‘Small Things Like These’ con Cillian Murphy aprirà la Berlinale 2024

Sarà il nuovo film del regista belga Tim Mielants ad aprire le danze del 75° Festival di Berlino, in programma dal 15 febbraio 2024


Sarà il nuovo film del regista belga Tim Mielants ad aprire le danze del 75mo Festival Internazionale del Cinema di Berlino, in programma dal 15 febbraio 2024. Small Things Like These ha per protagonista Cillian Murphy, tra gli attori più apprezzati del momento grazie ai numerosi premi di Oppenheimer, e racconta le vicende di un commerciante di carbone e della scoperta di scioccanti segreti custoditi nel convento della sua città. Nel cast anche Eileen WalshMichelle Fairley ed Emily Watson.

“Con Small Things Like These, Tim Mielants racconta la storia di un uomo di poche parole, con gli occhi spalancati, limpidi come i cieli d’Irlanda. In The Quiet Girl avevamo già intuito la bravura di Claire Keegan nel ritrarre personaggi piccoli, apparentemente semplici, e nel renderli indimenticabili; qui la sua scrittura delicata, ricca e allo stesso tempo concreta trova in Cillian Murphy una grande interprete. Siamo fiduciosi che questa storia, che unisce la gentilezza nei confronti dei più fragili e la forza di volontà per opporsi all’ingiustizia, conquisterà tutti. Non vediamo l’ora di lanciare questo film “tranquillo” ma davvero eccezionale all’inizio di Zeitgeist Irland 24, una celebrazione della cultura irlandese in Germania che dura un anno”,  ha affermato il direttore artistico della Berlinale Carlo Chatrian.

Il film è stato prodotto da Cillian Murphy e Alan Moloney attraverso la loro compagnia Big Things Films insieme a Catherine MageeMatt Demon e Drew Vinton producono anche insieme ai produttori esecutivi Ben Affleck, Kevin Halloran e Michael Joe per Artists Equity Screen Ireland/Fìs Eireann ed è stato coprodotto in Belgio da Wilder Content.

 

redazione
18 Gennaio 2024

Berlino 2024

Berlino 2024

‘Dahomey’, Mati Diop e l’arte che sconvolge il mondo: “Non sottovalutiamo il cinema”

Con questo mockumentary dedicato al rientro in Benin di 26 delle migliaia di opere depredate dall'imperialismo francese, la regista francese di origini senegalesi ha conquistato l'Orso d'oro della Berlinale 2024

Bruno Dumont
Berlino 2024

Premiato il cinema più radicale, tra venti di guerra e impegno

La giuria di Lupita Nyong'o ha vissuto discussioni animate, "ma nel rispetto delle opinioni di tutti e arrivando a una decisione unanime"

Berlino 2024

‘Dahomey’ di Mati Diop è l’Orso d’oro della Berlinale 2024

Sebastian Stan premiato per la miglior interpretazione per A different man. A Hong Sang-soo il gran premio della giuria (il secondo a distanza di soli due anni)

Berlino 2024

A ‘Memories of a burning body’ il premio del pubblico di Panorama

Gli spettatori hanno votato come miglior documentario No other land, del collettivo di registi israeliani e palestinesi Basel Adra, Hamdan Ballal, Yuval Abraham e Rachel Szor


Ultimi aggiornamenti