Nella mente del genio: Sherlock Holmes

Una vita da protagonista. Personaggi che hanno cambiato per sempre la serialità televisiva


Il mondo per Sherlock si divide perfettamente in due. E se da una parte ci sono le cose che servono, dall’altra ci sono quelle inutili. Negli anni ha perfezionato il suo metodo, è diventato uno degli investigatori più bravi e apprezzati (con qualche riserva) del mondo. Scotland Yard, quando è in difficoltà, non esita a contattarlo. Sherlock vede dettagli che le altre persone non riescono nemmeno a notare: un trolley ha una vita precisa, ci dice dove è stato il suo proprietario, su quali terreni ha camminato; lo stato di uno smartphone, invece, si trasforma in uno specchio in cui si riflettono i peccati e il carattere di chi l’ha usato. Un cadavere non è solo un cadavere, ma una mappa da studiare, un racconto da finire e approfondire; una storia che si articolo scientificamente tra pro e contro, azioni e reazioni.

Sherlock è solo, e lo sa. Ma non gli pesa. O almeno non gli pesa finché nella sua vita non arriva Watson e tutto, improvvisamente, assume un’altra consistenza. Il suo lato più umano, e quindi più fragile e imprevedibile, torna a farsi avanti, a pretendere e a urlare più spazio. I casi si rincorrono, si fanno più o meno facili e i rompicapo smettono di essere un gioco. Sherlock appartiene e non appartiene alla sua epoca: è contemporaneamente geniale e antico, nuovo e conservatore, scienziato e creativo. Trova sempre un modo per andare oltre e non fermarsi davanti agli ostacoli che, per gli altri, sembrano impossibili da superare.

È un attore, un musicista, un discreto chimico. Ha studiato medicina legale, matematica, fisica. Conosce il combattimento a mani nude e la scherma. Non segue le mode. Anzi, non gli interessano perché non crede che possano aiutarlo nel suo lavoro. Ha un rapporto teso con suo fratello Mycroft e non parla quasi mai della sua famiglia, dei suoi genitori e della sua infanzia. È uno dei suoi grandi misteri. Sembra essere comparso dal nulla. Sa a memoria la mappa di Londra, con la metropolitana e tutte le sue vie e stradine secondarie. Suona il violino per rilassarsi e concentrarsi.

Vive come in una bolla, e nonostante la sua incredibile preparazione, proprio per questa sua riservatezza fredda e distaccata, ha bisogno di essere protetto dal mondo esterno. In molte cose è inesperto, ingenuo, praticamente alle prime armi. Non riconosce l’amore per ciò che è, e ci mette molto tempo per ammettere di tenere alle persone. Cerca di mantenere continuamente la calma, perché sa che la rabbia non è altro che un ostacolo. Come, ripete, qualunque altra emozione.

Apatico, rigido, fascinoso. Sherlock Holmes rappresenta il prototipo del detective moderno. Steven Moffat e Mark Gatiss, che hanno creato la serie della BBC, sono partiti dai libri di Sir Arthur Conan Doyle e si sono velocemente spostati altrove. Hanno riadattato e aggiornato la sua personalità. Siamo in una Londra moderna, contemporanea, piena di tecnologia – tema ricorrente all’interno di Sherlock – e di persone. Più luci, più politica internazionale e il terrorismo al centro di qualunque dibattito. In qualche modo, l’eccezionalità del personaggio diventa più accettabile e comprensibile.

Benedict Cumberbatch, che interpreta Sherlock, è stato in grado di dargli una sua riconoscibilità e una sua consistenza, senza scadere in un “macchiettismo” didascalico e contorto. Le battute che dice, le espressioni che fa e persino i silenzi che prende hanno un peso preciso all’interno non solo del racconto, ma della costruzione stessa del personaggio: possono ritornare in qualunque momento, in un altro episodio o in un’altra stagione, per ricordarci che quello che abbiamo davanti non è un semplice individuo con le sue ossessioni, le sue storture e i suoi desideri. Funziona come una scacchiera: a ogni mossa corrisponde una contromossa, e anche se una partita è sempre differente da quella che seguirà e da quella che l’ha preceduta è abbastanza intelligibile.

Non c’è il tormentone di Dr. House, “le persone non cambiano” (tra parentesi: pure quella serie si ispirava allo Sherlock Holmes di Doyle). C’è però un’idea abbastanza chiara di quanto sia difficile riuscire a venire a compromessi con sé stessi, a fare un passo in avanti e a liberarsi dai propri pregiudizi e dalle proprie convinzioni. Che cos’è che rende un uomo un uomo buono? E che cos’è, poi, che lo rende un esempio per gli altri? È meglio chi porta risultati, rimanendo freddo e impassibile, pressoché inavvicinabile, o chi ci prova con fatica e nel frattempo ci tiene la mano? Sherlock – la serie, sì, ma pure il personaggio – è una riflessione sulla contemporaneità e sulla trasformazione che ha investito l’essere umano.

06 Aprile 2024

Una vita da protagonista

Una vita da protagonista

A tu per tu con l’Armadillo, il grillo parlante di Zerocalcare

Alla scoperta del personaggio più iconico creato dal fumettista romano. Una coscienza in forma animale che nella sua versione animata è doppiato da Valerio Mastandrea

Una vita da protagonista

Alla corte di Valeria Ferro, l’ispettrice di ‘Non uccidere’

Il personaggio di Miriam Leone è uno degli enigmi più interessanti della serie che Claudio Corbucci ha creato quasi dieci anni fa per la Rai

Una vita da protagonista

John Luther, il grande detective della nuova tv inglese

Alla scoperta del personaggio che ha reso iconico Idris Elba, il brillante ispettore di polizia protagonista di Luther

Una vita da protagonista

Le persone non cambiano e nemmeno Dottor House

Tra i medical drama e le serie che parlano di medici e medicina, House continua a essere un unicum


Ultimi aggiornamenti