I Freaks di Tod Browning… e di Andrea Cavaletto

Andrea Cavaletto non è soltanto un rinomato autore di fumetti – portano la sua firma le sceneggiature diverse storie di ‘Dylan Dog’ e ‘Dampyr’, oltre alla sua personalissima serie ‘Paranoid Boyd’ – ma si è cimentato anche con la sceneggiatura di diversi film horror e ora, grazie alla collaborazione con Nicola Pesce Editore, si cimenta come illustratore nella trasposizione a fumetti di celebri film di genere fanta-horror, come 'Un chien andalou' di Bunuel e ora 'Freaks' di Tod Browning, che presenta a Lucca Comics & Games 2023.


Tra i tendoni di un circo itinerante, la trapezista Cleopatra e il suo amante Ercole complottano di uccidere il nano Hans per ottenere la sua eredità. Dal cult movie che ha sconvolto il Cinema, l’adattamento a fumetti sequenza per sequenza include scene all’epoca censurate dalla pellicola originale.

Per dar vita a quello che sarebbe diventato un classico del genere macabro, il regista statunitense si ispirò al racconto breve Spurs di Tod Robbins (1926), che ne curò anche la sceneggiatura.

Le prime difficoltà emersero già durante le riprese, nonostante la riservatezza in cui erano state mantenute. La società di produzione fece di tutto per mettere il progetto in cattiva luce, il montatore si fece sostituire per la nausea dovuta alla vista di certe immagini e Francis Scott Fitzgerald scappò via quando incontrò i freaks nella mensa degli studi. Fu costruito un locale destinato soltanto a loro, e la lavorazione della pellicola proseguì quasi in totale isolamento. All’anteprima, molti spettatori svennero o abbandonarono la sala. In seguito il film fu modificato, censurato, persino proibito in alcuni Paesi.

“Non tutti lo sanno – ci tiene a precisare Cavaletto – ma io nasco professionalmente come illustratore. I miei primi lavori sono delle graphic novel. Poi, parallelamente, ho sviluppato il mio gusto per lo storytelling e ho proseguito la mia carriera come scrittore. Ringrazio Nicola Pesce per avermi fatto tornare la voglia di mettermi nuovamente in gioco anche come disegnatore”.

Secondo lui il film è stato rivoluzionario “perché interpretato da attori che venivano per la maggior parte dal mondo dei freak show itineranti, che lo stesso regista ben conosceva, mostrandoli al pubblico come esseri umani quali erano, e non come i semplici fenomeni da baraccone con cui erano etichettati. Esseri umani con i loro amori, le passioni, le debolezze e la rabbia. E questo era sicuramente qualcosa di perturbante e quasi oltraggioso per il falso moralismo americano. Freaks è un film sul diverso con un realistico punto di vista sul diverso”.

Una cosa oggi impossibile, in termini di politically correct: “Ma anche quando uscì negli anni ’30 smosse enormi critiche decretando la fine della carriera del regista. Non per niente si è guadagnato l’appellativo di opera maledetta. Mentre lavoravo sul progetto mi sono chiesto più volte che sensazione potrebbe suscitare in un lettore di oggi che magari non ha visto il film e non lo conosce. Spero di non fare la fine del buon Tod!”

Quanto alle tecniche usate, dice Cavaletto:  “è la mia classica, che porto avanti e rielaboro da anni. Fondamentalmente, si tratta di un mix di carboncino, solventi e photocomposing andando a lavorare direttamente sui fotogrammi del film rielaborati e adattati al fumetto.

“Dal punto di vista della scrittura, ho avuto non pochi problemi nel trovare la giusta voce per l’adattamento – chiude –  che è stato particolarmente difficile da trasportare in un fumetto che risultasse interessante e con un suo filo logico senza che risultasse noioso o difficile da seguire. Pensavo di lasciare perdere e rinunciare all’impresa. Poi, dopo vari tentativi, ho avuto l’illuminazione e ho trovato la giusta via. Giusta per me, sperando che i cinefili incalliti non mi mettano alla gogna per le licenze che mi sono preso. Pesce è molto soddisfatto del mio lavoro e ho già firmato con lui altri contratti per l’adattamento di altre opere oscure della storia del cinema, ma non posso ancora svelare il prossimo titolo, sorry!”

05 Novembre 2023

Lucca Comics & Games 2023

La folla di Lucca Comics
Lucca Comics & Games 2023

Lucca Comics 2024: ecco le date (e i numeri di questa edizione)

Lucca Comics & Games 2023 è finita… quindi benvenuta Lucca Comics & Games 2024, dal 30 ottobre al 3 novembre. I numeri dell'appena trascorsa edizione sono d’altro canto clamorosi: 314.220 biglietti venduti, 15.000 addetti ai lavori accreditati, 700 espositori, centinaia di ospiti presenti da tutto il mondo

Lucca Comics & Games 2023

‘Amazing-Fabio De Luigi’. Un One Prank Show tutto da ridere

Per l'attore questo finto reality, a metà strada tra recitazione e improvvisazione, è stata un'occasione per divertirsi con colleghi e amici.

'Noi siamo leggenda': alcuni dei ragazzi del cast
Lucca Comics & Games 2023

‘Noi siamo leggenda’: super teenager con superproblemi

La sezione Movie di Lucca Comics & Games 2023 chiude con una grande presentazione di Noi siamo leggenda, serie targata Rai diretta da Carmine Elia, regista di Mare Fuori e Sopravvissuti

Gli splendidi colori di 'Mary e lo spirito di mezzanotte'
Lucca Comics & Games 2023

Enzo D’Alò: “l’animazione non è un genere. E’ cinema”

Dopo un grande tour europeo con tanto di passaggio in concorso alla Berlinale, D'Alò presenta a Lucca Comics 2023 Mary e lo spirito di mezzanotte, commovente storia generazionale tutta al femminile


Ultimi aggiornamenti