Sciopero attori, negoziazioni interrotte: distanza tra le parti “troppo grande”

AMPTP avrebbe rifiutato di proteggere gli artisti dall'essere sostituiti dall'IA, di aumentare gli stipendi per stare al passo con l’inflazione e di condividere con loro una piccola parte delle proprie entrate


Dopo la chiusura positiva dello sciopero degli sceneggiatori, con una ratifica del nuovo contratto approvata con il 99% dei voti, arrivano brutte notizie sul fronte delle proteste relative agli attori. La AMPTP, associazione che rappresenta i produttori cinematografici e televisivi, ha infatti dichiarato che le negoziazioni con la SAG-AFTRA, il sindacato degli attori, sono state interrotte perché la distanza tra le due parti sarebbe “troppo grande”.

SAG-AFTRA ha rivelato che gli amministratori delegati del settore si sono allontanati dal tavolo delle trattative dopo essersi rifiutati di tenere in considerazione la loro ultima offerta. AMPTP avrebbe rifiutato di proteggere gli artisti dall’essere sostituiti dall’IA, di aumentare gli stipendi dei membri della SAG-AFTRA per stare al passo con l’inflazione e di condividere con loro una piccola parte delle proprie entrate (circa il 2%).

I produttori, in un comunicato stampa, hanno così giustificato quest’ultima scelta: “Questo bonus audience, da solo, costerebbe più di 800 milioni di dollari all’anno, creando un onere economico insostenibile. La SAG-AFTRA ha presentato poche, se non nessuna, proposta sui numerosi punti ancora aperti. Dopo significative conversazioni, è chiaro che il divario tra l’AMPTP e la SAG-AFTRA è troppo grande e le conversazioni non ci stanno più portando in una direzione produttiva. Speriamo che la SAG-AFTRA ci ripensi e torni presto a negoziare in modo costruttivo”.

SAG-AFTRA ha affermato che la cifra di 800 milioni è esagerata del 60% e che la sua proposta costerebbe alle piattaforme di streaming 57 centesimi per abbonato all’anno, accusando AMPTP di usare “tattiche da bulli” nei loro confronti e invocando nuovi picchetti di protesta.

Insomma, le parti non sono state mai così distanti come ora e lo sciopero promette di allungarsi ancora, superando i 95 giorni raggiunti da quello del 1980.

redazione
12 Ottobre 2023

Hollywood

Picchetto di attori in sciopero
Hollywood

Sciopero, attori di Hollywood ratificano accordo con gli Studios

Il documento sancisce ufficialmente la fine della più lunga battaglia sindacale della storia di Hollywood. Aumentati i compensi minimi e "arginata" l'AI

Hollywood

Maccanico: “Fine sciopero notizia delle notizie per l’audiovisivo”

Nicola Maccanico, AD di Cinecittà, commenta così a SkyTg24 la fine dello sciopero di Hollywood

Michael Keaton nei panni del mitico Beetlejuice
Hollywood

I sequel di ‘Deadpool’, ‘Beetlejuice’e ‘Il Gladiatore’ tra i primi a ripartire dopo lo sciopero

Il periodo di protesta da parte degli attori è giunto finalmente al termine, e a Hollywood si sta preparando per la ripresa delle produzioni cinematografiche che erano state interrotte lo scorso estate, a partire da quelle a cui mancavano meno giorni di lavorazione. Beetlejuice esempio lampante: bisogna girare ancora un solo giorno

Hollywood

Efron, White e Dickinson scoprono sul red carpet che è finito lo sciopero: “Davvero? Incredibile!”

Gli attori erano impegnati nella promozione di 'The Iron Claw' quando i giornalisti li hanno avvisati dell'accordo tra il sindacato e i produttori


Ultimi aggiornamenti