‘Tár’ potrebbe essere l’ultimo film di Todd Field: “la regia è uno sforzo fisico”

Tra i grandi ignorati agli ultimi premi Oscar, il regista dell'instant cult con Cate Blanchett protagonista ha dichiarato che potrebbe non dirigere più: "non è una cosa creativa per me, è davvero una


Todd Field potrebbe ritirarsi dal mondo della regia. Rientrato dagli ultimi Academy Awards a mani vuote, nonostante le sei nomination di Tár e lo slancio con cui critica e pubblico erano pronti ad applaudire la sua protagonista Cate Blanchett, scalzata da Michelle Yeoh, ha rifletto sul proprio lavoro in un’intervista a Cinema Scope.

“È una vera sfida realizzare un film di qualsiasi tipo. Non è per deboli di cuore“, ha dichiarato il regista. “Vorrei essere tagliato per cose diverse. Mi serve molto per fare un film, non so se ne farò mai un altro”.

La carriera di Field dietro la macchina da presa potrebbe dunque fermarsi qui, dopo tre film, di cui uno, l’ultimo, acclamato come instant cult. Potrebbe ancora cambiare idea, “spero sia possibile”, ma le ragioni sono profonde e personali: “non è una cosa creativa per me, è davvero una cosa fisica“.

Oltre a Tár, Todd Field ha diretto nel 2001 In the Bedroom e nel 2006 Little Children. Alla Berlinale di febbraio aveva presentato un cortometraggio legato al mondo di Lydia Tár, The Fundraiser, annunciando poi che non sarebbe mai più stato proiettato.

“Non si tratta di non avere nulla da dire. Se fosse bello e facile, filmerei sempre. Faccio pubblicità tutto il tempo, ma questo non mi toglie molto. Mi piacciono le tecniche, la sperimentazione di nuove attrezzature che escono prima, perché sono anche un fanatico tecnico. Ma quelle non sono le mie cose; quegli strumenti tecnici appartengono alle multinazionali. Ma se qualcosa è davvero tuo, e conta davvero, devi dargli tutto. E man mano che invecchi, ti rendi conto di quanto sia prezioso il tempo. Non ho più vent’anni o trenta — Avrò presto 60 anni. Inizi a pensare a queste cose.”

Una cosa di certo non cambierà: Todd Field continuerà a scrivere. “Assieme a Jonathan Franzen abbiamo composto 1200 pagine in sei mesi, è stato emozionate. La parte di scrittura, ogni giorno, non cambierà”. Proprio la sceneggiatura di Tár, oltre che l’interpretazione di Cate Blanchett, era stata applaudita e accolta con grande entusiasmo.

A.C.
22 Marzo 2023

Registi

Registi

Roberta Torre: “Nel mio prossimo film una Alice nel paese delle meraviglie trans”

Agli Stati generali di Siracusa abbiamo intervistato la regista, che sta progettando un film di finzione basato sui libri di Porpora Marcasciano, già protagonista del suo Le favolose

Registi

150 artisti ebrei firmano una lettera aperta a sostegno di Jonathan Glazer

Anche il regista di May December Todd Haynes si è unito al messaggio di appoggio al cineasta britannico premiato per il miglior film internazionale

Registi

Jonathan Glazer dona poster firmati alla raccolta fondi “Cinema for Gaza”

Il regista premio Oscar con 'La zona d'interesse' ha partecipato all'asta di beneficenza che ha già raggiunto oltre 60mila dollari. Tra i partecipanti anche Ramy Youssef, Ken Loach e Tilda Swinton

Registi

Ken Loach parla di ritiro dal set dopo 60 anni di cinema

Alla vigilia dell’uscita di The Old Oak negli USA, 'Variety' intervista l'87enne regista britannico, che parla anche del suo “grande rispetto per il discorso di Jonathan Glazer agli Oscar”


Ultimi aggiornamenti