‘Daddy changed the world’, un film racconterà la vita di George Floyd

In sviluppo il film biografico dedicato al 46enne ucciso nel 2020 a Minneapolis dall'agente di polizia Derek Chauvin, evento che diede inizio a numerose proteste guidate dai movimenti "Black lives matter"


Si intitolerà Daddy changed the world il biopic dedicato alla vita di George Floyd, ucciso brutalmente da un agente della polizia di Minneapolis il 25 maggio 2020. “I can’t breath” furono le ultime parole dell’uomo divenuto simbolo del movimento Black lives matter, protagonista di numerose proteste per la giustizia razziale.

La famiglia ha autorizzato il progetto biografico a cui parteciperanno la figlia Gianna Floyd e la madre Roxie Washington. Daddy changed the world sarà prodotto da Radar Pictures, 8 Queens Film & Media Produzionts e Night Fox Entertainment.

Il film sarà un “dramma grintoso di un uomo e della sua comunità spinti nella luce infuocata della storia”. La sceneggiatura è stata affidata a Gregory R. Anderso, mentre la regia non è ancora stata annunciata.

“L’uccisione di George Floyd è stata un momento tragico e vergognoso nella storia della nostra nazione”, ha dichiarato il produttore Timothy Christian di Night Fox. “La sua storia, sebbene dolorosa, merita di essere raccontata e sono grato di farne parte”.

 

23 Maggio 2024

Produzione

Produzione

‘Il Protagonista’, terminate le riprese a Roma

‘L’opera prima in bianco e nero di Fabrizio Benvenuto, che ne firma anche la sceneggiatura, con Pierluigi Gigante e Adriano Giannini

Produzione

‘Il problema dei tre corpi’, Zhang Yimou dirigerà il film

Dopo essere stata adattata in forma di serie tv per Netflix, l'opera fantascientifica di Liu Cixin arriverà sul grande schermo con la regia di un premio Oscar

Produzione

‘Strike – Figli di un’era sbagliata’, al via le riprese nelle Marche

Primo ciak per il film Strike - Figli di un’era sbagliata, esordio alla regia di Gabriele Berti, Giovanni Nasta e Diego Tricarico

Produzione

‘Don Chisciotte’, terminate le riprese del film con Alessio Boni

Diretto da Fabio Segatori, il film ispirato al capolavoro di Cervantes è stato girato nell’Alto Ionio cosentino, per quattro settimane


Ultimi aggiornamenti