Oscar 2023, ‘Everything Everywhere All at Once’ si prende tutto

Il film dei Daniels è il primo a vincere sei delle statuette più prestigiose (sette in totale), tra cui quelle per Miglior film e Miglior regia. Quattro premi per Niente di nuovo sul fronte occidental


La notte più magica dell’anno per gli appassionanti del grande cinema si è appena conclusa, consegnando alla storia i vincitori della 95ma edizione dei premi Oscar, molti dei quali provengono dallo stesso film: Everything Everywhere All at Once. Il film dei Daniels si è aggiudicato ben sette premi tra cui praticamente tutti quelli più prestigiosi quali Miglior Film, Miglior regia, Miglior sceneggiatura originale e Miglior montaggio. EEAAO è riuscito a prendersi anche i premi con la concorrenza più alta, quelli attoriali, aggiudicandosi i due Oscar per i non protagonisti a Ke Huy Quan e Jamie Lee Curtis e quello per l’attrice protagonista Michelle Yeoh. Unico colpo di coda quello della balena di The Whale con Brendan Fraser, eletto come miglior attore protagonista.

Non era mai successo nella storia degli Oscar che un film vincesse sei premi tra quelli considerati come principali (film, regia, sceneggiatura e attori). Solo tre volte in passato ci si era fermati a cinque con Accadde una notte, Qualcuno volò sul nido del cuculo e Il silenzio degli innocenti.

Incredibile risultato anche per il film tedesco Niente di nuovo sul fronte occidentale che si aggiudica ben quattro statuette. Il film di Edward Berger (regista recentemente al lavoro a Cinecittà per il suo prossimo film Il Conclave) vince per il Miglior film internazionale, la Miglior colonna sonora, la Miglior fotografia e la Miglior scenografia.

Nessun premio per i due unici candidati italiani: Alice Rohrwacher con il suo corto Le Pupille si arrende a The Irish Goodbye, mentre il make-up artist Aldo Signoretti per la quarta volta torna a casa a mani vuote dal Dolby Theatre a causa di The Whale, che vince l’Oscar per il Miglior trucco e acconciatura. Unico accenno di italianità tra i premiati è la vittoria come Miglior film d’animazione del Pinocchio di Guillermo del Toro, ennesimo adattamento del capolavoro di Carlo Collodi.

L’exploit di EEAAO lascia a secco anche grandi titoli pluricandidati come Gli Spiriti dell’Isola, The Fabelmans, Elvis e Tár, mentre Women Talking si aggiudica la Miglior sceneggiatura non originale, Black Panther: Wakanda Forever viince i Migliori costumi e Top Gun: Maverick il Miglior Sonoro. Scontato il premio agli effetti speciali per Avatar – La via dell’acqua.

Dopo una scorsa edizione a dir poco movimentata, quest’anno la cerimonia non sì è contraddistinta per momenti particolarmente memorabili. La sobrietà l’ha fatta da padrone per tutta la serata, tanto che l’elemento più innovativo è arrivato prima della premiazione. La sfilata di presentazione, infatti, verrà ricordata per avere introdotto una cornice nuova di zecca, in cui il rosso del carpet si è spostato sui tendaggi per lasciare spazio a un inedito rosa champagne. Per il resto, tutto è filato liscio come l’olio, senza neppure allontanarsi troppo dai pronostici iniziali. Tra i momenti più memorabili, quello del “In Memoriam”, introdotto quest’anno da John Travolta, che si è commosso ricordando la sua affezionatissima Olivia Newton-John, primo nome di una lista che ha visto tra gli altri anche la nostra indimenticabile Gina Lollobrigida.

Qui di seguito tutti i premi assegnati, mentre nelle prossime ore sveleremo i punteggi ufficiali del FantaOscar di CinecittàNews, il nostro primo fantasy game.

 

Miglior Film: Everything Everywhere All at Once

Miglior regia: Everything Everywhere All at Once

Miglior attrice protagonista: Michelle Yeoh per Everything Everywhere All at Once

Miglior attore protagonista Brendan Fraser per The Whale

Miglior attore non protagonista: Ke Huy Quan per Everything Everywhere All at Once

Miglior attrice non protagonista: Jamie Lee Curtis per Everything Everywhere All at Once

Miglior sceneggiatura originale: Everything Everywhere All at Once

Miglior sceneggiatura non originale: Women Talking

Miglior fotografia: Niente di nuovo sul fronte occidentale

Miglior colonna sonora: Niente di nuovo sul fronte occidentale

Migliori effetti speciali: Avatar – La via dell’acqua

Miglior canzone: Naatu Naatu di RRR

Miglior Montaggio: Everything Everywhere All at Once

Miglior sonoro: Top Gun: Maverick

Miglior trucco e acconciatura: The Whale

Migliori costumi: Black Panther: Wakanda Forever

Miglior scenografia: Niente di nuovo sul fronte occidentale

Miglior film internazionale: Niente di nuovo sul fronte occidentale

Miglior film d’animazione: Pinocchio di Guillermo del Toro

Miglior documentario: Navalny

Miglior cortometraggio: An Irish Goodbye

Miglior cortometraggio animato: Il bambino, la talpa, la volpe e il cavallo

Miglior cortometraggio documentario: Raghu, il piccolo elefante

13 Marzo 2023

Oscar

Oscar

Annunciate le date degli Oscar 2025

La 97ma cerimonia degli Academy Awards si svolgerà domenica 2 marzo 2025

Oscar

FantaOscar di CinecittàNews: i vincitori e i numeri dell’edizione 2024

Scopriamo le scelte fatte dai partecipanti al nostro fantasy game e riveliamo i vincitori di questa edizione

Oscar

FantaOscar di CinecittàNews 2024: i punteggi ufficiali

Le statuette sono state assegnate e noi abbiamo fatto i conti. Vi sveliamo i punteggi ufficiali di tutti i film in gara al nostro fantasy game, grazie per aver partecipato

Oscar

Gli effetti visivi di ‘Godzilla: Minus one’, un piccolo miracolo da Oscar

Takashi Yamazaki è il primo regista a vincere il premio Oscar ai migliori effetti visivi dopo Stanley Kubrick e 2001: Odissea nello spazio. Con un budget di appena 15milioni di dollari, Yamazaki - regista, sceneggiatore e supervisore dei vfx del film - ha sfidato e vinto i blockbuster hollywoodiani


Ultimi aggiornamenti