Ingressi al cinema: +56% rispetto all’anno precedente

Continua la collaborazione esclusiva per Cinecittà News con l'analisi dei dati di affluenza nelle sale a cura di CinExpert, un progetto Cinetel curato dalle società Ergo Reasearch e Vertigo Research


Continua la collaborazione esclusiva per Cinecittà News con l’analisi dei dati di affluenza nelle sale a cura di CinExpert, un progetto Cinetel curato dalle società Ergo Reasearch e Vertigo Research.

La consuntivazione del mese di aprile 2023 ha comportato la realizzazione di 3.430 interviste a spettatori che sono stati in una sala cinematografica nei 7 giorni precedenti. La tecnica di somministrazione è di tipo CAWI (Computer Assisted Web Interviewing) e si avvale del supporto della world’s largest first-party data company. La somministrazione diretta coinvolge gli spettatori 15+, che riferiscono dell’eventuale frequentazione delle sale anche da parte dei component 3-14 della famiglia. A garanzia della rappresentatività del campione in uscita, in ciascun rilevamento settimanale la fase di screening comporta l’individuazione di un bacino allargato di moviegoer 2019-2022, le cui specifiche di stratificazione e ponderazione sono parametrate ai risultati dell’edizione 2022 dell’indagine di scenario “Sala e salotto” realizzata da Ergo research, che gestisce CinExpert Italia in collaborazione con Vertigo research su incarico di Cinetel (che detiene l’esclusiva sui risultati della ricerca).

Il cumulativo degli ingressi delle prime 17 settimane cinematografiche del 2023 supera del +56% quello dell’anno precedente. Questo si traduce in un vantaggio di circa 10 settimane rispetto al 2022 (dove le admissions raggiunsero questi volumi nella week 27). Il sistema dell’offerta theatrical di aprile torna ad intercettare una domanda più maschile e segna un consolidamento per i 25-49enni; la «pancia» del mercato che tuttavia in tutto il 2022 ha espresso sono il 23% degli ingressi mentre nel mese di aprile il segmento è salito al 28%.

L’insieme dei 50+ alimenta ancora meno di ¼ degli ingressi, ma la crescita complessiva delle admissions determina un consolidamento anche per loro (comunque superati dagli under25, cui fa capo il 31% degli ingressi).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il box office di aprile è dominato da Super Mario Bros. – Il film con quasi 2,5 milioni di presenze. Molto staccato, al secondo posto troviamo Air – La storia del grande salto. Ottimo risultato per il nuovo film di Nanni Moretti, Il sol dell’avvenire, che in soli 11 giorni di programmazione guadagna quasi 2,5 milioni di euro (con più di 350 mila presenze).

Al quarto posto si posiziona L’esorcista del papa, chiude la Top 5 John Wick 4, già sul podio a marzo.

Il confronto delle admissions (dati Cinetel) riorganizzate per settimane cinematografiche evidenzia come il cumulativo delle prime 17 movie week viaggi al +56% rispetto al 2022, con un vantaggio di più di 10 settimane. A marzo il gap era di 5 settimane, a dimostrare l’accelerata fatta registrare dal mercato ad aprile.

Il profilo socio-demografico del mese di aprile vede ancora una prevalenza del segmento maschile e della popolazione attiva (stabile anche il contributo di studenti e pensionati). In ulteriore consolidamento il contributo della classe dei 35-49enni che stacca il 28% dei biglietti, mentre si stempera il ruolo dei 25-34enni. Gli under24, pur in lieve flessione, valgono più del 30% contro il 24% dell’insieme dei 50+.

L’accentuazione sul pubblico maschile ha caratterizzato buona parte del post-riapertura, per poi riguadagnare un buon bilanciamento maschi/femmine fra fine 2022 e inizio 2023. Il ri-allargarsi della forbice si lega all’offerta. Il già evidenziato primato dei 35-49enni quanto a contributo alle admissions di aprile si associa alla percentuale più elevata stimata per questo segmento negli ultimi 12 mesi.

La quota dei 50+ cresce poco (ma la «torta» di aprile è più grande). L’età media degli spettatori di aprile si mantiene stabile nell’intorno dei 37 anni. Solo nella settimana di lancio di Super Mario Bros.  si scende (poco) ad una media di 36 anni (in un range di oscillazione che, dall’inizio dell’anno si è mantenuto fra i 33,48 della week 3 ed i 39,4 della week 12).

Sì: lo «spettatore medio» è relativamente giovane. Il 40% di spettatori occasionali registrato a in aprile segna un riavvicinamento al picco di gennaio, con una dinamica tipica dei periodi caratterizzati da uscite «larghe». Di converso si ridimensiona il contributo dei «frequent».

Andrea Guglielmino
10 Maggio 2023

#CinecittaDataNews

#CinecittaDataNews

Box office, 8 milioni di spettatori a Novembre

La collaborazione consolidata ed esclusiva tra CinecittàNews e CinExpert, progetto Cinetel curato dalle società Ergo Reasearch e Vertigo Research, ci permette di andare a fondo nell’analisi del mese di Novembre al botteghino, caratterizzato dal successo senza precedenti del film C’è ancora domani

#CinecittaDataNews

Gli under 35 salvano la sala, sono il 64% degli spettatori

Continua la collaborazione esclusiva di CinecittàNews con l'analisi dei dati di affluenza nelle sale a cura di CinExpert, un progetto Cinetel curato dalle società Ergo Reasearch e Vertigo Research. Scopri i dati straordinari di questo luglio 2023

#CinecittaDataNews

I ‘Me contro te’ dominano al boxoffice nel primo semestre 2023

Cinexpert fornisce un’interessante analisi dei dati del primo semestre 2023. Il film degli Youtuber è l'italiano più visto. Al secondo posto c’è il comedy Tre di troppo, mentre terzo è Nanni Moretti con Il sol dell’avvenire

#CinecittaDataNews

«Cinema in Festa» fra incrementi e travasi

Durante i giorni dell’iniziativa «Cinema in Festa» le presenze sono state circa 1,2 milioni, lievemente superiori rispetto all’edizione del settembre 2022, ma più del doppio di quanto registrato negli stessi giorni sia nel 2022 che nel 2019.


Ultimi aggiornamenti