‘Avatar 3’, Cameron: “Nove ore di film? Prima mi infilerei una pistola in bocca”

Il regista mette a tacere le voci sulla durata del terzo capitolo della saga: "non esiste un montaggio provvisorio di quella portata"


C’è chi le reggerebbe e chi invece rifiuta completamente l’idea, soprattutto il regista. Nel caso di un  titolo atteso come Avatar 3, è normale che circolino anticipazioni e rumors sulla lavorazione del terzo capitolo, ma quella su un eventuale versione di ben nove ore di durata da distribuire in streaming su Disney Plus è sicuramente una fandonia.

A dirlo? Beh, è lo stesso James Cameron, che smentisce le voci sulle nove ore di film nel corso di un’intervista con Temple of Geek ai ‘Saturn Award’s.

Lasciandosi andare a una negazione a dir poco vivace, dichiara: “A proposito, posso smentire un rumor che circola? Non esiste un montaggio provvisorio di nove ore di Avatar 3” (…) , mi infilerei una pistola in bocca se mai facessi uno simile. No, quello che ho detto sono nove ore di materiale, intendendo Avatar 3, Avatar 4 e Avatar 5 – ovvero tre ore per un film. E in qualche modo le voci l’hanno trasformato in nove ore”.

Forse l’entusiasmo espresso in precedenza da Cameron su Avatar 3 è stato il motivo scatenante di rumors di ogni tipo. Il regista aveva infatti dichiarato: “Vedrete nuove ambientazioni, nuovi personaggi. I personaggi che conoscete e che amate saranno messi ancora più alla prova e affronteranno prove e tribolazioni. Sarà come fare un giro sulle montagne russe”.

redazione
16 Febbraio 2024

Registi

Registi

‘The Movie Critic’, Quentin Tarantino cancella il progetto

Il grande regista ha cambiato idea: il suo decimo e ultimo film non sarà quello annunciato allo scorso Festival di Cannes

Registi

Roberta Torre: “Nel mio prossimo film una Alice nel paese delle meraviglie trans”

Agli Stati generali di Siracusa abbiamo intervistato la regista, che sta progettando un film di finzione basato sui libri di Porpora Marcasciano, già protagonista del suo Le favolose

Registi

150 artisti ebrei firmano una lettera aperta a sostegno di Jonathan Glazer

Anche il regista di May December Todd Haynes si è unito al messaggio di appoggio al cineasta britannico premiato per il miglior film internazionale

Registi

Jonathan Glazer dona poster firmati alla raccolta fondi “Cinema for Gaza”

Il regista premio Oscar con 'La zona d'interesse' ha partecipato all'asta di beneficenza che ha già raggiunto oltre 60mila dollari. Tra i partecipanti anche Ramy Youssef, Ken Loach e Tilda Swinton


Ultimi aggiornamenti