European Film Market 2024, a Berlino numeri da record

Oltre 12.000 visitatori professionali provenienti da 143 paesi e 614 aziende espositrici


La cifra record di oltre 12.000 visitatori professionali provenienti da 143 Paesi significa che il Mercato Cinematografico Europeo (EFM) del 74esimo Festival internazionale del Cinema di Berlino, conclusosi ieri, può trarre un bilancio notevole dopo una settimana di attività. Oltre 614 aziende e istituzioni espositrici provenienti da 69 Paesi si sono presentate al Gropius Bau e al Marriott Hotel, con un numero di acquirenti che resta elevato, pari a 1.263. 664 i film in 1.029 proiezioni, di cui 536 anteprime di mercato. I produttori hanno poi introdotto altri 660 nuovi progetti cinematografici sulle pagine Producers & Project Pages, organizzando un gran numero di incontri alla ricerca di partner internazionali.

“Fin dal primo giorno, è stato evidente che l’European Film Market 2024, primo evento fieristico dell’anno e primo dopo gli scioperi del settore dello scorso anno negli Stati Uniti, era molto frequentato ed estremamente affollato. Le agende delle riunioni dei partecipanti al mercato erano al massimo della loro capacità. Ogni giorno venivano segnalati molti accordi ad alto fatturato”, ha affermato il direttore dell’EFM Dennis Ruh. “Il gran numero di partecipanti alle conferenze, soprattutto quelle incentrate sull’intelligenza artificiale, ha indicato che siamo sicuramente al passo con i temi rilevanti e che c’è un enorme bisogno di conoscenza e di trasferimento di conoscenze nel settore dell’industria cinematografica e dei media per prepararci ai futuri processi di cambiamento tecnologico ed economico. Negli ultimi sette giorni, Berlino è stata il luogo di ritrovo per l’industria internazionale!”

Anche all’inizio di quest’anno l’EFM si è confermato la forza trainante dell’industria cinematografica mondiale. L’attualità dei temi discussi alle EFM Industry Sessions, come l’intelligenza artificiale, la resilienza, la produzione d’archivio, gli sviluppi nelle catene di distribuzione e sfruttamento, si è riflessa nel frequentatissimo Documentation Centre for Displacement, Expulsion, Reconciliation Berlin, utilizzato per il secondo anno consecutivo come location per conferenze e networking. Anche i nuovi eventi dei partner come AfroBerlin e l’Entertainment Finance Forum hanno avuto una forte visibilità. E anche la nuova sede del Gropius Dome è stata ampiamente utilizzata per eventi di networking, feste e pranzi.

Incoraggiando la crescita e la formazione continua, le EFM Industry Sessions sono state molto apprezzate anche nel 2024. Promuovendo una “mentalità di crescita” che guardi all’orizzonte del panorama cinematografico e mediatico, le presentazioni e gli speech si sono incentrati sugli sviluppi e le preoccupazioni attorno ad argomenti caldi come l’intelligenza artificiale, le tendenze e le  strategie di distribuzione nell’era post-Covid e l’accessibilità e l’inclusione nel settore. Gli esperti hanno discusso sugli argomenti citati e su molti altri temi attuali e attuali come la sostenibilità, la leadership, la trasparenza delle retribuzioni e l’esplorazione di nuove strategie aziendali.

Oltre al programma della conferenza, si sono svolte varie tavole rotonde e workshop, tra cui due think tank sull’integrazione verticale nell’industria cinematografica europea e un approfondimento sull’intelligenza artificiale nelle serie e nei film dal punto di vista creativo, legalie ed educativo. L’innovazione, l’adattamento e la capacità di affrontare con successo ondate di cambiamento e mercati mutevoli e imprevedibili sono stati discussi in tutte le sessioni e i format di settore dell’EFM. In tutto questo, i partecipanti hanno potuto prendersi una pausa dal tumulto di incontri e informazioni per meditare nella “stanza della quiete”, priva di tecnologia e lavoro, presso il Documentation Centre for Displacement, Expulsion, Reconciliation, una novità introdotta all’EFM nel 2020 dedicata al tema della salute mentale.

Al Berlinale Series Market, che si è svolto quest’anno al CinemaxX a Potsdamer Platz e al Gropius Bau, si sono tenute conferenze, vetrine e proiezioni dedicate a contenuti di serie audiovisive di alta qualità. Il programma ha riguardato i cambiamenti di budget, la social responsibility e la complessità dello sviluppo di battute finali nelle commedie, che siano comprensibili a livello globale. Particolarmente forte è stata la richiesta di vetrine internazionali, che hanno presentato serie provenienti da diversi paesi, nonché quelle curate dal Berlinale Series Market Selects.

L’Italia quest’anno era “Country in Focus”, “Paese sotto i riflettori”. I cineasti italiani non solo hanno potuto presentarsi all’Italian Pavilion al piano terra del Gropius Bau, ma hanno anche colto l’occasione per scoprire le opportunità di produzione cinematografica e di finanziamento in Italia, per trovare partner e fare rete nel corso dei numerosi dibattiti, presentazioni, conferenze e proiezioni, o al Berlinale Co-Production Market.

I partecipanti che possiedono un Market Badge (online) possono guardare l’intero programma delle conferenze delle EFM Industry Sessions in VOD fino alla fine di giugno 2024. Una selezione dei film presentati al mercato è disponibile anche in streaming fino al 31 marzo.

redazione
22 Febbraio 2024

Berlino 2024

Berlino 2024

Berlinale, social violati da hacker antisemiti

In seguito alle polemiche sulle dichiarazioni di alcuni premiati sul palco della Berlinale, sul canale Instagram della sezione Panorama sono stati pubblicati post e immagini antisemiti. Il festival ha denunciato la violazione alle autorità

Berlino 2024

‘Dahomey’, Mati Diop e l’arte che sconvolge il mondo: “Non sottovalutiamo il cinema”

Con questo documentario dedicato al rientro in Benin di 26 delle migliaia di opere depredate dall'imperialismo francese, la regista francese di origini senegalesi ha conquistato l'Orso d'oro della Berlinale 2024

Bruno Dumont
Berlino 2024

Premiato il cinema più radicale, tra venti di guerra e impegno

La giuria di Lupita Nyong'o ha vissuto discussioni animate, "ma nel rispetto delle opinioni di tutti e arrivando a una decisione unanime"

Berlino 2024

‘Dahomey’ di Mati Diop è l’Orso d’oro della Berlinale 2024

Sebastian Stan premiato per la miglior interpretazione per A different man. A Hong Sang-soo il gran premio della giuria (il secondo a distanza di soli due anni)


Ultimi aggiornamenti