Jonathan Glazer dona poster firmati alla raccolta fondi “Cinema for Gaza”

Il regista premio Oscar con 'La zona d'interesse' ha partecipato all'asta di beneficenza che ha già raggiunto oltre 60mila dollari


Dopo essere stato aspramente criticato per il discorso pronunciato agli Oscar, Jonathan Glazer ha preso parte alla raccolta fondi a favore di Medical Aid for Palestinians, iniziata ufficialmente martedì 2 aprile. Il regista e il produttore de La zona d’interesse James Wilson hanno donato sette poster autografati del film Under the skina quanto pare tra gli articoli più richiesti dell’asta con un’offerta attuale di 3.450 euro. L’asta ha già raggiunto oltre 60mila dollari per la causa.

“Siamo commossi oltre ogni immaginazione nel presentare le donazioni di Jonathan Glazer e dei suoi colleghi per il film più impegnativo del nostro tempo, La zona d’interesse“, hanno dichiarato gli organizzatori dell’asta sul sito ufficiale. Glazer non è l’unico nome importante ad aver preso parte all’iniziativa. Tra le donazioni infatti anche articoli o esperienze messe in palio da Ramy YoussefKen LoachTilda SwintonRebecca Hall.

In occasione del ritiro del premio Oscar al miglior film internazionale, Glazer aveva invitato a vedere la disumanizzazione del passato, protagonista del suo lungometraggio sulla tragedia dell’Olocausto, ma anche del presente, facendo direttamente riferimento al conflitto in corso in Medio Oriente. “In questo momento, siamo qui come uomini che rifiutano la strumentalizzazione della loro ebraicità e dell’Olocausto da parte di un’occupazione, che ha portato al conflitto per così tante persone innocenti – che si tratti delle vittime del 7 ottobre in Israele o dell’attacco in corso a Gaza – tutte le vittime di questa disumanizzazione. Come possiamo opporre resistenza?”. Oltre 1000 personalità di Hollywood avevano allora firmato una lettera aperta per opporsi alle parole del regista, considerate ingiuste.

redazione
04 Aprile 2024

Registi

Registi

Roberta Torre: “Nel mio prossimo film una Alice nel paese delle meraviglie trans”

Agli Stati generali di Siracusa abbiamo intervistato la regista, che sta progettando un film di finzione basato sui libri di Porpora Marcasciano, già protagonista del suo Le favolose

Registi

150 artisti ebrei firmano una lettera aperta a sostegno di Jonathan Glazer

Anche il regista di May December Todd Haynes si è unito al messaggio di appoggio al cineasta britannico premiato per il miglior film internazionale

Registi

Ken Loach parla di ritiro dal set dopo 60 anni di cinema

Alla vigilia dell’uscita di The Old Oak negli USA, 'Variety' intervista l'87enne regista britannico, che parla anche del suo “grande rispetto per il discorso di Jonathan Glazer agli Oscar”

Registi

Alex Garland si prende una pausa dopo ‘Civil war’

Il regista di Ex machina e Annientamento è atteso nei cinema italiani dal 18 aprile con un film che segnerà l'inizio di uno stop del suo lavoro dietro la macchina da presa


Ultimi aggiornamenti