Berlino 2024, in giuria c’è anche Jasmine Trinca

Annunciati i componenti della giuria internazionale. La regista e sceneggiatrice Tizza Covi tra i giurati della sezione Encounters


Svelati i componenti della giuria internazionale della 74ma edizione del Festival di Berlino, in programma dal 15 al 25 febbraio. Alla presidente Lupita Nyong’o si aggiungono l’attore e regista Brady Corbet , la regista Ann Hui, il regista Christian Petzold , il regista Albert Serra, l’attrice e regista Jasmine Trinca e la scrittrice Oksana Zabuzhko. La giuria avrà il compito di assegnare l’Orso d’oro per il miglior film e i sette Orsi d’Argento: Gran Premio della Giuria, Premio della Giuria, miglior regia, migliore interpretazione protagonista, migliore interpretazione non protagonista, migliore sceneggiatura, miglior contributo artistico.

La Berlinale ha inoltre annunciato le giurie delle sezioni parallele, che assegneranno altri premi nel corso del Festival. Per la sezione Encounters, che assegna tre premi (miglior film, miglior regia e Premio Speciale della Giuria) Lisandro Alonso, il regista e produttore Denis Côté e dalla regista e sceneggiatrice Tizza Covi. A giudicare i cortometraggi saranno il regista e sceneggiatore Ilker Çatak, l’artista del suono e ricercatore Xabier Erkizia e la regista, sceneggiatrice, videoartista e docente Jennifer Reeder. A decretare la miglior opera prima, Un’Orso trasversale a tutte le sezioni è invece il premio alla miglior opera prima, che sarà decretato dalla regista e sceneggiatrice Eliza Hittman, la film curator Andréa Picard e la produttrice Katrin Pors. Il regista e sceneggiatore Abbas Fahdel, il regista Thomas Heise e l’antropologa Véréna Paravel eleggeranno il miglior documentario. Infine, gli Orsi di vetro e i premi in denaro previsti dalla sezione Generation saranno assegnati dalla giuria composta dal regista Amjad Abu Alala, dall’attrice Banafshe Hourmazdi e dal regista e sceneggiatore Ira Sachs.

 

01 Febbraio 2024

Berlino 2024

Berlino 2024

Berlinale, social violati da hacker antisemiti

In seguito alle polemiche sulle dichiarazioni di alcuni premiati sul palco della Berlinale, sul canale Instagram della sezione Panorama sono stati pubblicati post e immagini antisemiti. Il festival ha denunciato la violazione alle autorità

Berlino 2024

‘Dahomey’, Mati Diop e l’arte che sconvolge il mondo: “Non sottovalutiamo il cinema”

Con questo documentario dedicato al rientro in Benin di 26 delle migliaia di opere depredate dall'imperialismo francese, la regista francese di origini senegalesi ha conquistato l'Orso d'oro della Berlinale 2024

Bruno Dumont
Berlino 2024

Premiato il cinema più radicale, tra venti di guerra e impegno

La giuria di Lupita Nyong'o ha vissuto discussioni animate, "ma nel rispetto delle opinioni di tutti e arrivando a una decisione unanime"

Berlino 2024

‘Dahomey’ di Mati Diop è l’Orso d’oro della Berlinale 2024

Sebastian Stan premiato per la miglior interpretazione per A different man. A Hong Sang-soo il gran premio della giuria (il secondo a distanza di soli due anni)


Ultimi aggiornamenti