Sherlock Holmes: scaduti i diritti d’autore

Con il 2023 il popolare personaggio creato da Arthur Conan Doyle è entrato definitivamente nel pubblico dominio, rendendo più facile realizzarne adattamenti. Ripercorriamone, dunque, la storia al cine


La complessa e travagliata storia dei diritti d’autore delle opere su Sherlock Holmes, personaggio creato dallo scrittore britannico Arthur Conan Doyle è terminata il primo gennaio, quando anche gli ultimi due racconti pubblicati nel 1927 sono diventati di pubblico dominio. Infatti, mentre in UK e in Europa i diritti erano scaduti nel 2001 – settanta anni dopo la morte dell’autore –, gli USA hanno dovuto attendere ben 95 anni dall’ultima pubblicazione, a causa della molto più complesse e stringenti normative in vigore. D’ora in poi, sarà dunque molto più facile per gli autori sfruttare l’immagine del detective più famoso al mondo, anche se finora i diritti d’autore non hanno certo impedito la realizzazione di decine di adattamenti per film, serie tv, giochi, videogiochi e ogni tipo di merchandising immaginabile.

La storia cinematografica e televisiva del personaggio, in particolare, è incredibilmente ricca, vantando oltre 50 adattamenti, molti dei quali divenuti incredibilmente popolari, grazie anche agli straordinari interpreti che si sono succeduti nei panni del grande investigatore privato residente in Baker Street. L’attore storicamente più legato a Sherlock Holmes è di certo Basil Rathbone, protagonista insieme a Nigel “Watson” Bruce di ben 14 pellicole tra il 1939 e il 1946. Il suo Sherlock è tanto iconico da avere ispirato il nome del protagonista del film d’animazione Basil l’investigatopo, 26mo classico Disney.

Rathbone è il più popolare ma di certo non il primo. Dal 1900 – anno di realizzazione di un cortometraggio di appena 30 secondi – al 1937, sono state realizzate ben 17 pellicole con protagonista Sherlock Holmes. Di grande rilievo anche molti degli attori che lo hanno seguito come Christopher Lee, Roger Moore, Christopher Plummer e Michael Caine. Tra i registi segnaliamo Terence Fisher e il grande Billy Wilder.

Più recentemente il personaggio è tornato di moda a cadenza regolare grazie a prodotti di grande successo e alle interpretazioni di grandi divi, come Robert Downey Jr. nei due film diretti da Guy Ritchie e da Benedict Cumberbatch nell’apprezzatissima serie Sherlock. Per ultimo non si possono non citare i due nuovi film Netflix incentrati su Enola Holmes, sorellina di Sherlock – qui con le sembianze del possente Henry Cavill – interpretata dalla stella nascente Millie Bobby Brown.

Solo il tempo saprà dirci quali effetti avrà su Hollywood l’entrata nel libero dominio di un personaggio tanto popolare. Prepariamoci, probabilmente, a un proliferare ancora più massiccio di adattamenti più o meno liberi che tenteranno per l’ennesima volta di rivisitare il mito di quello che è tuttora l’investigatore per antonomasia.

06 Gennaio 2023

Diritto d'autore

Diritto d'autore

È Hollywood, bellezza: scaduti i diritti d’autore, il primo Topolino animato è già un film horror. Anzi due.

'La versione di Mickey Mouse apparsa in 'Steamboat Willie' nel 1927 è diventata solo ieri di dominio pubblico, ma i produttori non perdono tempo nel trarne vantaggio.

Diritto d'autore

Hollywood, se il copyright si chiama Topolino

A gennaio 2023 sono scaduti i diritti del primo corto di Stanlio e Ollio, del Metropolis di Fritz Lang e dei primi film di Hitchcock. E mentre i giganti del web si leccano i baffi, da questo gennaio è il turno di Mickey Mouse di Steamboat Willie.

Diritto d'autore

Audio di ‘Air’ in campagna elettorale, Damon e Affleck denunciano Trump

Gli studios fondati da Matt Damon e Ben Affleck hanno denunciato Donald Trump per l'uso di un audio tratto dal film Air in uno dei video di campagna elettorale

Diritto d'autore

Siae: “sconcertati dalla scelta di Meta di rimuovere il nostro repertorio”

La scelta di rimuovere i brani sarebbe stata presa unilateralmente da Meta che, in seguito a un mancato accordo tra le parti, ha avviato la procedura per rimuovere i brani del repertorio Siae dalla propria libreria musicale


Ultimi aggiornamenti