Wim Wenders esperto principiante

"Sono solo un principiante con esperienza, anche se ogni volta devo metterla da parte, dimenticarla!". Così il regista di Düsseldorf a Il cinema ritrovato, dove presenta il restauro di Lampi sull'acqu


“La situazione fra Russia e Ucraina mi turba moltissimo, soprattutto dal punto di vista della cultura. Mi rendo conto di essere costantemente sconvolto da quello che accade nei nostri sentimenti nei confronti della Russia, perché ritengo che la cultura russa non centri assolutamente nulla con quello che sta accadendo adesso. Il fatto che tanti paesi stiano bandendo la cultura e tutto ciò che è russo, è il danno collaterale più enorme che Putin sta facendo al suo Paese”.

Così il regista tedesco Wim Wenders quando viene sollecitato sull’attualità.

Il maestro di Düsseldorf è a Bologna per presentare al festival Il Cinema Ritrovato il restauro del suo film documentario Lampi sull’acqua (Nick’s Movie) intervista-testamento realizzata nel 1979 dallo stesso Wenders al regista americano Nicholas Ray negli ultimi giorni della sua vita.

“Nick era un amico, quindi il film su di lui è fatto in modo particolare”, dice. “Con ogni film mi ritrovo a cercare da capo un nuovo linguaggio: Papa Francesco – Un uomo di parola – (documentario del 2018 scritto insieme a David Rosier, sulla figura di Papa Francesco) è un film che ho fatto perché stimo molto l’uomo. Non volevo fare una biografia del Papa ma volevo fare un film su come lui interpreta il nome che porta, Francesco”.

Si definisce “un principiante con esperienza, anche se ogni volta devo metterla da parte, dimenticarla!”. A proposito del suo rapporto con la Cineteca di Bologna, Wim Wenders racconta di voler tornare in città per mostrare il suo film di fantascienza Fino alla fine del Mondo ora in restauro proprio in collaborazione con l’ente bolognese nella sua versione integrale di quattro ore: “Un film del 1990 che anticipa e predice in un certo senso il futuro, e cioè che saremmo diventati schiavi dei telefoni cellulari, l’arrivo delle conferenze via Zoom, Google e tanto altro. E’ un film del quale sono molto orgoglioso”.

Sul suo rapporto con i registi emiliano romagnoli Wenders ricorda la sua amicizia con Bernardo Bertolucci e si rammarica di quella mancata con Pier Paolo Pasolini. Con Federico Fellini, conosciuto e diventato amico “troppo tardi”, “avevamo un difetto in comune, quello cioè di macchiarci spesso le camice, cosa che faceva molto arrabbiare Giulietta!”.  

Ang
27 Giugno 2023

Il Cinema Ritrovato 2023

Il Cinema Ritrovato 2023

Gli esordi inediti di Gina Lollobrigida

Proposti al Cinema Ritrovato tre film-canzone di cui non v’è traccia nelle filmografie, girati da Pietro Francisci tra il 1947 e il 1948, con protagonista la misteriosa Diana Lori, ovvero Gina Lollobrigida ai suoi inizi. Il commento di Borgonzoni e Sbarigia

Il Cinema Ritrovato 2023

Wenders e Dante al Cinema Ritrovato

Tra il 24 giugno e il 2 luglio torna a Bologna il festival che si dedica al recupero dei classici. Tra gli ospiti il regista di Lampi sull'acqua e quello di Gremlins

Il Cinema Ritrovato 2023

Ruben Ostlund ospite al Cinema Ritrovato di Bologna

Il regista sarà a Bologna dal 27 giugno al 7 luglio. Presenterà in Piazza Maggiore The Square e curerà uno stage sul set, con 20 registi da tutto il mondo, in collaborazione con l'International Filmaking Academy


Il Cinema Ritrovato 2023

50 anni senza Anna Magnani: omaggio al Cinema Ritrovato

Il festival bolognese dedicherà il suo omaggio a una delle attrici più amate di tutti i tempi, scomparsa il 26 settembre 1973. La rassegna, promossa dalla Cineteca di Bologna, si svolgerà nel capoluogo emiliano dal 24 giugno al 2 luglio


Ultimi aggiornamenti