Film Commission Torino Piemonte approva trenta nuovi progetti

I trenta nuovi progetti sostenuti dai 3 bandi di Film Commission Torino Piemonte, tra questi anche l'ultimo documentario di Daniele Segre, da poco scomparso


Film Commission Torino Piemonte rende noti gli elenchi dei progetti selezionati alla seconda call annuale dei tre bandi Piemonte Film Tv Development Fund, Piemonte Doc Film Fund e Short Film Fund (finestra di novembre e dicembre 2023), per un totale di 30 progetti tra cortometraggi, documentari e lungometraggi che riceveranno il sostegno della Fondazione per agevolare la fase di sviluppo o per la produzione vera e propria: 30 progetti che vanno a sommarsi ai 34 già sostenuti nella call di giugno 2023.

Con questi risultati si completa il quadro dell’attività 2023 di Film Commission Torino Piemonte, che nelle due sessioni ha sostenuto complessivamente 64 progetti (lo sviluppo di 11 lungometraggi e 1 serie TV, lo sviluppo e la produzione di 46 documentari, la produzione di 7 cortometraggi) con una dotazione generale di 883.000 €.

“Il Consiglio d’amministrazione e il direttore della Fondazione hanno condiviso la decisione di aumentare la dotazione dei Fondi di Film Commission Torino Piemonte per questa seconda sessione 2023, e di proseguire anche nel 2024 il forte investimento su sviluppo, documentari e cortometraggi”. Così il presidente di Film Commission Torino Piemonte Beatrice Borgia commenta, aggiungendo che “il rafforzamento delle risorse economiche per i Fondi rappresenta un investimento strategico deciso collegialmente a favore del consolidamento della filiera produttiva locale e del sostegno ad artisti e professionisti emergenti, sempre più nel segno di internazionalità, qualità e responsabilità”.

Il Piemonte Film Tv Development Fund – fondo di sviluppo per lungometraggi e serie TV che dal 2023, nell’ambito di un accordo biennale con Regione Piemonte, è interamente sostenuto dalla Fondazione Compagnia di San Paolo con 700.000 € per il biennio 2023-2024 – ha assegnato un contributo totale di 150.000 € a 6 lungometraggi per il cinema.

La Commissione di valutazione – composta da Sergio Fant, Alessandra Pastore e Daniela Persico – ha individuato 4 progetti proposti da società di produzione piemontese – Incomparable di Stefano Croci, produzione Cinefonie, Tina di Simone Catania, produzione Indyca, Sotto la marea di Alessandro Pugno, produzione Redibis Film, La città del sole di Alessio Rigo De Righi e Matteo Zoppis, produzione Ring Film  – unitamente a 2 progetti proposti da società di produzione romane che come richiesto dal fondo attiveranno una sede locale in Piemonte: Elsinore Film che, dopo il successo di Amanda di Carolina Cavalli, realizzerà un’altra opera prima – Sporco di Giada Bossi – e Dugong con il nuovo film di Giacomo Abbruzzese dal titolo Disorder*”.

Il Piemonte Doc Film Fund, Fondo regionale per il documentario che sostiene sia lo sviluppo sia la produzione di film documentari di taglio cinematografico e respiro internazionale, vede in questa call 21 titoli selezionati dalla Commissione, composta da Silvio Grasselli, Giacomo Ravesi e Stefania Rimini: un contributo complessivo di 230.000€ per lo sviluppo di 11 documentari e per la produzione di altri 10 titoli, tra cui emergono tematiche e racconti capaci di spaziare dalla memoria e all’approfondimento storico al racconto del  presente. Tra i progetti in fase di sviluppo si segnalano Messaggi dal castello di Giovanni Cioni prodotto da GraffitiDoc, rivisitazione de Il Castello di Kafka dove il Castello è l’ex-manicomio di Trieste, quello di cui Franco Basaglia aprì le mura di confinamento; Willy Peyote. Elegia Sabauda, un ritratto caleidoscopico dell’artista torinese ad opera di Enrico Bisi, prodotto da Base Zero; La mia montagna sacra, documentario di Lorenzo Giordano prodotto da So What che ripercorre la storia delle scoperte archeologiche compiute sulla cima del monte Roccerè, nelle Alpi Occidentali piemontesi. Tra i 10 documentari sostenuti per la produzione si segnalano La nascita della moka, con la storia della caffettiera attraverso le vite dei suoi creatori – di Matteo Severgnini, prodotto da Tiwi e Bruno Segre, l’uomo che non si arrende, testamento cinematografico che Daniele Segre, recentemente scomparso, dedica all’avvocato, giornalista, partigiano che per decenni ha rappresentato una delle voci più autorevoli in difesa di democrazia e libertà.

Lo Short Film Fund, bando a sostegno della produzione di cortometraggi, vede 30.000 € complessivi, assegnati dalla Commissione di valutazione composta da Gaia Furrer, Gianluca Guzzo e Davide Oberto a 3 progetti: Domenica sera di Matteo Tortone prodotto da EiE Film, Variazioni fantastiche su eventi realmente accaduti a Torino nel 1911 di Giulio Maria Cavallini prodotto da Epica Film, Il teatro dei morti viventi di Riccardo Livermore prodotto da Robin Studio.

A tutti i soggetti eleggibili che hanno presentato istanza viene comunicata ufficialmente a mezzo lettera la conferma dell’ammissione al sostegno, l’importo del contributo concesso e la procedura dettagliata per l’erogazione, oppure la conferma della non ammissione, con l’invito a un incontro per eventuali approfondimenti e chiarimenti.

04 Marzo 2024

Film Commission

Film Commission

La Regione Lazio punta sulla formazione nell’audiovisivo

Annunciati i nuovi progetti nel campo della formazione con una particolare attenzione alle nuove professioni, tra cui il location manager

Film Commission

Film Commission Torino Piemonte, i numeri da record del 2023

1.300 giornate di riprese, 236 progetti e 52 milioni di euro di impatto sul territorio

Film Commission

Apulia Film Commission, i numeri del bilancio 2023

In Puglia nel 2023 sono stati girati complessivamente 19 film, 7 corti, 7 serie tv e 5 documentari

La Puglia, piena di location suggestive
Film Commission

Apulia Film Fund: dotazione iniziale di 5.000.000 di euro

Il fondo regionale aperto PMI con codice primario ATECO 59.11 è finalizzato a sostenere la fase di produzione in Puglia di lungometraggi, serie tv, fiction, documentari, cortometraggi e progetti di animazione. Il fondo riparte, infatti, con una dotazione iniziale di 5 milioni di euro, un apporto importante verso un settore sempre più strategico per la Puglia


Ultimi aggiornamenti