Lo sciopero è finito: accordo raggiunto tra attori e Studios dopo 118 giorni

Il comitato negoziale della Screen Actors Guild ha approvato all'unanimità un accordo provvisorio per porre fine allo sciopero: prevista la protezione contro le intelligenze artificiali, un aumento salariale e un bonus legato alle metriche delle piattaforme


È stato lo sciopero più lungo della storia del Sag-Aftra, ma ora è finalmente concluso. Lo rivela “Variety”, secondo cui il comitato negoziale della Screen Actors Guild ha approvato all’unanimità un accordo provvisorio per porre fine allo sciopero, in attesa di sottoporlo domani all’approvazione del consiglio nazionale del sindacato. Dopo 118 giorni da quel 13 luglio in cui lo sciopero iniziò, mandando in confusione il sistema produttivo e promozionale di tutta Hollywood, si può dire che il peggio è passato.

Le due parti hanno trascorso gli ultimi giorni a dare gli ultimi ritocchi all’accordo, che vedrà per la prima volta una protezione per gli attori contro l’intelligenza artificiale e uno storico aumento salariale. L’accordo vedrà la maggior parte dei minimi aumentare del 7%, il 2% in più rispetto agli aumenti ricevuti dalla Writers Guild of America e dalla Director’s Guild of America. Previsto anche un bonus basato sulle metriche di performance delle varie piattaforme.

“Ce l’abbiamo fatta! L’affare da oltre un miliardo di dollari! 3 anni l’ultimo contratto! Ovunque si apre una nuova strada!” ha scritto su Instagram la presidente del sindacato Fran Drescher, che ha definito l’accordo “storico”. Gli Studios, da parte loro, avrebbero parlato di un “nuovo paradigma” per Hollywood.

Lo sciopero avrebbe coinvolto almeno 160mila attori e attrici, fermando o rallentando la produzione di 176 film e serie tv, per un valore complessivo di 10 miliardi di dollari. Il governatore della California Gavin Newsom ha detto che l’economia dello Stato, fortemente influenzata dall’industria cinematografica, ha perso 5 miliardi di dollari.

09 Novembre 2023

Hollywood

Hollywood

Paramount, nuova offerta da oltre 2 miliardi di dollari

Mentre si attende la decisione in merito alla proposta di Skydance, il Ceo di Warner Music si fa avanti con il fondo di private equity Bain Capital

Hollywood

Sony, offerta da 26 miliardi per acquisire Paramount

Al fianco della società giapponese ci sarebbe, come socio di minoranza, la Apollo Global Management, colosso del private equity

Hollywood

‘Rust’, l’armiera Gutierrez-Reed condannata a 18 mesi

La responsabile delle armi sul set del western è stata ritenuta colpevole per l'omicidio involontario di Halyna Hutchins. Il processo che riguarda Alec Baldwin si svolgerà a luglio

Hollywood

Hollywood, un altro sciopero all’orizzonte?

Al grido di “tanti mestieri, una sola lotta”, in 2000 sono già scesi in piazza domenica 3 marzo a Los Angeles. I sindacati dei tecnici chiedono ai produttori di rinegoziare il loro contratto che scade il 31 luglio.


Ultimi aggiornamenti