Tyrion Lannister, il personaggio più umano di ‘Game of Thrones’

Alla scoperta del personaggio interpretato da Peter Dinklage, uno dei più amati e iconici della serie fantasy di HBO


Tyrion Lannister non ha mai avuto una vita facile. Sì, certo, è un Lannister: fa parte di una delle famiglie più potenti di Westeros, e le persone hanno paura del nome che porta. Ma non lo rispettano. Lo chiamano Folletto per la sua statura, e lo deridono considerandolo un mostro. Anche suo padre, Lord Tywin, lo disprezza. Se sua moglie è morta, pensa, è colpa sua. E così Tyrion ha dovuto imparare a fare leva su altre cose, sulla sua intelligenza, il sarcasmo, su tutto ciò che i soldi – e ne ha parecchi, per sua fortuna – possono comprargli.

Non è un combattente abile come suo fratello, ma ha un cervello fine, niente male, che più di una volta è riuscito a salvarlo. Ha la lingua svelta, e anche questa gli ha permesso di togliersi dai guai. L’intelligenza di Tyrion è un’intelligenza ibrida, mista, metà pratica e metà riflessiva. Il mondo si mostra diversamente ai suoi occhi. Ogni rapporto è un gioco di potere, ogni richiesta può essere soddisfatta; non c’è prezzo troppo alto da pagare, e non c’è mai abbastanza vino per dissetare i proprio dispiaceri e la propria infelicità.

Tyrion, per buona parte della sua vita, è andato avanti tenendosi a galla, tra case di piacere e locande, studiando, leggendo, inventando. Sa di essere solo, e di questa solitudine, a un certo punto, ha provato a fare addirittura una forza. Ma non ci è riuscito. Perché se è vero che possiamo amare noi stessi più di chiunque altro è altrettanto vero che il suono della nostra voce può diventare fastidioso persino per le nostre orecchie. E quindi? Quindi Tyrion si è cercato una famiglia dove una famiglia non c’era, e si è affidato a persone che, all’inizio, lo avevano odiato e disprezzato. È diventato finalmente partecipe del destino del suo mondo.

Non è mai stato un uomo del popolo, eppure quando è arrivato il momento si è armato ed è andato in battaglia. Ci ha quasi rimesso la faccia e, ovviamente, la vita. Tyrion non crede in cose – perdonateci – banali come il bene e il male; crede in valori più concreti e terreni, come una giustizia condivisibile, chiara, retta dalle leggi, e la diplomazia. Crede in un governo illuminato e lungimirante. La sua infelicità è la sua cicatrice più grande, e non è sul naso che la porta: è dentro di sé, nel suo animo. Non soffre una volta soltanto; soffre in continuazione e deve imparare, più e meglio degli altri, a convivere con il dolore.

Shakespeariano, tormentato, sveglio, furbo, colto, cinico, sarcastico, fastidiosamente consapevole di avere ragione. Tyrion è tutte queste cose, sì, e anche di più. È soprattutto, però, la quintessenza dell’essere umano: di ciò che vuol dire essere soli, rifiutati, odiati e presi in giro. È come uno specchio. Anzi no, è come un foglio di carta velina: perfetto per ricalcare le linee e i tratti, e proprio per questo incapace di mentire. Se c’è bellezza, ritrae bellezza. Se ci sono brutture, ritrae brutture. I suoi amici Tyrion li trova tra gli ultimi della società, non a corte, tra i mercenari e le prostitute. Sa adattarsi alle situazioni e ai luoghi; è curioso, aperto mentalmente, attento. Con buone probabilità non è nato né nel mondo né nell’epoca giusti per lui. E ciò nonostante alla fine è in grado di fare la differenza.

In Game of Thrones, la serie tv, Tyrion è interpretato da Peter Dinklage, e in certe scene riesce a essere il centro di ogni cosa: del racconto e, specialmente, dell’attenzione degli spettatori. Non solo prende un personaggio e lo restituisce con estrema chiarezza al pubblico, ma capisce pure come fare per migliorarlo, per dargli altro, per aggiungere strati su strati di complessità e sfumature. È un personaggio incredibile, Tyrion. E nelle mani di Dinklage acquista ancora più valore. E questo a prescindere dall’andamento di Game of Thrones.

Dinklage ha capito qualcosa che i creatori e gli sceneggiatori della serie hanno appena intuito, e cioè che Tyrion vive innanzitutto nel suo sguardo, nel modo in cui osserva le persone e subisce, spesso, le loro occhiate. Non tanto e solamente nelle parole, che possono essere brillanti, incredibili, assolutamente convincenti. Tyrion è sostanzialmente un uomo fatto di carne e ossa, di sangue, di pulsioni e sentimenti. Il pregiudizio degli altri si mischia a questo senso di sconforto e infelicità che non va mai via, che non viene mitigato, che non accetta né pause né compromessi. Tyrion è un personaggio quasi leopardiano, perché consapevole della fuggevolezza di ogni singolo istante e di quanto sia fittizia la distinzione tra gioia ed entusiasmo.

30 Marzo 2024

Una vita da protagonista

Una vita da protagonista

Holden Ford, con ‘Mindhunter’ è il prototipo di un nuovo detective televisivo

Una vita da protagonista. Personaggi che hanno cambiato per sempre la serialità televisiva

Una vita da protagonista

Bojack Horseman, eroe imperfetto ma terribilmente umano

Torna la rubrica dedicata ai grandi personaggi delle serie televisive. Questa volta è il turno di Bojack, un attore in disgrazia con la testa da cavallo, ma non per questo meno umano

Una vita da protagonista

In principio fu ‘Buttafuori’: Cianca e Sergej

Una vita da protagonista. Personaggi che hanno cambiato per sempre la serialità televisiva

Una vita da protagonista

Eva Brighi, la ragazza fragile che ha conquistato ‘Skam Italia’

Skam Italia ha avuto il coraggio di parlare subito ai suoi spettatori. Eva Brighi (Ludovica Martino) è uno dei tanti volti di questa serie, ed è per la sua vita, una vita da protagonista, che ancora oggi ne parliamo


Ultimi aggiornamenti