La musica della Berlinale, la compilation di CinecittàNews

Le migliori canzoni tratte dai film e dalle serie della 74ma edizione del Festival del cinema di Berlino


BERLINO – In sala a Berlino si tiene il tempo con i piedi. Ci sono film che ne fanno un vanto, uno stile, come il debutto cinematografico della cantautrice italiana Margherita Vicario, Gloria!, dove anche la collega cantante Veronica Lucchesi (leader dei “La rappresentante di lista”) intona uno dei suoi pezzi. In altri casi, la musica è l’unica forma di linguaggio umano che ci è permesso ritrovare sullo schermo: in Sasquatch sunset, storia di una famiglia di bigfoot, nessuno proferisce parola finché, per errore, uno stereo non inizia a suonare Love to hate you degli “Erasure”. Utilizzi di ogni tipo, dal più al meno sfacciato, che fanno anche di questo festival di cinema una ricca pista da ballo. Per questo, la redazione di CinecittàNews ha creato per voi una compilation: 10 canzoni, ascoltate in sala durante la Berlinale, che non riusciamo più a toglierci dalla testa. Ecco da dove arrivano e il link alla playlist sul nostro canale Spotify. Buon ascolto!

  • Questo corpo – La rappresentante di Lista da Gloria! di Margherita Vicario
  • Love to hate you – Erasure da Sasquatch Sunset di David Zellner
  • Possession – Kompromat da Langue Ètrangère di Claire Burger
  • Non dimenticar – Dean Martin da Another End di Piero Messina
  • To wish impossible – The Cure  da Quell’estate con Irène di Carlo Sironi
  • Il mio prossimo amore – Loretta Goggi da Cuckoo di Tilman Singer
  • Your sweet love – Lee Hazlewood da La cocina di Alonso Ruizpalacios
  • Feeling good – Nina Simone da Black tea di Abderrahmane Sissako
  • A woman’s heart – Eleanor McEvoy da Small things like these di Tim Mielants
  • Ma che bella città – Edoardo Bennato da Supersex

Alessandro Cavaggioni
24 Febbraio 2024

Berlino 2024

Berlino 2024

Berlinale, social violati da hacker antisemiti

In seguito alle polemiche sulle dichiarazioni di alcuni premiati sul palco della Berlinale, sul canale Instagram della sezione Panorama sono stati pubblicati post e immagini antisemiti. Il festival ha denunciato la violazione alle autorità

Berlino 2024

‘Dahomey’, Mati Diop e l’arte che sconvolge il mondo: “Non sottovalutiamo il cinema”

Con questo documentario dedicato al rientro in Benin di 26 delle migliaia di opere depredate dall'imperialismo francese, la regista francese di origini senegalesi ha conquistato l'Orso d'oro della Berlinale 2024

Bruno Dumont
Berlino 2024

Premiato il cinema più radicale, tra venti di guerra e impegno

La giuria di Lupita Nyong'o ha vissuto discussioni animate, "ma nel rispetto delle opinioni di tutti e arrivando a una decisione unanime"

Berlino 2024

‘Dahomey’ di Mati Diop è l’Orso d’oro della Berlinale 2024

Sebastian Stan premiato per la miglior interpretazione per A different man. A Hong Sang-soo il gran premio della giuria (il secondo a distanza di soli due anni)


Ultimi aggiornamenti