Serialità e letteratura: dialogo tra Golino, De Cataldo e Scurati

Il confronto sugli adattamenti per le serie tv al ventennale di Sky


Letteratura e serialità, un rapporto solido e fecondo.

Valeria GolinoGiancarlo De Cataldo e Antonio Scurati ne hanno parlato in un talk nel corso di delle celebrazioni di “Sky 20 anni”: la relazione tra letteratura e grande e piccolo schermo è sempre stato fruttuosa, portando alla realizzazione, negli anni, di svariati capolavori e forse altrettante delusioni. Golino, De Cataldo e Scurati hanno raccontato i rispettivi adattamenti su cui sono al lavoro per le rispettive serie prodotte dalla piattaforma televisiva.

Attrice, sceneggiatrice e regista, Valeria Golino è al lavoro da anni sull’adattamento del capolavoro postumo di Goliarda Sapienza L’Arte della Gioia, prossimamente disponibile su Sky e Now. “Conosco il romanzo da parecchi anni – ha dichiarato Golino – da giovane ero interessata a questa storia e volevo trasporla per un’attrice, avevo l’età giusta per interpretare Modesta (la protagonista, ndr), personaggio unico nella letteratura italiana. Goliarda Sapienza ha finito di scrivere il libro a fine anni ’70 ed è stato pubblicato solo nel ’96. Vari registi, autori e produttori hanno provato a farne un film, senza mai riuscire. La serie è adattamento, infatti, di un libro molto difficile: una bestia a tre teste di letteratura barocca, disordinata, scabrosa, qualche volta addirittura dimenticante di tutte le regole della letteratura. Sono riuscita in parte a rendere la complessità di Modesta. Ma è chiaro che, rispetto al libro, era impossibile raggiungere quella profondità. La trasposizione è per sua natura snaturante. Non si può portare quell’approfondimento, quella bellezza, nelle immagini o nei dialoghi di un film. Ma si può fare altro, si può trovare un modo di trattenere un po’ di quella bellezza, di quella scabrosità e scorrettezza, in maniera organica rispetto al racconto televisivo. I puristi dell’Arte della Gioia si arrabbieranno. Quello della serie non è più il racconto del libro, perché il racconto della serie è filtrato dalla mia sensibilità e da quella degli sceneggiatori, la nostra estetica è cambiata, non sono più gli Anni ‘70. È un’altra cosa, si spera che nonostante non sia più quello sia comunque bello, e che siano rimaste intatte almeno alcune cose fondamentali del personaggio e della poetica di Goliarda Sapienza. Ma non sarà un copia incolla”.

Autore del romanzo vincitore del Premio Strega M. Il figlio del secoloAntonio Scurati è invece intervenuto raccontando il suo coinvolgimento in fase di scrittura della omonima serie Sky Original prodotta da Sky Studios (photocredit Andrea Pirrello) e da Lorenzo Mieli per The Apartment Pictures, società del gruppo Fremantle, in collaborazione con Pathé e Small Forward, girata in parte negli studi di Cinecittà. La serie in onda prossimamente su Sky e in streaming su Now, per Scurati “un’opera di livello artistico altissimo e di una potenza narrativa straordinaria”, ha potuto contare sull’apporto in fase di scrittura dell’autore Premio Strega: “Ho fiancheggiato la scrittura della serie fin dal principio, non sempre forse in maniera pacifica ma sempre stimolante”, ha dichiarato. “Quando cedi i diritti di un libro ti trovi a un bivio: o cerchi di prendere più soldi possibile e aspetti la fine delle riprese per poi dire quasi sempre ‘non mi piace’, oppure cerchi di collaborare e fare il possibile perché l’opera risulti a te congeniale. Ho scelto questa seconda strada. Provengo da una formazione intellettuale antifascista, che rivendico. Quando decidi di scrivere un romanzo su Mussolini, cosa che mai era stata fatta finora nel nostro Paese, la principale preoccupazione è di non arrivare a incoraggiare empatia o simpatia col protagonista. Mi ero imposto di proibirmi quelle procedure tipiche della forza di un romanzo. Dialoghi fittizi, scene inventate, introspezioni strumentali. Ho scelto un’altra via: Mussolini, straordinariamente interpretato da Luca Marinelli, sicuramente convoca la partecipazione emotiva dello spettatore nei confronti di questo farabutto formidabile, ma quando ti ci avvicini molto ti raggela, ti provoca orrore”.

“La trasposizione seriale del romanzo mi ha tolto un bel po’ di cicatrici”, ha detto Giancarlo De Cataldo, scrittore, magistrato e autore del soggetto della serie tratta dal suo Romanzo Criminale. “Mi ha aperto nuovi orizzonti e cancellato un certo snobismo, per cui quando nacque l’idea di una trasposizione seriale risposi che c’era già il film. ‘Vogliamo fare anche la tv?’, chiesi. Sky ha avuto un ruolo importante in tutto questo. La tv stava raggiungendo il cinema, offriva la grandissima opportunità di riprendere il tempo narrativo di un romanzo torrenziale come Romanzo e non costringerlo alle 2 ore e mezza della sala”.

04 Ottobre 2023

Eventi

Eventi

‘C’è ancora domani’, con il David Giovani arriva il premio delle istituzioni

L’evento promosso da Accademia del cinema italiano, Agis, Agiscuola, Anec e Alice nella città si è tenuto alla Camera alla presenza del cast del film di Paola Cortellesi

Eventi

‘Cinema Da Camera – David Giovani’: studenti, cinema e istituzioni riuniti a Roma

Anche il cast di C’è ancora domani all’evento del 27 maggio promosso da Accademia del Cinema Italiano - Premi David di Donatello, AGIS, AGISCUOLA, ANEC e Alice nella città

Eventi

Russel Crowe a Roma con la sua band: “Da sempre attratto dall’Italia”

L'attore sarà al Forum Theatre di Piazza Euclide il 26 e il 27 giugno

Eventi

Isabella Rossellini presenta ‘Green Porno’ e altri corti

L'evento si terrà giovedì 23 maggio alle 20.00 al Cinema Troisi di Roma alla presenza della regista e attrice, in dialogo con Antonio Monda


Ultimi aggiornamenti