‘L’odio’, Mathieu Kassovitz a Roma per presentare il restauro

A trent’anni dall’uscita in sala, l'opera prima dell'attore e regista francese torna sul grande schermo dal 13 maggio in versione restaurata in 4K


L’attore e regista francese Mathieu Kassovitz sarà ospite del Cinema Troisi il 2 e il 3 maggio 2024 per presentare in anteprima il restauro de L’odio, che, a trent’anni dall’uscita in sala, torna sul grande schermo dal 13 maggio in versione restaurata in 4K, grazie a Minerva Pictures e Rarovideo, in collaborazione con Cat People Distribuzione.

Giovedì 2 maggio il regista sarà presente in sala al termine dello spettacolo delle 19.30 e poi all’inizio dello spettacolo delle 22:00, con un doppio incontro moderato dalla giornalista e critica Martina Barone. A seguire, venerdì 3 maggio alle 20.00 Mathieu Kassovitz e Dj Baro e Danno del gruppo hip hop Colle der Fomento dialogheranno sui temi del film, moderati dall’autore Matteo Corradini.

Per la critica francese fu subito un colpo di fulmine. Con Vincent Cassel, Hubert Koundé e Saïd Taghmaoui, nel 1995 vinse al Festival di Cannes la Palma d’Oro per la Miglior Regia, affermandosi presto come un cult generazionale. Appena ventisettenne e alla sua opera seconda, Mathieu Kassovitz raccontò per la prima volta sullo schermo una Parigi multietnica, periferica e arrabbiata, concentrandosi su ventiquattr’ore della vita dei tre protagonisti.

Con la rappresentazione al cinema di un melting pot fino a quel momento trascurato, in conflitto con un contesto sociale asfissiante e con una giustizia dai contorni sfocati, L’odio ha intercettato negli anni Novanta un disagio che sarebbe poi esploso in violente rivolte sociali, ma che lo rende ancora un punto di riferimento dell’immaginario urban e hip hop e un instant classic universale.

23 Aprile 2024

Registi

Registi

Gaetano Di Vaio in gravi condizioni per un incidente stradale

Il regista e produttore stanotte era a bordo del suo scooter in provincia di Napoli. Nel 2014 prese parte alla serie TV Gomorra

Registi

Polanski prosciolto dall’accusa di diffamazione

L'attrice britannica Charlotte Lewis lo aveva denunciato per averla definita "una bugiarda" nel corso di un'intervista del 2019

Registi

Mohammad Rasoulof fugge dall’Iran: “Ho scelto l’esilio”

Il regista iraniano condannato al carcere ha fatto sapere di trovarsi in una località segreta in Europa

Registi

Mohammad Rasoulof condannato a 5 anni di carcere

The Seed of the Sacred Fig, l'ultimo film del regista iraniano, sarà presto proiettato in Concorso al Festival di Cannes


Ultimi aggiornamenti