‘Sulla frontiera serba’ di Cammarata e Foscarin vincono il premio in denaro (In)emergenza

Assegnati i premi del programma di sostegno agli autori e alle autrici di domani, realizzato dal Bellaria Film Festival in collaborazione con Cinecittà


Presentato al Bellaria Film Fetival i vincitori del premio BFF (in)emergenza, programma di sostegno agli autori e alle autrici di domani realizzato in collaborazione con Cinecittà. Otto in tutti i progetti selezionati, presentati oggi in una sessione di pitch di fronte a un gruppo di professionisti del settore. Inoltre, ai giovani autori ai quali è stata offerta la possibilità di un tutoring da parte di tre mentor Francesco Giai Via, Dario Zonta e Aline Hervé – giuria scelti da Cinecittà – e un aiuto concreto per la finalizzazione del film, grazie a premi in denaro e sostegni alla postproduzione.

Sulla frontiera serba di Federico Cammarata e Filippo Foscarin ha vinto il premio in denaro del valore di 6.000 euro e il premio di post-produzione audio-video offerto da Cinecittà per  per il coraggio e la straordinaria capacità di affrontare un racconto inedito al confine dell’Europa dove la foresta copre i segreti di un’umanità che cerca di oltrepassare i propri incubi”. Il progetto di Cammarata e Foscarini si propone di raccontare un clan di trafficanti a ridosso del muro ungherese. “Il film dà forma a una lunga notte in un territorio estremo che squarcia le pareti del visibile” si legge nella logline.

Il ⁠Premio di post-produzione video offerto da Cineporto dell’Emilia-Romagna è stato assegnato invece a La casa delle storie di Rosa Maietta, prodotto da Lorenzo Cioffi (Ladoc). Il film racconta le vite di donne riscoperte nelle carte dell’Archivio di Stato di Napoli.

A White lies⁠ di Alba Zari, storia di una fotografa 25enne nata a Bangkok e cresciuta in Italia, è stato assegnato il ⁠premio per ⁠licenza di sincronizzazione per la colonna sonora del film uso All Media/Mondo con brani illimitati offerta da Flippermusic. White lies è prodotto da Manuela Buono (Slinghshot Films). “Alba scopre a 25 anni che l’identità del suo padre biologico è sconosciuta. Attraverso il confronto con la madre e la nonna, Alba ripercorre la storia di tre generazioni di donne, indagando sulle loro scelte, scoprendo le loro verità nascoste e le bugie bianche che hanno definito le loro attuali identità”.

Il premio consulenza sul montaggio e color correction offerto da Dimmer Academy è andato a No trespassing di Alessandro Aniballi, Valerio D’Angelo, Martina Ghezzi e Daria Pomponio, prodotto da Alessandro Gagliardo per Matango srl. Un progetto dedicato alla sala cinematografica, raccontata da un “divoratore di immagini”.

Infine, il premio di 2.000 euro per il miglior film legato alla tematica Green offerto da sponsor del circuito Futuristika Green è andato a Gli ultimi di Michele Sammarco, prodotto da Saverio Cappiello, Marco Gernone e Nicolò Accentura (Intervallo Film).

10 Maggio 2024

BFF24

BFF24

Bellaria Film Festival, ‘Gli oceani sono i veri continenti’ miglior film italiano

Consegnati i premi della 42ma edizione del Bellaria Film Festival. A Patagonia di Simone Bozzelli la menzione speciale della giuria

BFF24

Bruno Dumont: “Al cinema di Hollywood manca la purezza di Pasolini”

Al Bellaria Film Festival è stato presentato in anteprima nazionale L'Empire, Orso d'Argento a Berlino 2024 e in sala dal 12 giugno

BFF24

Greta Scarano: “Dopo Adriatica sogno un horror politico”

Ospite del Bellaria Film Festival, l'attrice ci ha raccontato il debutto alla regia con 'Adriatica' e l'importanza di prendere posizione su ciò che accade nel mondo

BFF24

Margherita Giusti: “Difficile essere donna su un set. L’animazione mi ha salvato”

Con The Meatseller, prodotto da Luca Guadagnino, ha vinto il premio David di Donatello per il miglior corto. Ora, la giovane animatrice italiana progetta un lungometraggio e assieme al suo collettivo sogna uno Studio d'animazione


Ultimi aggiornamenti