Venezia 80, il Premio Kinéo celebra Pasolini

Madrina della 21ma edizione è la star messicana Ana de la Reguera


Per l’80ma edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia il Premio Kinéo entra nel suo terzo decennio, con una madrina che arriva dal centramerica: l’attrice Ana de la Reguera (nella foto), a Venezia col pluripremiato regista messicano Michel Franco, che presenta il film in concorso Memory, con Jessica Chastain e Peter Sarsgaard. Tra le più acclamate attrici messicane, che si divide tra il suo Paese e Hollywood, Ana de la Reguera vede tra i suoi successi internazionali Pueblo Chico, Infierno Grande, di Benjamín Cann. A Hollywood ha lavorato con registi come Jared Hess e Carlos Carrera e attori quali Jack Black, Harrison Ford e Bruce Willis.

Oltre al premio alla giovanissima Sara Ciocca per la categoria Giovani Rivelazioni, c’è il Premio per i Diritti Umani a Chiara Tilesi, regista e produttrice italiana, attualmente residente a Los Angeles, impegnata nel campo del cambiamento sociale attraverso l’arte, i media e il cinema, assegnato da Kinéo e Global Campus of Human Rights. Fondatrice di We Do It Together (Wdit), società di produzione cinematografica no-profit che si dedica all’empowerment delle donne e delle minoranze, nel 2018 Tilesi ha anche dato vita a Frequency Production, focalizzata sulla produzione di media che generano un impatto positivo sulla società. Per il suo ultimo film, Tell It Like A Woman, composto da sette segmenti diretti da sette registe donne, ha avuto la nomination all’Oscar 2023 per la miglior canzone originale.

Un riconoscimento molto vicino a quello dei Diritti Umani è il Premio per la Solidarietà, assegnato a Marta Miniucchi per un documentario sul lavoro della Ong italiana Cefa (Comitato Europeo per la Formazione e l’Agricoltura), con l’obbiettivo di realizzare progetti che aiutino la popolazione locale in maniera sostenibile soprattutto nei settori dell’agricoltura, dell’acqua, dell’ambiente e nel sociale. Oggi Cefa lavora in 11 paesi dell’Africa e CentroSud America con progetti di sviluppo agricolo.

Per quanto riguarda le Opere prime, sono stati selezionati due titoli tra le opere drammatiche e le commedie: Piano piano di Nicola Prosatore con Antonia Truppo (interprete e anche sceneggiatrice), prodotto da Eskimo di Dario Formisano, e Il cacio con le pere di Luca Calvani, una spensierata commedia per tutta la famiglia, girata nello splendore della campagna toscana. Quello di Prosatore è un racconto duro e drammatico di alcune persone costrette a lasciare le loro case di periferia per fare spazio alla nuova sopraelevata che spazzerà via per sempre il loro piccolo mondo. La seconda, invece, è una commedia brillante che racconta la storia di Fosco (Francesco Ciampi) e Fred (Luca Calvani), due fratelli opposti: il primo, semplice e ruspante, che lavora in un supermercato, l’altro bello e fascinoso ma superficiale, che tenta di far fortuna nel cinema americano. Alla fine di molti scontri, di fronte a un’eredità, riusciranno a trovare una buona convivenza.

Kinéo celebra poi il centenario della nascita di un poeta che ha cambiato il cinema italiano (e non solo), premiando la produttrice Morena Gentile per la realizzazione del documentario Pier Paolo Pasolini – Una visione nuova, per la regia di Giancarlo Scarchilli, realizzato in collaborazione con Luce Cinecittà, Rai Cinema e Centro Sperimentale di Cinematografia.

Lo storico evento collaterale della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica è sostenuto dalla Dgca del Mic e si terrà sabato 2 settembre nella splendida cornice dell’Hotel Cà Sagredo.

A condurre la cerimonia di premiazione l’attore Fabio Fulco, scelto da Franco Zeffirelli per Un tè con Mussolini e interprete di serie di successo come Le tre rose di Eva, Il giudice Mastrangelo, Gente di mare, Artemisia Sanchez e Mina Settembre.

Prosegue il tradizionale sostegno della Veneto Film Commission che ospita la conferenza stampa, che si terrà venerdì 1 settembre, alle ore 17, nello Spazio Regione Veneto e Veneto Film Commission all’Hotel Excelsior del Lido di Venezia.

22 Agosto 2023

Venezia 80

Venezia 80

‘Adagio’. La salvezza di un mondo in rovina è affidata alle nuove generazioni

Intervista al regista e sceneggiatore Stefano Sollima, e agli attori Pierfrancesco Favino e Gianmarco Franchini

Venezia 80

‘Los angeles no tienen alas’ apre la Mostra di Cinema Iberoamericano

Torna a Roma, dal 15 al 17 settembre 2023 SCOPRIR - Mostra di Cinema Iberoamericano, giunta alla sua undicesima edizione. Quest’anno verrà presentata la sezione Espacio Femenino, ciclo del cinema dedicato alla cultura femminile

Venezia 80

FantaLeone 2023, i vincitori del fantasy game dedicato a Venezia 80

Dopo avere scoperto il palmarès di Venezia 80, è il momento di rivelare i primi cinque classificati della prima edizione del FantaLeone di CinecittàNews, il primo fantasy game dedicato alla Mostra del Cinema

Venezia 80

“La ricerca, lo sviluppo e la centralità delle produttrici italiane”: Doc/It a Venezia

“La ricerca, lo sviluppo e la centralità delle produttrici italiane” è il titolo dell’incontro promosso da DOC/it, associazione dei Documentaristi e delle Documentariste italiane, nell’ambito del Venice Production Bridge di Venezia che si è tenuto durante l'80ma Mostra


Ultimi aggiornamenti