Scorsese: “Il massacro dei nativi americani? Siamo tutti colpevoli”

Il regista racconta il suo 'Killers of the Flower Moon'


“Sul massacro dei nativi americani siamo tutti colpevoli”. Il premio Oscar Martin Scorsese non usa mezzi termini per spiegare il senso del suo Killers Of The Flower Moon in un’intervista a cinematografo.it riportata dall’AdnKronos.

Il film, tratto dall’omonimo romanzo di David Grann, arriverà nelle sale italiane il 19 ottobre. Titolo più atteso dell’ultimo Festival di Cannes, la pellicola, lunga 206 minuti, vanta un grande cast: Robert De Niro, Leonardo DiCaprio, Jesse Plemons. La storia è ambientata negli anni Venti, nelle terre degli Osage. Di Caprio interpreta un reduce di guerra, che si affida a un luciferino De Niro, qui uno zio simile a un padrino. I nativi sono diventati ricchi, perché nei loro territori hanno scoperto il petrolio. Intanto una serie di omicidi sconvolge gli Osage, e l’Fbi non tarda ad arrivare. Killers Of The Flower Moon è la fotografia di una nazione sull’orlo del cambiamento, è un’epopea appassionata che condanna l’avidità, sviscera la natura umana e porta sul banco degli imputati chi ha deciso di tacere.

Il grande regista spiega anche il motivo per il quale propone un film così lungo. “Viviamo in un’epoca particolare, scelgo di fare film lunghi per un motivo preciso: il pubblico è ormai abituato alle serie, al binge watching. Ci si chiude in casa e si passano ore a guardare decine di episodi uno dietro l’altro. Quindi perché non farlo al cinema? La mia è una sfida. Cinque ore seduti sul divano non hanno lo stesso valore di 200 minuti in sala? Questa è la mia provocazione. Dobbiamo recuperare la capacità di analisi, di avere una visione attiva delle cose. L’esperienza deve essere genuina e non viziata dall’ambiente circostante. Uscite, sedetevi su poltrone comode e godetevi l’esperienza su uno schermo grande, con le luci spente”.

Lavorare con Netflix e adesso con Apple, per Scorsese, è “un percorso necessario. E mi garantiscono comunque un’uscita in sala. Bisogna camminare su sentieri diversi per raggiungere il risultato, riportando così la gente al cinema. Senza dimenticare anche i social, tanto cari a mia figlia, che non smettono mai di inondarci di immagini. È sempre una questione di linguaggio, con la consapevolezza che il futuro sono i giovani. La chiave è capire che cosa vogliamo trasmettere, in un tempo anche molto dilatato, con famiglie che magari fanno fatica a pagare il biglietto. La loro attenzione e i loro sforzi economici dobbiamo meritarceli. È un rituale, che passa attraverso l’illusione e la magia”.

Colpa e redenzione sono temi cardine del cinema di Scorsese, ma in questo film ci sono “uomini che le rifiutano. Non vogliono assumersi le loro responsabilità. Si tratta di un viaggio nei nostri sentimenti più profondi. Si chiudono gli occhi invece di inseguire la verità, si rinnegano i massacri del passato, come la Prima Guerra Mondiale, per riscrivere il presente”.

Scorsese si è avvicinato ai nativi americani “con rispetto. All’inizio forse c’era anche diffidenza. Mi sono domandato come portare sullo schermo la loro identità, il loro modo di essere. Mi sono sentito un tramite. È stato vitale capire la loro cultura con onestà, senza scadere nei pietismi o nella condiscendenza. Dobbiamo confrontarci con gli avvenimenti, chiedere anche perdono. L’intrattenimento degli studios deve trovare la giusta via per raccontare pagine molto dure della storia. È una nostra responsabilità. Sono rimasto scioccato da quante cose non sapevo, che ho dovuto studiare. Non ero preparato a scoprire quello che i nativi hanno dovuto sopportare nei secoli. Tutti noi dovremmo farcene carico. Mi hanno insegnato l’umanità, mi ha colpito il coraggio, il non avere paura. Anche io vengo da una piccola comunità, nonostante fosse situata a New York. Ma non è paragonabile. Sono stati ghettizzati, senza avere in alcuni casi l’acqua o qualcosa da mangiare. Mi sono seduto davanti a loro con umiltà, per ascoltarli”. “Se restiamo in silenzio -aggiunge – siamo colpevoli. E non bastano le scuse ufficiali fatte dai governi. Servono degli sforzi in più. Dobbiamo sempre fare attenzione a quali modelli scegliamo, a chi decidiamo di accostarci. Il problema è il sistema corrotto, dedito allo sfruttamento. Ho cercato di essere il più fedele possibile, evitando ogni eccesso. Corpo e anima sono strettamente collegati, non potevo discostarmi dalla sacralità che contraddistingue quella dimensione.

Il regista in questo film riabbraccia sia De Niro che DiCaprio. “Con Robert – dice Scorsese – abbiamo un rapporto particolare, duraturo. L’ultima volta era stato con The Irishman, ma avevamo già iniziato a parlare di Killers Of The Flower Moon. Per lui è stato bello condividere ancora il set con Leonardo. Non capitava dal 1993, con Voglia di ricominciare. E Robert mi ha sempre detto: ‘Guarda quel ragazzo, è proprio bravo. Dovresti proprio lavorarci’. Ho seguito il suo consiglio (ride, ndr). Cerco sempre di creare un legame speciale con i miei attori. Talvolta per rompere il ghiaccio faccio riferimento alla religione. Ma è solo un esempio. L’obiettivo è far breccia con la semplicità. Anche io ho bisogno delle mie certezze. Ho ottant’anni, ho le mie fragilità”. Per quanto riguarda i progetti futuri Scorsese racconta: “Sto valutando alcuni romanzi, sempre con uno sfondo storico. Vorrei approfondire il tema della discriminazione”.

 

29 Settembre 2023

Registi

Registi

‘Furiosa’, George Miller conferma la versione “Black&Chrome”

Come Fury Road, anche il nuovo capitolo di Mad Max avrà un'edizione in bianco e nero, già pronta. "Il bianco e nero, per me, ha qualcosa di più elementale" ha dichiarato il regista

Registi

David Lynch, un misterioso annuncio scuote i fan

Su X il regista di Mulholland Drive' ha sorpreso tutti annunciando l'arrivo di qualcosa "da vedere e da sentire"

Registi

Gaetano Di Vaio in gravi condizioni per un incidente stradale

Il regista e produttore stanotte era a bordo del suo scooter in provincia di Napoli. Nel 2014 prese parte alla serie TV Gomorra

Registi

Polanski prosciolto dall’accusa di diffamazione

L'attrice britannica Charlotte Lewis lo aveva denunciato per averla definita "una bugiarda" nel corso di un'intervista del 2019


Ultimi aggiornamenti