Al red carpet hollywoodiano, tra ferraristi e rose bianche per Driver e Dempsey

Nel secondo giorno di Venezia80 sfilano Michael Mann, Adam Driver e Patrick Dempsey per il biopic dedicato a Enzo Ferrari. Ad attenderli, fan in festa e appassionati del cavallino rampante


In punta di piedi, con il collo allungato a tendere il corpo sino allo stremo e il braccio che affida al telefono la speranza di una foto. Sono come girasoli i numerosi accalcati attorno al primo red carpet hollywoodiano di Venezia80. Seguono le stelle su e giù dalla passerella, in trepidante attesa. Poi, alla fine, la resa. L’occhio cade sul grande schermo posizionato a lato dell’ingresso della Sala Grande. “Si vede meglio lì”, come ai concerti.

Il film è Ferrari, il regista Michael Mann, la star Adam Driver. Ma non sottovalutate Patrick Dempsey, c’è un popolo che arde ancora al ricordo del Derek Shepard di Grey’s Anatomy. Per lui urla, schiamazzi e una gigantesca rosa bianca da autografare, stretta come l’ultima cosa bella al mondo da una signora con una missione: “ho fatto la foto alla Balivo e Caterina Murino ha salutato mio padre in video, ora punto ‘Derek’”. Nel cast anche Penelope Cruz, ma “ci dev’essere uno sciopero o qualcosa” ci raccontano due ragazze francesi con al collo l’accredito per cinque giorni di Mostra. “Il film non l’abbiamo visto ma Driver c’è anche in House of Gucci, che non ci è dispiaciuto”. Stesso attore, ma sempre di potenti famiglie italiane si parla.

Funziona così: in prima fila i fan sfegatati degli attori, poi gli interessati al film – in questo caso ferraristi con cappellino a visiera autografati Lauda o “Schumi” – e a scendere i curiosi, lì perché “alla fine che vuoi farci: se stai a Venezia è un’attrazione obbligata”. Un ragazzo ci interrompe prima di qualsiasi domanda. “Sono qui solo di passaggio, do un occhio in giro e vado”. A fine red carpet è ancora lì. “Guarda, Adam Driver”.

Ha conquistato una foto. Tra poster e action figure da autografare, ironia del destino vuole che gli altoparlanti sfumino mentre Mengoni intona “qui non arriva la musica”, annunciando l’arrivo “di quelli grossi” (le delegazioni dei red carpet sono numerose e al di là del muretto si gioca a ‘Indovina Chi’). A notarlo un gruppo di bambine alte come giganti. In piedi su delle sedie, ci rivelano che “tecnicamente” non sono loro. Le hanno trascinate dallo stabilimento sulla spiaggia. “Abbiamo chiesto, hanno detto che se torniamo con un selfie di qualcuno famoso possiamo rifarlo”. Baratto glamour. Adam Driver e Patrick Dempsey attraversano il tappeto rosso. Patrick è tutto un sorriso. Adam, invece, aggiusta i capelli tra una foto e l’altra e saluta impacciato. Le lamentele dei festanti sono sempre le stesse, perché a un certo punto la magia finisce e un bodyguard porta via le stelle. I girasoli si ritirano, ripiegati sul telefono a controllare il risultato. La ragazza dalla rosa bianca la ritroviamo a calca diradata. “Ho fallito”. Fino all’ultimo ci ha provato, “ma la rosa me la porto a casa”. Per un’altra volta.

Di Alessandro Cavaggioni

31 Agosto 2023

Venezia 80

Venezia 80

‘Adagio’. La salvezza di un mondo in rovina è affidata alle nuove generazioni

Intervista al regista e sceneggiatore Stefano Sollima, e agli attori Pierfrancesco Favino e Gianmarco Franchini

Venezia 80

‘Los angeles no tienen alas’ apre la Mostra di Cinema Iberoamericano

Torna a Roma, dal 15 al 17 settembre 2023 SCOPRIR - Mostra di Cinema Iberoamericano, giunta alla sua undicesima edizione. Quest’anno verrà presentata la sezione Espacio Femenino, ciclo del cinema dedicato alla cultura femminile

Venezia 80

FantaLeone 2023, i vincitori del fantasy game dedicato a Venezia 80

Dopo avere scoperto il palmarès di Venezia 80, è il momento di rivelare i primi cinque classificati della prima edizione del FantaLeone di CinecittàNews, il primo fantasy game dedicato alla Mostra del Cinema

Venezia 80

“La ricerca, lo sviluppo e la centralità delle produttrici italiane”: Doc/It a Venezia

“La ricerca, lo sviluppo e la centralità delle produttrici italiane” è il titolo dell’incontro promosso da DOC/it, associazione dei Documentaristi e delle Documentariste italiane, nell’ambito del Venice Production Bridge di Venezia che si è tenuto durante l'80ma Mostra


Ultimi aggiornamenti