‘How To Have Sex’: l’adolescenza tra aggressione e consenso

L’esordio alla regia di Molly Manning Walker, dalla vittoria a Un Certain Regard a Cannes alla selezione di Alice nella Città: alla Festa, la regista e la sua protagonista Mia McKenna-Bruce


Estate, Grecia, la vacanza di fine liceo, le amiche: Tara (Mia McKenna-Bruce), Skye (Lara Peake) e Em (Enva Lewis) – terzetto di adolescenti “amiche per sempre” – atterra a Heraklion, destinazione Malia, caput mundi del divertimento senza sosta della gioventù; non c’è notte, non c’è giorno, c’è costantemente musica, ballo, sballo e voglia di mordere la vita.

L’esordio alla regia di Molly Manning Walker, dalla vittoria a Un Certain Regard di Cannes arriva in selezione ad Alice nella Città: How To Have Sex è un film sulle aspettative, sul bisogno rassicurante di omologazione, sul senso di inadeguatezza al divertimento come alla vita stessa. È soprattutto Tara, biondina all’apparenza disinibita, che, come le amiche, ama indossare abitini succinti e disegnarsi sul viso trucchi ammalianti, che però – partendo dal suo status di vergine – non è poi così pronta a sbarcare il lunario della vita adulta.

“È tutto cominciato con una storia personale ma universale. Ho sottolineato, dell’oggi, la mancanza di gentilezza e empatia, con cui invece andremmo oltre il concetto di consenso, e non sarebbe più un argomento così delicato. Per la sceneggiatura siamo partiti da ricordi e esperienza personale, aggiungendo ricerche sui luoghi per capire come siano oggi nella contemporaneità” spiega la regista.

Un balcone di rimpetto a quello della stanza delle tre fanciulle occupato da altri coetanei o poco più, anche loro britannici: c’è il platinato e tatuato Badger (Shaun Thomas) e c’è Paddy (Samuel Bottomley); col primo Tara sembra innescare una complicità tenera, un’empatia, seppur forse non manchi una tensione fisica di sottofondo; col secondo, dall’indifferenza iniziale s’innesca invece il malessere, l’imprevisto, il sottrarsi al divertimento puro e collettivo da parte di lei perché “vittima” di qualcosa di non scelto ma subìto, e correlato con la delusione verso se stessa per le prospettive scolastiche future disilluse.

Sul profilo maschile della storia, l’autrice racconta: “ho creato i due personaggi perché il pubblico si riconosca: forse potranno identificarsi in Badger che però quando serve non c’è… È più gentile ma alla fine non riesce a difenderla e a prendere una posizione, spero il film possa indicare ai maschi di essere pronti a prendere una posizione”.

Continua Molly Manning Walker spiegando che “il film era stato concepito in due parti, la prima di musica e colori, quasi disneyano; poi cambia totalmente: gli ambienti disordinati, la musica più cupa, e io mi sono soffermata molto su questi dettagli perché si vedesse la differenza tra due momenti. Nel presente sentiamo pressioni da tante parti e io ci tenevo a fare un film che non esprimesse giudizi su nessuno: speriamo col film di far emergere di non giudicare mai gli altri”. Nella vicenda entrano in gioco “il concetto di consenso e di aggressione: lei è sempre totalmente a disagio. Noi abbiamo fatto dei laboratori con dei ragazzi, a cui abbiamo consegnato parti di sceneggiatura, e per me è stato straziante sentirli dire che però Tara non ha mai detto veramente ‘no’. Bisognerebbe andare oltre le parole, anche durante un rapporto sessuale: lui dovrebbe capire che lei non sta dicendo ‘sì’”; e sul tema, anche Mia McKenna-Bruce spiega: “credo siano tantissime oggi le pressioni a cui sono sottoposti i giovani, pressioni che arrivano dagli amici, dai social, e che magari non corrispondono a necessità e desideri”; in generale, quello del film: “è un tema molto ampio, che ha a che fare con tantissime giovani donne: sappiamo che molte hanno una facciata, hanno difficoltà a capire chi vogliano essere, e che dietro a tutto ciò ci sia molto di più”.

Per l’attrice, reduce anche dalla recente esperienza sul set di Persuasione dal romanzo di Jane Austin, interpellata sui ruoli prediletti, dice: “mi piacciono personaggi che possono aprire un dibattito, interessanti per molti, per identificarsi, sono anche quelli che amo anche da spettatrice”.

Infine, tornando al film, è solo il ritorno a casa, lì al limite tra il restare con i piedi per terra in quel luogo e il salire su un volo che, staccandosi dall’isola – metaforicamente – fa staccare dai fatti, che porta Tara a confidarsi con Em e concludere con un “grido di speranza”, per loro e per l’umanità adolescente tutta: “…ce la faremo”.

18 Ottobre 2023

Alice nella città 2023

paradox effect
Alice nella città 2023

‘Paradox Effect’, Olga Kurylenko e Harvey Keitel nemici all’improvviso

L'action movie diretto da Scott Weintrob, presentato nell'ambito di Alice nella Città 2023 e prodotto da ILBE, è ambientato a Bari e ha come protagonisti Olga Kurylenko, Harvey Keitel e Oliver Trevena, premiato come “Breakout Actor of the year” da Gerard Butler

Alice nella città 2023

Amanda Campana: “Il personaggio di Giulia mi ha spinto a scavare dentro me stessa”

L'attrice ha vinto il Premio RB Casting come Miglior giovane interprete italiano per il suo ruolo in Suspicious Minds di Emiliano Corapi, presentato in anteprima alla 21esima edizione di Alice nella Città

Alice nella città 2023

Mare Fuori, la quarta stagione inizia sul red carpet di Roma

Il cast incontra i numerosi fan sul doppio tappeto rosso che ha chiuso la Festa del Cinema e Alice nella Città 2023. Ovazione in sala Petrassi per l'anteprima dei primi due episodi

Alice nella città 2023

Alice nella Città, attesa per Gerard Butler: si chiude un’edizione di successo

Gerard Butler a Roma per consegnare un premio di Alice nella Città. Nel 2023 +27% di partecipazioni rispetto all'anno precedente


Ultimi aggiornamenti