Compleanno con Isabella Ferrari, Valeria Golino e Isabelle Huppert

La Biennale di Venezia ha celebrato i 90 anni della Mostra sabato 9 luglio, tra cinegiornali dell’Istituto Luce e una selezione di film presentati in quella prima edizione


VENEZIA – La Biennale di Venezia ha celebrato i 90 anni della Mostra con un convegno-testimonianza sabato 9 luglio ai Giardini, preceduto dall’inaugurazione di una mostra fotografica e documentale. L’esposizione, allestita a Ca’ Giustinian, sede storica della Biennale, illustra la prima edizione del 1932 attraverso i materiali, alcuni inediti, conservati all’Asac, l’Archivio storico delle Arti contemporanee. Tra manifesti e locandine, foto di scena e di attualità, la corrispondenza istituzionale – tra cui la lettera di Louis Lumière con cui accetta di entrare nel Comitato d’onore della Mostra – vi sono la scheda per il referendum popolare per la scelta del film “più divertente”, “più originale”, “più commovente” e di “maggior perfezione tecnica”; o la convenzione con le Ferrovie statali che consentiva a chi veniva a Venezia “ribassi del 50 per cento” sul biglietto. E ancora le prime critiche di giovani di belle speranze come Francesco Pasinetti, Raffaello Matarazzo e Mario Gromo, o quelle di Filippo Sacchi, costretto a siglare F.S. per il suo noto antifascismo. E ancora cinegiornali dell’Istituto Luce e una selezione di film presentati in quella prima edizione.

Due di questi sono stati offerti al pubblico, alla sera, al palazzo del Cinema, al Lido: Regen (Pioggia), documentario di Mannus Franken e Joris Ivens, e il primo film italiano, Gli uomini che mascalzoni di Mario Camerini, con l’esordiente Vittorio De Sica. Il convegno invece si è aperto con un dialogo tra il direttore Alberto Barbera, che ha fatto gli onori di casa assieme al presidente Roberto Cicutto, e Gian Piero Brunetta, storico e docente di cinema, autore di un volume monumentale (1180 pp., 333 ill. € 42), edito da Marsilio, dedicato a La Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. 1932-2022 di cui passa in rassegna le 78 edizioni ufficiali e le altre, non riconosciute, durante la guerra e gli anni ’70 (leggi la nostra intervista). 

Fondamentale l’intervento del past-president Paolo Baratta, che ha ripercorso il lungo itinerario di emancipazione della Mostra dalla politica. “La Mostra sembrava una sorta di catering di una festa organizzata altrove e allestita al Lido”, in cambio del contentino del fantomatico Palazzo del Cinema che “partito come un astronave, finì come un meteorite, lasciandoci il buco”. Oggi non è più così, ha concluso, grazie a un’azione di rafforzamento istituzionale della Mostra e della Biennale che le ha ridato credibilità nel mondo intero.

E non a caso Jeff Sharp ha annunciato che i produttori indipendenti americani hanno assegnato ad Alberto Barbera il premio Gotham. Tutti, critici e studiosi, hanno sottolineato il ruolo innovativo della Mostra. Come ricordava Michel Ciment, Venezia ha scoperto il cinema asiatico e ha assegnato Leoni d’oro a tutti i maestri della Nouvelle Vague mentre Cannes non ne ha mai premiato uno; allo stesso modo Gianni Canova ha mostrato come gli 11 leoni d’oro italiani sono sempre stati assegnati da presidenti di Giuria connazionali.

La giornata si è concluda con le testimonianze di donne importanti, da Marina Cicogna a Natalia Aspesi, alle coppe Volpi Isabella Ferrari, Valeria Golino, Isabelle Huppert.

Michele Gottardi
10 Luglio 2022

Biennale

Roberto Cicutto
Biennale

Biennale, verso la nuova presidenza

Il CdA della Biennale di Venezia, presieduto da Roberto Cicutto, si è riunito nella sede di Ca’ Giustinian per tracciare un bilancio. Dal 2 marzo arriva il nuovo presidente Pietrangelo Buttafuoco

Biennale

Biennale di Venezia, acquisito l’Archivio Giampiero Brunetta

9.000 volumi e numerosissimi documenti e immagini: accanto alla biblioteca di Tullio Kezich, già entrata nel 2023, costituisce un patrimonio unico sulla memoria del Cinema

Biennale

‘Venice in Seoul’, la Mostra di Venezia vola in Corea

9 i film italiani all’evento, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Seoul

Biennale

Biennale Venezia, Sangiuliano formalizza nomina Buttafuoco a presidente

Pietrangelo Buttafuoco sarà presidente della Biennale di Venezia per 4 anni


Ultimi aggiornamenti