Venezia 80, Barbera: “ricambio generazionale in atto”

"Era palpabile l'affetto per questo festival", dichiara il presidente Cicutto. L'ultima edizione appena conclusa registra un +17% di ingressi sul 2022


VENEZIA – Si era temuto tanto per la l’80ma Mostra del Cinema di Venezia: l’assenza delle star fermate a Hollywood dallo sciopero aveva spaventato e ora, a Festival concluso, ad ammetterlo è anche il direttore Alberto Barbera e il presidente uscente della Biennale Roberto Cicutto. Sono i dati a rispondere per loro, conferma felice di un’edizione di successo: +17% di ingressi sul 2022 (230mila), + 14% di biglietti venduti (85mila) oltre ad un +9% di accreditati (13mila 23). Poche star, come previsto, ma tanto pubblico.

“Era palpabile l’affetto per questo festival”, dichiara il presidente Cicutto, “È il frutto di un percorso di 12 anni – dice il direttore Alberto Barbera – in cui si sono migliorate le sale, con un processo di rinnovo spinto dalla Biennale con le altre istituzioni”.

Molti i giovani al Lido, nonostante il costo elevato di alloggi, pasti e trasporti. “Il pubblico è cambiato radicalmente, era pieno di ventenni che hanno vissuto l’esperienza della Mostra con entusiasmo”, osserva Barbera. Sul tema dei prezzi della permanenza durante il Festival, Barbera e Cicutto si dicono “Impotenti”. La soluzione, riflette il presidente, “sarebbe fare sistema, ed è una necessità della città intera”.

Più giovani, dunque, nel pubblico e sul grande schermo. Per il direttore si tratta di un vero e proprio ricambio generazionale: “una nuova generazione si sta affermando, come dimostrano i premi ad Orizzonti per Alain Parroni, Enrico Maria Artale e quello degli spettatori a Micaela Ramazzotti, per la quale nessuno avrebbe scommesso perché non è detto che una bravissima attrice possa essere brava anche come regista”.

Vicino alla rosa dei giudici, rivela Barbera, anche Pietro Castellitto, trentun anni e in concorso con la sua seconda opera Enea. “È stato in discussione per entrare nella rosa, i giurati ne hanno parlato, molti ne hanno colto valore e interesse”.

Il Leone d’oro a Povere Creature! di Yorgos Lanthimos “non è stato all’unanimità”, dice Barbera. In finalissima infatti anche il giapponese Ryūsuke Hamaguchi con Il Male non esiste, che ha infine conquistato il Leone d’argento – Gran premio della giuria. Quanto al futuro, “le dimissioni? C’è qualcuno che può indicarmi il motivo per cui dovrei andare via con un contratto che scade a dicembre 2024? Chi può mettere in giro queste voci?” risponde Barbera, “anzi lo so chi lo ha messo in giro”, ironizza.

10 Settembre 2023

Venezia 80

Venezia 80

‘Adagio’. La salvezza di un mondo in rovina è affidata alle nuove generazioni

Intervista al regista e sceneggiatore Stefano Sollima, e agli attori Pierfrancesco Favino e Gianmarco Franchini

Venezia 80

‘Los angeles no tienen alas’ apre la Mostra di Cinema Iberoamericano

Torna a Roma, dal 15 al 17 settembre 2023 SCOPRIR - Mostra di Cinema Iberoamericano, giunta alla sua undicesima edizione. Quest’anno verrà presentata la sezione Espacio Femenino, ciclo del cinema dedicato alla cultura femminile

Venezia 80

FantaLeone 2023, i vincitori del fantasy game dedicato a Venezia 80

Dopo avere scoperto il palmarès di Venezia 80, è il momento di rivelare i primi cinque classificati della prima edizione del FantaLeone di CinecittàNews, il primo fantasy game dedicato alla Mostra del Cinema

Venezia 80

“La ricerca, lo sviluppo e la centralità delle produttrici italiane”: Doc/It a Venezia

“La ricerca, lo sviluppo e la centralità delle produttrici italiane” è il titolo dell’incontro promosso da DOC/it, associazione dei Documentaristi e delle Documentariste italiane, nell’ambito del Venice Production Bridge di Venezia che si è tenuto durante l'80ma Mostra


Ultimi aggiornamenti