Nastri d’Argento: in selezione ufficiale 11 titoli prodotti, co-prodotti e distribuiti da Luce Cinecittà

55 sono le opere complessive, nelle tre categorie ufficiali: l’attesa per l’annuncio delle cinquine finaliste e dei vincitori, che il SNGCI ufficializzerà nei prossimi giorni


L’occasione è quella dell’annuncio del Nastro dell’Anno – Documentari 2024 a Mario Martone, così s’apprende che nella Selezione Ufficiale del Premio – 55 titoli complessivi -, in vista dell’ufficializzazione delle cinquine finaliste, 11 sono le opere prodotte, co-prodotte e distribuite da Luce Cinecittà.

Il SNGCI, presieduto da Laura Delli Colli, annuncia che nei prossimi giorni saranno ufficializzate le rose in corsa e i vincitori.

Le tre categorie della Selezione sono Cinema del Reale; Cinema, Spettacolo, Cultura, Arte; e Documentari sull’Arte; all’interno delle prime due, i titoli in capo a Luce Cinecittà.

Per CINEMA DEL REALE:

Era scritto sul mare di Giuliana Gamba

L’avamposto di Edoardo Morabito

Mur di Kasia Smutniak

Per CINEMA, SPETTACOLO, CULTURA, ARTE:

Bellezza Addio di Carmen Giardina e Massimiliano Palmese

Codice Carla di Daniele Luchetti

Enigma Rol di Anselma Dell’Olio

Fela, il mio Dio vivente di Daniele Vicari

Io, noi e Gaber di Riccardo Milani

Italo Calvino, lo scrittore sugli alberi di Duccio Chiarini

Posso entrare? An ode to Naples di Trudie Styler

Profondo Argento di Giancarlo Roland e Steve Della Casa

11 Gennaio 2024

Nastri 2024

Nastri 2024

Nastri d’argento 2024, ‘La Storia’ di Archibugi è la serie dell’anno

La serie con Jasmine Trinca sarà premiata nel corso della quarta edizione dei Nastri d'Argento Grandi Serie, in programma al Palazzo Reale a Napoli l'1 giugno

Nastri 2024

Corti d’Argento, vincono le storie di donne e di diritti negati

Al Cinema Caravaggio a Roma premiazione dei Corti d'Argento 2024, storie di donne e di diritti negati tratte prevalentemente da avvenimenti reali attraversano la maggior parte delle opere. Commenti ed emozioni di tanti giovani vincitori

Nastri 2024

I vincitori dei Corti d’argento

De l'amour perdu di Lorenzo Quagliozzi, presentato a Venezia nella sezione Sic@Sic in collaborazione con Cinecittà, ha vinto come miglior corto di finzione, mentre miglior corto d'animazione è The Meatseller di Margherita Giusti, già vincitore del David di Donatello

Nastri 2024

Corti d’Argento 2024, le cinquine finaliste

Nella selezione di quest'anno troviamo anche il tema della violenza di genere. I cortometraggi vincitori saranno annunciati lunedì 6 maggio al Cinema Caravaggio di Roma


Ultimi aggiornamenti