Francesco Nuti, un maestro della risata dolce e sfortunato

Ripercorriamo l'intensa carriera di Francesco Nuti, che ci ha lasciato oggi a 68 anni


Francesco Nuti ci ha lasciato oggi a 68 anni, dopo un lungo e sfortunato calvario. Il talentuosissimo artista toscano negli anni ‘80 è stato protagonista di un piccolo rinascimento della commedia italiana, ad opera di autori a tutto tondo come Benigni, Verdone e Troisi. Ce lo ha ricordato recentemente Mario Canale nel documentario prodotto da Cinecittà I fantastici quattro della risata.

Nato a Prato il 17 maggio 1955, Nuti esordisce come attore dilettante ancora studente, scrivendosi da sé i monologhi. Si unisce presto ad Alessandro Benvenuti e Athina Cenci nel gruppo I Giancattivi, che gli permette di esordire per la prima volta sul grande schermo con Ad ovest di Paperino (1981), rivisitazione del repertorio comico del terzetto toscano. Da qui in poi inizia un decennio di successi.

Diretto da Maurizio Ponzi, recita in tre pellicole che gli danno grande notorietà: Madonna che silenzio c’è stasera (1982), in cui replica il personaggio del film di Benvenuti e che lo rende popolare anche grazie alla canzone Puppe a pera; Io, Chiara e lo Scuro, con cui si aggiudica il David di Donatello ed il Nastro d’argento come migliore attore protagonista; e Son contento.

Sulla scia del successo ottenuto, Nuti esordisce anche nella regia, confermando i toni agrodolci della sua vena comica e tratti surreale in Casablanca, Casablanca (1985), che gli regala il secondo David di Donatello; il film, liberamente ispirato al classico Casablanca (1942) di Michael Curtiz, prosegue la storia di Io, Chiara e lo Scuro, ironizzando sui litigi di una coppia in crisi.

Iniziando a firmare la regia e la sceneggiatura dei suoi film, Nuti continua nella sua ricerca delicata e raffinata del rapporto conflittuale uomo-donna: da Tutta colpa del Paradiso (1985), a Stregati (1986), da Caruso Pascoski (di padre polacco) (1988), fino a Donne con le gonne, straordinario campione d’incassi del 1991.

I film degli anni ’90 e i primi 2000 saranno meno fortunati con film come OcchioPinocchio, Il signor Quindicipalle, Io amo Andrea e Caruso, zero in condotta, fino ad arrivare a Concorso di colpa di Claudio Fragasso, che per uno sfortunato destino sarà la sua ultima interpretazione cinematografica.

Alla vigilia del ritorno sul set, il 3 settembre 2006, Nuti cade dalle scale della sua abitazione e sbatte la testa; ricoverato d’urgenza al Policlinico Umberto I di Roma, a causa di un grave ematoma cranico, entra in coma, dal quale esce il 24 novembre 2006. Viene trasferito nell’ospedale Versilia di Lido di Camaiore (Lucca), sede di un centro specializzato nella riabilitazione neuromotoria, ma non sarà più autonomo, con difficoltà serie agli arti e difficoltà di linguaggio, costretto a vivere su una sedia a rotelle. Quella sciagurata caduta delle scale segnerà, dunque, la fine della carriera di un artista poliedrico e dotato di una grande sensibilità che con il suo lavoro ha segnato una delle epoche più felici della commedia italiana

12 Giugno 2023

farewell

farewell

È morto Caleb Carr, autore de ‘L’alienista’

Lo scrittore newyorkese aveva 68 anni. Dal suo romanzo più celebre è stata tratta l'omonima serie tv con protagonista Daniel Brühl

farewell

Muore Morgan Spurlock, documentarista candidato agli Oscar con ‘Super size me’

Nel 2004 aveva documentato le conseguenze fisiche e psicologiche derivate dall'essersi nutrito tutti i giorni per un mese da McDonald's

farewell

È morto l’attore e produttore Gaetano Di Vaio

Vittima di un grave incidente motociclistico giovedì scorso a Qualiano, in provincia di Napoli, le sue condizioni erano da subito apparse disperate. Il ricordo di Valeria Golino

farewell

È morta Susan Backlinie, la prima vittima de ‘Lo squalo’ di Spielberg

Nel cult movie degli anni '80 interpreta la nuotatrice che si tuffa nuda al largo di Amity Island


Ultimi aggiornamenti