Zoe Saldana migrante sfortunata nel film d’esordio del marito Marco Perego

The Absence of Eden è stato presentato al 69mo Taormina Film Festival. Il primo lungometraggio del regista italiano trapiantato in America Marco Perego ha come protagonista sua moglie Zoe Saldana


TAORMINA – L’esperienza della migrazione accomuna milioni di persone in tutto il mondo, da sempre. Né è consapevole Marco Perego, regista italiano residente in America e sposato con la diva Zoe Saldana, anch’essa figlia di immigrati. In The Absence of Eden, il suo primo lungometraggio presentato al 69mo Taormina Film Festival, Perego affronta proprio questo tema, focalizzandosi sul caldo – in tutti i sensi – confine tra il Messico e gli Stati Uniti. Ambientazione in cui si trova perfettamente a proprio agio per ovvi motivi la sua celebre moglie, conosciuta principalmente per i ruoli nelle saghe di Avatar e I Guardiani della Galassia.

The Absence of Eden si sviluppa su due binari paralleli. Da una parte un neo-agente dell’ICE, l’agenzia federale responsabile del controllo della sicurezza delle frontiere, interpretato da Garrett Hedlund inizia a farsi le ossa nel contrasto – spesso feroce – all’immigrazione clandestina; dall’altra Esmeralda (Zoe Saldana) è una stripper costretta a emigrare negli States, tormentata in ogni istante dalla sua bellezza che la rende bersaglio privilegiato di uomini famelici. Due persone fondamentalmente sane e di buon cuore si troveranno presto rivali inconsapevoli di una battaglia che non è la loro.

Questi mondi antitetici vengono raccontati con crudezza, mettendo i personaggi di fronte a una realtà che spesso è molto più grande di quanto possano immaginare, riducendo quasi a zero le loro possibilità di scelta. Non c’è libero arbitrio nella storia raccontata da Perego, solo ruoli calati dall’alto che ci stringono in esistenze preconfezionate e inevitabili quanto tragici destini. Nel meccanismo malsano che si è creato intorno al passaggio del confine messicano, non c’è spazio per l’amore, né per l’innocenza, come si vede dal modo in cui vengono trattati i bambini presenti nella storia. Anche chi è senza colpe subisce il peso delle scelte altrui. La dualità che si crea è quella del “noi o loro”, in una guerra tra disperati in cui non ci potrà mai essere un vincitore.

The Absence of Eden gode di una messa in scena notevole per un’opera prima e, soprattutto, di interpretazioni di assoluto livello. Ciò che non brilla è forse una giusta gestione nella parte finale della trama, con la colpevole mancanza di un efficace momento climatico, che ci lascia appesi nella speranza di qualcosa in più. Ma forse era proprio questo l’obiettivo del regista: consapevole che, fino a quando il sistema non verrà completamente riformato, nessun lieto fine attende le migliaia di persone che ogni anno sono protagoniste di storie del tutto simili a questa.

Carlo D'Acquisto
01 Luglio 2023

Taormina 2023

Taormina 2023

Nastro a ‘La stranezza’, Roberto Andò: “A Taormina come chiudere un cerchio”

Roberto Andò ha parlato poco prima della consegna al suo La stranezza del Nastro d’Argento al ‘Film dell’anno’ 2023, in chiusura della 69ma edizione del Taormina Film Festival. Premi anche per Paola Minaccioni e Lucrezia Guidone

Taormina 2023

Willem Dafoe a Taormina: “Amo la commedia all’italiana e i film in pellicola”

Si è tenuto l'ultimo appuntamento aperto al pubblico del 69° Taormina Film Festival: una masterclass in cui hanno dialogato il celebre attore Willem Dafoe e il regista Abel Ferrara

Taormina 2023

‘Divinity’, fertilità o edonismo nello sci-fi horror di Eddie Alcazar

Divinity, diretto da Eddie Alcazar e prodotto da Steven Soderbergh è un thriller fantascientifico con forti sprazzi di erotismo ed horror. Ispirato al cinema degli anni '80 racconta di un mondo dove è stato sintetizzato un siero di eterna giovinezza

Taormina 2023

Papaleo: “I peggiori giorni mette un po’ di poesia intorno alla disperazione”

Dopo I migliori giorni, a Ferragosto vedremo arrivare nelle sale I peggiori giorni, presentato in anteprima assoluta al 69mo Taormina Film Festival. Il secondo film a episodi di Edoardo Leo e Massimiliano Bruno vanta ancora uno straordinario cast corale


Ultimi aggiornamenti