difesa, Sotto accusa, Ai confini della realtà, The Nurses, La famiglia Brock e I racconti della cripta. Nel 1994 diresse il suo ultimo film, Incendio assassino, prima di ritirarsi definitivamente dal cinema e dedicarsi all’insegnamento all’Università della California.

Figlio di un medico, Elliot Silverstein era nato il 3 agosto 1927 a Boston ed era cresciuto a Dorchester, nel Massachusetts; frequentò la Roxbury Memorial High School for Boys, il Boston College, dove cambiò indirizzo scolastico da biologia a teatro, e la Yale University per dedicarsi alla regia. Dopo aver prodotto e diretto opere teatrali per la Brandeis University – tra cui una con la direzione musicale di Leonard Bernstein -, nel 1955-56 diresse la serie televisiva “Omnibus”. Dopo aver diretto alcune commedie a Broadway, Silverstein cominciò soprattutto a firmare la regia di episodi di serie televisive, come Suspicion, Scacco matto, Route 66, Ellert Queen, Lotta senza quartiere, Dottor Kildare.

farewell

Schloendorff e Herzog protestano contro la censura al film Padre padrone
farewell

Le parole di Paolo Taviani per la retrospettiva di Londra

"A Londra vengono proiettati tutti i nostri film, è la prima volta che accade. Vittorio sarebbe commosso da questo amore dei figli di Shakespeare”. Queste le parole del grande regista scomparso, scritte per il sito BFI in occasione della retrospettiva londinese del cinema suo e di Vittorio

farewell

Taviani, il ricordo della Biennale di Venezia

Paolo e Vittorio Taviani hanno intrecciato la propria carriera con la Mostra di Venezia fin dall'esordio con Un uomo da bruciare

farewell

Paolo Taviani, la celebrazione sui social del maestro del cinema italiano

L'addio sui social da chi ha amato la sua arte: da Pupi Avati, Giancarlo Giannini, Premi David di Donatello al Centro Sperimentale di Cinematografia, tutti ricordano con cordoglio l'autore italiano

farewell

Taviani, il ricordo dell’AD di Cinecittà Nicola Maccanico

"Con Paolo Taviani ci lascia l'altra metà di un meraviglioso cielo con due stelle, Paolo e Vittorio, che illuminano da oltre 60 anni il cinema italiano"


Ultimi aggiornamenti