Cinema e migranti, sei film per prepararsi a vedere ‘Green Border’

Giovedì 8 febbraio, dopo aver ottenuto il Premio speciale della Giuria alla Mostra del cinema di Venezia, 'Green Border' arriva in sala in Italia, distribuito da Movies Inspired e Circuito Cinema

Green Border

La storia straziante di una famiglia che cerca rifugio nel cosiddetto “mondo civilizzato” entrando in collisione con un muro d’odio di proporzioni inaudite è l’argomento del nuovo film della regista polacca Agnieszka Holland che racconta

CONFINI (POCO) VERDI

Green Border è un thriller in stile documentario che accende un faro d’attenzione sulla fragile umanità che si concretizza dietro la generica terminologia “crisi migratoria”. E descrive con risolutezza il quadro a tinte fosche di una crudeltà che ha poco di umano e allo stesso tempo pennella le sottili sfumature che la compassione può assumere.

Giovedì 8 febbraio, dopo aver ottenuto il Premio speciale della Giuria alla Mostra del cinema di Venezia, Green Border arriva in sala in Italia, distribuito da Movies Inspired e Circuito Cinema: una storia lunga quasi due ore e mezza che la Holland ambienta di nuovo in quella Ucraina che, prima della pandemia, è stata lo scenario del suo Mr. Jones centrato sulla carestia, provocata dagli storici nemici sovietici, che negli anni ’30 ridusse il Paese allo stremo.

LA TRAMA NECESSARIA

Alla fine del 2021, una famiglia siriana che teme per la propria vita vola in Bielorussia con la promessa di poter entrare in Polonia e da lì verso la Svezia. Ma Amina e Bashir e la loro famiglia si perdono nella fitta foresta, cupo palcoscenico di guerra per i rifugiati inseguiti lungo la linea della frontiera.

Alcune persone che incontrano si rivelano amichevoli, ma i funzionari polacchi e bielorussi sono implacabilmente crudeli e opportunisti.

Il colore svanisce dal film nell’inquadratura iniziale della vasta campagna boscosa, che diventa una minacciosa terra di nessuno. Ciò che è stato promesso dal presidente bielorusso Lukashenko come un percorso verso la libertà è in realtà una trappola spietata, che utilizza le vite di famiglie reali per inimicarsi l’Unione Europea. E la violenza che le guardie di confine infliggono a queste persone, compresi bambini piccoli e neonati che piangono, è impensabile.

Con una tempestività inquietante e un’urgenza feroce, la regista polacca narra una storia oggi assolutamente necessaria.

6 FILM PER UN SEMPLICE ATTO

Un semplice atto, un’azione quotidiana che tutti possiamo fare per conoscere le problematiche dei rifugiati è guardare un film che attivi la nostra coscienza.  Niente di eclatante, ma resta un piccolo passo che possiamo fare nella giusta direzione. Ecco un elenco di sei film da cui partire.

MINARI (2020) di Lee Isaac Chung

Una famiglia coreano-americana si trasferisce in una fattoria dell’Arkansas alla ricerca del proprio sogno americano. Oltre le sfide di questa nuova vita negli strani e aspri Ozarks, si scopre l’innegabile resilienza della famiglia e ciò porta a definire il concetto di “casa”. Il film ha ricevuto il plauso della critica e ha ottenuto sei nomination alla 93ª edizione degli Academy Awards: Miglior film, Miglior regia, Miglior colonna sonora originale, Miglior sceneggiatura originale, Miglior attore e Miglior attrice non protagonista.

PERSEPOLIS (2007) di Marjane Satrapi e Vincent Paronnaud

Persepolis è basato sulla graphic novel di Marjane Satrapi che racconta la sua vita nell’Iran pre- e post-rivoluzionario e poi in Europa. Il film ripercorre la crescita di Satrapi da bambina ad adolescente ribelle e amante del punk in Iran. Sullo sfondo ci sono le crescenti tensioni del clima politico iraniano degli anni ’70 e ’80, con i membri della sua famiglia di orientamento liberale detenuti e poi giustiziati, e lo sfondo della disastrosa guerra Iran/Iraq.

FUOCOAMMARE (2016) di Gianfranco Rosi

Documentario Orso d’oro per il miglior film al Festival di Berlino, è ambientato a Lampedusa, dove siamo immersi in una storia di puro “confine”. Rosi vive sull’isola per oltre un anno così da testimoniare da vicino e con la giusta lentezza la frontiera iconica per eccellenza in Europa, sposando sia il punto di vista dei lampedusani che quello dei migranti.

FLEE (2021) di Jonas Poher Rasmussen

Flee è un film d’animazione prodotto da Riz Ahmed che racconta di un rifugiato afghano in Danimarca, la straordinaria storia di un uomo, Amin, che decide di rivelare per la prima volta un doloroso segreto nascosto per oltre vent’anni. Costretto a lasciare il suo paese d’origine da piccolo con la madre e i fratelli, Amin è ora alle prese con il modo in cui il suo passato influenzerà il suo futuro in Danimarca e la vita che sta costruendo con il suo futuro marito. Raccontato brillantemente attraverso l’uso dell’animazione per proteggere la sua identità, Amin ripercorre la sua vita, aprendosi sui suoi traumi, sulla verità sulla sua famiglia e sulla sua accettazione della propria sessualità.

È stato candidato in tre categorie agli Oscar 2022, tra cui Miglior film d’animazione e Miglior film internazionale.

LIMBO (2020) di Ben Shamrock

Una storia drammatica, emotiva, su un gruppo di quattro richiedenti asilo in attesa dei risultati su un’immaginaria e  remota isola scozzese. Tra loro c’è Omar, un giovane musicista siriano oppresso dal peso dell’oud del nonno, che ha portato con sé fin dalla sua terra d’origine. Il film ha ricevuto molti riconoscimenti, tra cui una nomination come miglior film britannico ai BAFTA.

THE SWIMMERS (2022) di Sally El Hosaini

Il film, nominato ai BAFTA, si basa sulla straordinaria storia vera delle sorelle Sara e Yusra Mardini, fuggite dalla Siria devastata dalla guerra in cerca di rifugio. Mostra il loro straziante viaggio nuotando per ore nel Mar Mediterraneo per raggiungere la Grecia, prima di trovare asilo in Germania e gareggiare alle Olimpiadi di Rio.

03 Febbraio 2024

Film

Film

‘Shining’, incendio nello storico hotel del film

Le fiamme sono state contenute dai vigili del fuoco che hanno salvato l'edificio che fece da sfondo al film di Stanley Kubrick

fenomeno cortellesi

‘C’è ancora domani’, su Sky 1.5 milioni di spettatori medi

Il film di Paola Cortellesi non si arresta e anche su Sky e NOW ha più che raddoppiato l'eccellente debutto del giorno di Pasqua. È il titolo più visto su Sky Cinema da Natale 2021

Film

Eclissi di cinema, film e scene in cui tutti guardano il cielo

L'avvento della "Grande eclissi solare nordamericana", attesa oggi 8 aprile, risveglia l'interesse per uno dei fenomeni astronomici più affascinanti, da sempre capace di ammaliare anche la settima arte

Film

Hopper, ovvero quando dietro a un grande artista c’è una grande artista, la moglie Jo

Hopper. Una Storia d’Amore Americana, diretto da Phil Grabsky, è un doc che - attraverso la narrazione del profilo privato e la figura della compagna di vita, influente nella società newyorkese e talentuosa lei stessa - permette di comprendere l’esplosione pop dell’artista: uscita evento al cinema, 9-10 aprile


Ultimi aggiornamenti