Co-produrre con l’Italia, opportunità e vantaggi

I principali strumenti finanziari nazionali a sostegno del settore audiovisivo e della co-produzione, presentati all’European Film Market di Berlino

Co-produrre con l’Italia, opportunità e vantaggi

BERLINO – Presentati all’European Film Market di Berlino, all’interno degli appuntamenti Country Session, i principali strumenti finanziari che l’Italia mette a disposizione a sostegno del settore audiovisivo, illustrando vantaggi e modalità di accesso per le co-produzioni. “Il Fondo nazionale per il cinema e l’audiovisivo è stato lanciato nel 2016 con un budget annuo minimo di 400 milioni di euro. Nel corso degli anni la sua dotazione è aumentata fino ad arrivare quest’anno a 700 milioni di euro, uno dei regimi di incentivi più alti in Europa”, sottolinea Rossella Gaudio (DGCA-MiC) evidenziando che il 70% di questo fondo è destinato alla realizzazione di opere audiovisive. “Concediamo supporto in ogni fase – scrittura, sviluppo, produzione, post-produzione e distribuzione -, e sosteniamo ogni tipo di opera: film, naturalmente, ma anche serie tv, web, documentari, animazione, cortometraggi e videogame”.

“Diversi gli strumenti a favore del settore audiovisivo di cui disponiamo, tre i principali, e per ognuno di essi ci sono vantaggi in caso di co-produzione. Il tax credit è sicuramente l’incentivo più importante, con il budget più elevato. Il nostro tax credit è molto competitivo, potendo arrivare a sostenere il 40% dei costi sostenuti sul territorio italiano.  Abbiamo, poi,a disposizione i contributi automatici, concessi alle compagnie iscritte nel Registro delle imprese. In caso di accordi di co-produzione si ha accesso automaticamente a punti extra, e quindi ad un extra budget da investire nel progetto. I contributi selettivi premiano, invece, progetti di alta qualità che fanno fatica a trovare finanziamenti, selezionati con criteri qualitativi, discrezionali, da una commissione di esperti. In questo caso se il progetto è una co-produzione, si ha diritto automaticamente a un punto in più ai fini della selezione”.

Nel corso dell’incontro, approfonditi anche altri strumenti specifici per favorire le co-produzioni con il nostro Paese, tra cui il Minority Co-Production Fund, che regola la concessione di contributi per la produzione di lungometraggi realizzati in coproduzione o compartecipazione con altri Paesi, in cui la partecipazione italiana sia minoritaria. “Ammontava a 5 milioni di euro nel 2019, quando è stato lanciato, mentre ora siamo a 6 milioni di euro, risultato di cui siamo molto soddisfatti. È un contributo selettivo, con una commissione che seleziona il progetto da finanziare. Tutti i Paesi possono fare richiesta e si ottiene un contributo massimo di 300mila euro”.

Maggiori informazioni e dettagli nella guida per girare in Italia ‘ITALY OFFERS EVERYTHING YOU NEED’  realizzata da DGCA-MiC in collaborazione con Italy for Movies, Cinecittà e Italian Film Commissions in occasione dell’edizione 2024 dell’European Film Market che vede l’Italia protagonista come “Country in Focus”.

 

 

autore
18 Febbraio 2024

Berlino 2024

Berlino 2024

Perspectives, la Berlinale lancia il nuovo concorso per opere prime

Questo nuovo concorso a sé stante includerà fino a 14 opere prime di fiction provenienti da tutto il mondo, con una giuria composta da tre persone

Berlino 2024

Berlinale, social violati da hacker antisemiti

In seguito alle polemiche sulle dichiarazioni di alcuni premiati sul palco della Berlinale, sul canale Instagram della sezione Panorama sono stati pubblicati post e immagini antisemiti. Il festival ha denunciato la violazione alle autorità

Berlino 2024

‘Dahomey’, Mati Diop e l’arte che sconvolge il mondo: “Non sottovalutiamo il cinema”

Con questo documentario dedicato al rientro in Benin di 26 delle migliaia di opere depredate dall'imperialismo francese, la regista francese di origini senegalesi ha conquistato l'Orso d'oro della Berlinale 2024

Bruno Dumont
Berlino 2024

Premiato il cinema più radicale, tra venti di guerra e impegno

La giuria di Lupita Nyong'o ha vissuto discussioni animate, "ma nel rispetto delle opinioni di tutti e arrivando a una decisione unanime"


Ultimi aggiornamenti