Sciopero Hollywood, sindacato attori rifiuta la proposta degli Studios

Sarebbe dovuta essere la proposta "ultima e definitiva", ma le due parti sono ancora lontane e non si sa quando riprenderanno il negoziato.


Ennesimo no di Sag-Aftra, il sindacato degli attori statunitensi, a quella che sarebbe dovuta essere”l’ultima e definitiva” proposta degli Studios sulle misure da includere nel nuovo contratto degli interpreti. Le due parti sono ancora lontane “su diverse questioni essenziali, tra cui l’Intelligenza artificiale”, ha scritto Sag-Aftra in una breve nota.

La risposta telegrafica fa sfumare la speranza di un’immediata risoluzione della vertenza aperta il 14 luglio per il nuovo contratto degli interpreti di cinema, radio e tv. Ancora non c’è un appuntamento formale per riprendere il negoziato. “Torneremo al più presto al tavolo. Tutti vogliamo riprendere a lavorare”, ha detto all’ANSA Ted Sarandos, amministratore delegato di Netflix.

Dal 24 ottobre i rappresentanti sindacali e dell’Alleanza dei produttori avevano ripreso a dialogare, con frequenti riunioni definite “produttive” da entrambe le parti. Per l’ultima, si erano collegati anche i dirigenti di ben sette tra le Major tradizionali e i servizi di streaming: Bob Iger di Disney, David Zaslav di Warner Bros, Donna Langley di NBCUniversal, Ted Sarandos di Netflix, Brian Robbins di Paramount, Mike Hopkins e Jen Salke di Amazon e Tony Vinciquerra di Sony. La presenza dei primi quattro al tavolo del negoziato era stata determinante per siglare l’accordo con gli sceneggiatori a fine settembre. I lavoratori dello spettacolo e dell’indotto assistono a questo tira e molla con sempre maggiore apprensione.

Sabato, il consiglio comunale di Los Angeles ha esortato entrambe le parti ad affrontare i prossimi incontri “con la massima urgenza”, avvertendo che “il mancato raggiungimento di un accordo in tempi brevi metterà a repentaglio i risultati per i quali il settore e il governo hanno combattuto”. Secondo gli economisti, lo sciopero di 146 giorni degli sceneggiatori, risolto il 23 settembre, e quello ancora in corso degli attori sono costati alla California più di 6,5 miliardi di dollari. Sei mesi di chiusura quasi totale delle produzioni hanno costretto a casa 45.000 lavoratori, in una città in cui la classe media era già in affanno per l’aumento dei prezzi e degli affitti.

07 Novembre 2023

Hollywood

Hollywood

Sony, offerta da 26 miliardi per acquisire Paramount

Al fianco della società giapponese ci sarebbe, come socio di minoranza, la Apollo Global Management, colosso del private equity

Hollywood

‘Rust’, l’armiera Gutierrez-Reed condannata a 18 mesi

La responsabile delle armi sul set del western è stata ritenuta colpevole per l'omicidio involontario di Halyna Hutchins. Il processo che riguarda Alec Baldwin si svolgerà a luglio

Hollywood

Hollywood, un altro sciopero all’orizzonte?

Al grido di “tanti mestieri, una sola lotta”, in 2000 sono già scesi in piazza domenica 3 marzo a Los Angeles. I sindacati dei tecnici chiedono ai produttori di rinegoziare il loro contratto che scade il 31 luglio.

Picchetto di attori in sciopero
Hollywood

Sciopero, attori di Hollywood ratificano accordo con gli Studios

Il documento sancisce ufficialmente la fine della più lunga battaglia sindacale della storia di Hollywood. Aumentati i compensi minimi e "arginata" l'AI


Ultimi aggiornamenti