Berlinale 2024, Tricia Tuttle nominata nuova direttrice

Più di 400 registi e talenti, tra cui Martin Scorsese e Paul Schrader, hanno firmato una petizione per protestare contro la decisione del commissario alla cultura e chiedere una proroga del contratto del direttore uscente Carlo Chatrian


Il Festival Internazionale del Cinema di Berlino ha nominato Tricia Tuttle come nuova direttrice della 74ma edizione si svolgerà dal 15 al 25 febbraio 2024. Tuttle succederà a Carlo Chatrian e Mariette Rissenbeek che hanno co-guidato la Berlinale come direttori artistici ed esecutivi dal 2020 e si dimetteranno dopo l’edizione di quest’anno al termine dei rispettivi mandati. Mentre Rissenbeek ha deciso di dimettersi dopo l’edizione del 2024, Chatrian non ha avuto l’opportunità di svolgere un secondo mandato da parte dell’organo di governo della Berlinale, il Kulturveranstaltungen des Bundes.

Tuttle – già direttrice del BFI London Film Festival – è stata nominata da un comitato di sei membri che includeva il regista premio Oscar Edward Berger, il produttore Roman Paul, Anne Leppin, oggi amministratore delegato unico dell’Accademia cinematografica tedesca,l’attrice e produttrice Sara Fazilat, il segretario di Stato Florian Graf, capo della Cancelleria del Senato di Berlino, e Claudia Roth, attuale commissaria tedesca alla cultura.

Proprio Roth ha giustificato la scelta del comitato con il desiderio di vedere il festival guidato e rappresentato da una persona invece che da una doppia. Ma in tanti non sono d’accordo e più di 400 registi e talenti, tra cui Martin Scorsese, Paul Schrader, Béla Tarr, Olivier Assayas, Kirsten Stewart e Margarethe von Trotta, hanno firmato una petizione per protestare contro la decisione del commissario alla cultura e chiedere una proroga del contratto di Chatrian.

Come annunciato lunedì, la giuria del Festival del cinema di Berlino di quest’anno sarà presieduta da Lupita Nyong’o, l’attrice e regista keniana-messicana vincitrice dell’Oscar.

redazione
12 Dicembre 2023

Berlino 2024

Berlino 2024

Berlinale, social violati da hacker antisemiti

In seguito alle polemiche sulle dichiarazioni di alcuni premiati sul palco della Berlinale, sul canale Instagram della sezione Panorama sono stati pubblicati post e immagini antisemiti. Il festival ha denunciato la violazione alle autorità

Berlino 2024

‘Dahomey’, Mati Diop e l’arte che sconvolge il mondo: “Non sottovalutiamo il cinema”

Con questo documentario dedicato al rientro in Benin di 26 delle migliaia di opere depredate dall'imperialismo francese, la regista francese di origini senegalesi ha conquistato l'Orso d'oro della Berlinale 2024

Bruno Dumont
Berlino 2024

Premiato il cinema più radicale, tra venti di guerra e impegno

La giuria di Lupita Nyong'o ha vissuto discussioni animate, "ma nel rispetto delle opinioni di tutti e arrivando a una decisione unanime"

Berlino 2024

‘Dahomey’ di Mati Diop è l’Orso d’oro della Berlinale 2024

Sebastian Stan premiato per la miglior interpretazione per A different man. A Hong Sang-soo il gran premio della giuria (il secondo a distanza di soli due anni)


Ultimi aggiornamenti