Venerdì 29 marzo, la rassegna stampa

Marlon Brando, Cinecittà, Zamora, Sean Penn e Netflix nella selezione di oggi


Ogni mattina CinecittàNews vi presenta un panorama delle notizie con cui i media seguono il mondo dell’audiovisivo.   

Marlon Brando, l’elogio di Giulio Base per il centenario

La Stampa ospita un articolo di Giulio Base, direttore artistico del Torino Film Festival, in occasione del centenario dalla nascita di Marlon Brando. Base che ha curato la prefazione della biografia edita da La Nave di Teseo e che a Brando ha dedicato il manifesto del prossimo TFF, ricorda la battaglia dell’attore per i diritti delle categorie più inascoltate. “Ha vissuto tragedie da non augurare a nessuno e che hanno lasciato inevitabilmente un segno nella sua vita che si è chiusa in solitudine, depressione e bulimia. (…) Un divo planetario che si è schierato a favore di ogni battaglia ritenuta giusta, a fianco dei “natives”, a favore degli afroamericani, marciando coi poveri, con gli oppressi, coi dimenticati, donando cifre pazzesche all’Unicef.

Cinecittà, un Pnrr che funziona

Il Foglio dedica un articolo di Stefano Cingolani al rilancio di Cinecittà. “Sembrava una ‘Mission impossible’ ma il risanamento prima e il rilancio poi di Cinecittà è oggi una realtà”, scrive il quotidiano che ricorda i conti appena presentati che nostrano un utile di esercizio l’anno scorso pari a 1,3 milioni di euro e un risultato positivo prima delle imposte di 1,8 milioni”. “Insomma  si può fare -osserva Il Foglio- si può lavorare insieme tra stato e privati ed è possibile anche rispettare tempi e criteri europei”.

Zamora, per Avvenire un ‘piccolo gioiello di cinematografia calcistica’

Avvenire dà ampio spazio alla prima prova dietro la macchina da presa di Neri MarcorèZamora, presentato in anteprima al Bif&st di Bari, nelle sale a partire da giovedì 4 aprile. “Che Neri Marcorè fosse uno degli artisti più eclettici del nostro panorama lo sapevamo da un pezzo”, scrive Massimiliano Castellani  che osserva: “Fate attenzione polo degli stadio e non, trattadio si pellicola che nel genere ‘filmografia calcistica’ se la gioca alla pari con l’unico film davvero riuscito, alle nostra latitudini e non solo, prima di questo: Ultimo minuti di Pupi Avati”

Penelope Cruz stilista con la sorella Monica

L’attrice premio Oscar che è testimonial per il brand di calzature e abbigliamento, sarà ora anche la stilista, insieme alla sorella Monica, di una capsule collection. “La nostra collezione si rivolge proprio a un modo complesso e variegato di donne che hanno esigenze differenti: l’eleganza, la comodità e la voglia di colore: non tutti gli accessori pratici devono essere neutri” racconta l’attrice a Carla Giusti sul Messaggero.

Sean Penn: “Erano 15 anni che non mi godevo la recitazione”

Sette ospita una lunga intervista di Luca Mastrantonio a Sean Penn in occasione dell’uscita sugli schermi con Asphalt City: “Io non funziono bene se non sono completamente coinvolto. Il film è molto cupo e io venivo da un momento della mia vita in cui avevo bisogno di ricaricarmi” (…) “Erano 15 anni che non mi godevo la recitazione. Da Milk di Gus Van Sant, l’ultimo film che ho apprezzato. Anche se mi arrivavano buone proposte, recitando mi sentivo molto infelice. Così mi sono fermato”.

Eleonora Andreatta: “Con Netflix raccontiamo il paese”

Sempre su Sette Eleonora Andreatta, vicepresidente dei contenuti italiani di Netflix, racconta la scelta di proporre contenuti che abbiano il coraggio di rompere gli stereotipi. Da Supersex a Lidia Poet, da Zerocalcare a Ilary Blasi, la volontà è quella di portare sullo schermo prodotti di carattere sociale e commenta la battuta di Nanni Moretti nel Sol dell’Avvenire: “Il What the Fuck è una battuta divertente ma non ci corrisponde: con serie, film, documentari esaltiamo la nostra creatività narrativa. Che è una grande opportunità economica”

Giulia Corsi
29 Marzo 2024

Rassegna stampa

good-morning-lunedi
Rassegna stampa

15 aprile 2024, la rassegna stampa

Le interviste a Kirsten Dunst e Massimo Ghini, la moda hollywoodiana dei biopic del rock, Virzì e il concorso di cortometraggi per ragazzi, i trent’anni di Hollywood Party, gli esiti dello scontro sulla governance Disney e le sue possibili conseguenze internazionali.

Rassegna stampa

Venerdì 12 aprile, la rassegna stampa

Il programma di Cannes e l'attesa per Sorrentino, Oppenheimer in Giappone, l'Italia di Ripley e il giovane Berlusconi su Netflix

Rassegna stampa

11 aprile 2024, la rassegna stampa

Il premio alla carriera a Milena Vukotic, Civil War e il presente degli Stati Uniti, i “non divi” italiani in guerra contro Netflix. Poi le interviste a Catherine Deneuve, Margherita Vicario e Giulio Base

Rassegna stampa

10 aprile 2024, la rassegna stampa

La battaglia degli attori contro Netflix, le interviste a George Miller, Luca Zingaretti, Pilar Fogliati, Massimo Ghini e alle interpreti di Gloria!


Ultimi aggiornamenti