‘Making of’, i tre film in uno di Cédric Kahn

Fuori Concorso alla 80° Mostra del Cinema di Venezia, arriva Making of, il nuovo film di Cédric Kahn che ingloba in sé ben tre film in una volta sola


VENEZIA – Racconta qualcosa che conosci: si dice agli aspiranti storyteller. Per questo non stupisce il fatto che la storia del cinema abbia sempre visto un proliferare di film meta-cinematografici che ruotano attorno alla figura disperatamente affascinante del regista e al non luogo per eccellenza, il set. Da Fellini a Iñárritu, da Moretti a Spielberg, c’è solo l’imbarazzo della scelta. In particolare negli ultimi anni e, ancor di più, in Francia, dove a Cannes, l’anno scorso ha esordito l’istrionico remake Coupez!. Fuori Concorso alla 80° Mostra del Cinema di Venezia, arriva Making of, il nuovo film di Cédric Kahn che ingloba in sé ben tre film in una volta sola.

Il primo è quello che dirige lo stesso Kahn, che racconta di Simon (Denis Podalydès), un noto regista francese che sta girando un film (e siamo a due) su un gruppo di operai che occupano la loro fabbrica destinata alla chiusura. Il terzo film è quello del giovane Joseph (Stefan Crepon), impegnato a girare il dietro le quinte del set di Simon (da qui il titolo Making of). I tre piani del racconto si mischiano in continuazione, facendo risuonare le stesse tematiche. Mentre nella finzione filmica, gli operai devono lottare per il proprio diritto al lavoro contro un cinico sistema capitalistico, sul set la troupe deve vedersela con delle dinamiche produttive spietate, che pensano solo alle logiche di mercato a discapito delle scelte autoriali.

A questo continuo gioco di richiami dalla struttura a scatole cinesi, si aggiungono delle sottotrame amorose tra Simon e la moglie che vuole lasciarlo, e tra Joseph e l’attrice protagonista. Per i due registi, anche se in due fasi completamente diverse della loro carriera, la vita personale viene divorata da quella “droga” che è il cinema, un sogno ad occhi aperti per cui si è disposti a tutto. “Prendo in gira la figura del regista, ma è anche un autoritratto. – dichiara Cédric Kahn – Mi identifico moltissimo anche nella figura del giovane che vuole fare cinema, perché non sono più come lui, ma lo sono stato. Non è un film autobiografico, ma molto personale. Il personaggio del giovane è quello meno ironico, perché è ancora un sognatore. È più serio perché crede nel suo sogno. Il fatto di avere scelto Denis Podalydès per il personaggio del regista mi ha permesso di prendere un po’ di distanza, perché lui è molto diverso da me”.

Grazie alla sua originale struttura tripartita, il film può vantare un buon dinamismo delle situazioni, con tanti conflitti che incalzano lo spettatore e personaggi con cui è facile empatizzare. Soprattutto, Making of è una commedia che, seppur non incentrata propriamente sulla brillantezza dei dialoghi, riesce a costruire momenti di sincera leggerezza che non scadono mai nella macchietta. Ne è un esempio il personaggio di Jonathan Cohen, il tipico attore egocentrico ed estroverso che pretende sempre di stare al centro dell’attenzione. Nonostante le sue scene siano quelle più sopra le righe, si rivela essere un comic relieaf ben gestito e centrale per tutto il corso della narrazione.

Making of è un film che piacerà molto a chi ama il cinema e tutti i suoi aspetti più torbidi e controversi, ma che non dimentica il mondo che lo circonda, gli aspetti sociali e l’umanità dei personaggi. Ad avercene.

04 Settembre 2023

Venezia 80

Venezia 80

‘Adagio’. La salvezza di un mondo in rovina è affidata alle nuove generazioni

Intervista al regista e sceneggiatore Stefano Sollima, e agli attori Pierfrancesco Favino e Gianmarco Franchini

Venezia 80

‘Los angeles no tienen alas’ apre la Mostra di Cinema Iberoamericano

Torna a Roma, dal 15 al 17 settembre 2023 SCOPRIR - Mostra di Cinema Iberoamericano, giunta alla sua undicesima edizione. Quest’anno verrà presentata la sezione Espacio Femenino, ciclo del cinema dedicato alla cultura femminile

Venezia 80

FantaLeone 2023, i vincitori del fantasy game dedicato a Venezia 80

Dopo avere scoperto il palmarès di Venezia 80, è il momento di rivelare i primi cinque classificati della prima edizione del FantaLeone di CinecittàNews, il primo fantasy game dedicato alla Mostra del Cinema

Venezia 80

“La ricerca, lo sviluppo e la centralità delle produttrici italiane”: Doc/It a Venezia

“La ricerca, lo sviluppo e la centralità delle produttrici italiane” è il titolo dell’incontro promosso da DOC/it, associazione dei Documentaristi e delle Documentariste italiane, nell’ambito del Venice Production Bridge di Venezia che si è tenuto durante l'80ma Mostra


Ultimi aggiornamenti