Kim Wexler, la vera protagonista di ‘Better Call Saul’

Il personaggio nato con lo spin-off di 'Breaking Bad' vive della scrittura di Peter Gould e Vince Gilligan, ma anche e soprattutto dell'indelebile interpretazione di Rhea Seehorn, che ha saputo renderla viva e vera


Il vero nome di Kim Wexler è Kimberly, ma sono pochissime le persone che la chiamano così. Quando era piccola, viveva con sua madre ed era abituata a trasferirsi in continuazione. Ha scelto di studiare legge innanzitutto per andarsene, per allontanarsi dalla sua famiglia. Ma dentro di lei c’è sempre stato qualcosa – un desiderio, una spinta – che le diceva di osare, di andare oltre, di fare esattamente quello che voleva fare.

Non è corretto, ora, definirla come una ribelle. Ma Kim ha cercato in ogni situazione il brivido – e poteva arrivare con una vittoria in tribunale o seguendo Jimmy McGill in uno dei suoi piani. Kim non è una sprovveduta. E non è nemmeno ingenua. Ha toccato con mano la durezza della vita, la sua complessità, e sa come muoversi. Sa, soprattutto, cosa dire. Per molto tempo, è stata vista come una figura secondaria, quasi come una comparsa. Ma Kim è padrona di sé stessa e della sua vita, ed è intervenuta esattamente quando pensava di volerlo fare – che è diverso, attenzione, da “doverlo fare”.

Quando sente di essere sul punto di perdere il controllo, indietreggia. E quando non riesce a prevenire, non ha problemi a curare. Kim, però, resta una donna, un essere umano. E ha paura, si innamora, ha desideri. Quando non le viene riconosciuto il suo lavoro e il suo valore, non è contenta. Quando, per farsi notare, deve alzare i toni, esporsi e affidarsi a qualcuno come Jimmy, non prova nessuna incertezza. È metodica, Kim. E precisa. Conoscere le regole è un ottimo modo per sapere come fare per arginarle, per volgerle a proprio favore. E ogni tanto, ciclicamente, torna la voglia di provare qualcosa di più profondo e intenso e di sentirsi viva – presente e assente a sé stessa, al comando e allo stesso tempo in balia degli eventi; eccitata per esserci, eccitata per non sapere cosa, dopo, arriverà.

Kim impara a conoscere anche i rischi di queste emozioni. Che non sono naturali e nemmeno così comuni. Sono, in qualche modo, artificiosi: pompati dall’adrenalina, distorti dall’eccezionalità di determinate situazioni. Arrivano come un fiume in piena e minacciano costantemente di travolgerti, di non lasciare niente della persona che sei: ma solo macerie emotive, terribili e prossime a franare. Kim prova il terrore vero, che è quello di morire; e lo prova subito dopo essersi sentita invincibile, furbissima, capace di avere e ottenere qualunque cosa.

Vede uno dei suoi ex-colleghi morirle di fronte, e non sa cosa pensare. Dove rifugiarsi. Annaspa. Non le manca solo l’aria; le manca la solidità di un lavoro sicuro, di una vita piatta e ripetitiva, di una libertà solo desiderata e mai vissuta. Attraversa le pene dell’inferno, Kim, come un personaggio shakespeariano. E alla fine ne viene fuori diversa e uguale, più matura e preparata ma anche più fragile. In un certo senso, è lei la vera protagonista di Better Call Saul e non il Jimmy McGill di Bob Odenkirk.

Rhea Seehorn, che la interpreta, ha saputo darle una vita, una credibilità e un carattere precisi; è stata lei, con il suo mestiere, a permettere a Kim di continuare a esserci e di non venire tagliata dopo le prime puntate. Kim non è semplicemente l’altra faccia della medaglia: segue, rispetto a Jimmy, un percorso inverso e parallelo. E se prima è tutto ciò che credeva di dover essere, alla fine – poco prima della fine, almeno – diventa tutto ciò che sente di poter essere. E la differenza sta proprio qui: tra dovere e potere, tra sentire e credere. Pancia e testa, cuore e anima.

Un personaggio così complesso e sfaccettato, così – perdonate la banalizzazione – vero, è una rarità. Anche oggi, anche nella serialità più recente, anche dopo una serie come Breaking Bad, che a Better Call Saul ha dato i natali. La scrittura di Peter Gould e Vince Gilligan è talmente piena, talmente ricca, che non ha senso provare a parlarne separandola da tutto il resto: è tutto il resto, ed è pure Kim. Che parla una lingua comune, universale, che prova sentimenti che tutti proviamo. E che è felice, triste, combattuta, spaventata, eccitata, curiosa.

Fumare una sigaretta diventa un modo per sottolineare le pause, per dare maggiore enfasi alle battute; la dimensione del racconto, in questi momenti, si contrae e diventa teatrale – nel senso effettivo del termine, di dimensione. E Kim, che divide la scena con Jimmy, ritorna al suo centro, alla sua vera natura. E quando un sorriso spezza la serietà tesa del suo viso, tutto ha un nuovo significato. Rhea Seehorn, questa magia, è riuscita a farla senza apparente fatica. E invece in ogni espressione, gesto e tentennamento c’è il mestiere dell’attrice, di chi non aspetta altro che poter essere altro. È una vita che vale la pena di vivere, questa, dentro e fuori il set: è una vita da protagonista.

24 Febbraio 2024

Una vita da protagonista

Una vita da protagonista

Tyrion Lannister, il personaggio più umano di ‘Game of Thrones’

Alla scoperta del personaggio interpretato da Peter Dinklage, uno dei più amati e iconici della serie fantasy di HBO

Una vita da protagonista

Holden Ford, con ‘Mindhunter’ è il prototipo di un nuovo detective televisivo

Una vita da protagonista. Personaggi che hanno cambiato per sempre la serialità televisiva

Una vita da protagonista

Bojack Horseman, eroe imperfetto ma terribilmente umano

Torna la rubrica dedicata ai grandi personaggi delle serie televisive. Questa volta è il turno di Bojack, un attore in disgrazia con la testa da cavallo, ma non per questo meno umano

Una vita da protagonista

In principio fu ‘Buttafuori’: Cianca e Sergej

Una vita da protagonista. Personaggi che hanno cambiato per sempre la serialità televisiva


Ultimi aggiornamenti